I dieci giorni di Meraviglia - Yamim Nora'im Anno 5775
Village of Hope & Justice Ministry  - Cod. Fisc. 95117280636
My Blog

I dieci giorni di Meraviglia - Yamim Nora'im Anno 5775

Shofar

Ora siamo in un importante periodo di 10 giorni, conosciuto come le Giornate di Meraviglia (Yamim Nora'im), periodo iniziato la scorsa settimana con Rosh Hashanah (l’inizio dell’anno ebraico) che si concluderà con la notte di Sabato di questa settimana con la chiusura dello Yom Kippur (Giorno dell'espiazione).  
Oggi è il 5 ° giorno o metà delle Giornate di Meraviglia (Yamim Nora'im). 
Un nome più comune per questo periodo di 10 giorni è i 10 Giorni di Pentimento (Aseret Yemei Teshuvah).









Un uomo ebreo loda Dio al Muro Occidentale del tempio (anche detto muro del Pianto) a Gerusalemme.
In mano egli ha uno shofar in stile yemenita, che viene soffiato durante i Giorni Santi. “6 Con trombe e col suono del corno, fate acclamazioni al Re, all’Eterno.” (Salmo 98: 6)

Tradizionalmente, il Rosh Hashanah, noto anche come Yom Teruah, è un giorno del giudizio in cui Dio apre il suo libro, esaminando le nostre azioni, e decide chi vivrà, chi morirà, chi avrà una buona vita, e chi avrà una vita piena di problemi. Mentre si ritiene che Dio fa il suo decreto durante il Rosh Hashanah, si crede anche che il decreto non è sigillato nel Libro della Vita fino a Yom Kippur. 

In questi giorni di Meraviglia, ci pentiamo dei nostri peccati del passato anno, sempre memori che Dio è un giusto giudice; tutte le sue vie sono uniche e vere. Egli ricompenserà i giusti e non permetterà ai malfattori di essere impuniti. "11 e la gente dirà: Certo, vi è una ricompensa per il giusto; certo c’è un Dio che giudica sulla terra!"(Salmo 58:11)


Ebrei Ortodossi alla ricerca di Dio con un atteggiamento di pentimento sincero durante i giorni santi al muro del Pianto.  
Il concetto del Libro della Vita e la sua connessione al giudizio è del tutto scritturale. La Bibbia, infatti, contiene molti riferimenti al Libro della Vita. L'ebraico profeta Daniele scrisse che "E in quel tempo sorgerà Micael, il gran capo, il difensore de’ figliuoli del tuo popolo; e sarà un tempo d’angoscia, quale non n’ebbe mai da quando esiston nazioni fino a quell’epoca; e in quel tempo, il tuo popolo sarà salvato; tutti quelli, cioè, che saran trovati iscritti nel libro." (Daniele 12: 1)
Vediamo anche riferimenti nella Brit Chadashah (Nuovo Testamento):
"5 Chi vince sarà così vestito di vesti bianche, ed io non cancellerò il suo nome dal libro della vita, e confesserò il suo nome nel cospetto del Padre mio e nel cospetto dei suoi angeli.” (Apocalisse 3: 5)
"15 E se qualcuno non fu trovato scritto nel libro della vita, fu gettato nello stagno di fuoco.” (Apocalisse 20:15)
Che la nostra famiglia, i nostri cari, e il popolo ebraico possa trovare i propri nomi scritti nel Libro della Vita dell'Agnello.

Rotolo della Torah
Teshuvah e Tzedakah

L’ Ebraismo crede tradizionalmente che le azioni coerenti con teshuvah (pentimento), Tefilah (preghiera), e tzedakah (carità / buone azioni) durante i giorni di Merviglia possano cambiare il decreto di Dio, che è stato rilasciato il giorno di Rosh Hashanah.
Per questo motivo, è consuetudine in questi 10 giorni trascorrere del tempo sempre nella corretta attitudine con Dio e con i nostri simili.

Gli Ebrei ortodossi cercheranno in questo tempo il perdono da ogni persona a cui hanno fatto un torto e cercheranno di fare ammenda.


Inoltre, poco prima di Yom Kippur, l’ ebreo ultra-ortodosso (chassidico) e alcuni ebrei ortodossi eseguono una cerimonia chiamata “Kaparot” dalla KPR radice ebraica, che significa “espiare”, dove i peccati di una persona sono simbolicamente trasferiti ad un pollo. Il rituale "Kaparot" si svolge alla vigilia di Yom-Kippur nella zona di Gerusalemme chiamata Mea She'arim.

Un pollo vivo è tenuto sopra la testa con la mano destra e viene fatto circolare per tre volte intorno alla testa mentre si recita questa preghiera: "Questo è il mio sostituto, la mia offerta vicaria, la mia espiazione (kaparah). Questo gallo (gallina) va incontro alla sua morte, ma io troverò una lunga e piacevole vita di pace." L'origine di questa pratica è sconosciuta. Non è menzionato nel Talmud (scritti rabbinici), e molti rabbini la vedono come un costume sciocco o pagano. Tuttavia, la pratica è sopravvissuta in alcune comunità. Il pollo viene macellato dopo la preghiera e dato ai poveri. La speranza per questa cerimonia è che ispiri le persone (teshuvah) ritornino a Dio attraverso il pentimento e riparino le loro vie malvagie.
Lo shofar è pensato per risvegliare l'anima che dorme rivolgendosi così al pentimento e che si prepari al giudizio.
In un'altra cerimonia di penitenza, alcuni rabbini religiosi utilizzeranno una cinghia per infliggere frustate leggere alla schiena di un ragazzo o un uomo in modo che la persona senta un po’ di dolore o fastidio per simboleggiare il pentimento dei propri peccati. Questa stessa persona poi reciterà preghiere di pentimento e darà soldi al rabbino, che li darà a sua volta in beneficenza (tzedakah).
Tuttavia, la maggior parte del popolo preferisce offrire denaro (tzedakah) piuttosto che sacrificare un pollo o prendere le cinghiate. Così invece di agitare un pollo, si agitano le monete, che vengono poi date in beneficenza. Alcuni ebrei praticano questa usanza fuori del rituale religioso senza una vera comprensione del concetto di espiazione.
Questo ragazzo ebreo chassidico partecipa ad una Cerimonia “Kaparot” in cui i suoi peccati sono simbolicamente trasferiti al pollo. Sperare di ottenere il perdono divino attraverso il sacrificio di un pollo o la concessione di “tzedakah” è una speranza vana. Nessuna quantità di argento o oro può liberarci dall'ira di Dio. "18 Né il loro argento né il loro oro li potrà liberare nel giorno dell’ira dell’Eterno; ma tutto il paese sarà divorato dal fuoco della sua gelosia; giacché egli farà una totale, una subitanea distruzione di tutti gli abitanti del paese." (Sofonia 1:18)
Siamo stati riscattati senza denaro attraverso il dono prezioso e costoso del sangue del Messia Yeshua (Gesù). “12 e non mediante il sangue di becchi e di vitelli, ma mediante il proprio sangue, è entrato una volta per sempre nel santuario, avendo acquistata una redenzione eterna.”(Ebrei 9:12)  
"3 Poiché così parla l’Eterno: Voi siete stati venduti per nulla, e sarete riscattati senza denaro.” (Isaia 52: 3)

Anche se non possiamo espiare i nostri peccati con doni in denaro, Dio ci dice di essere generosi verso i poveri e i bisognosi in terra. Egli promette che se siamo obbedienti alla scrittura, allora Egli ci benedirà tutti, noi che abbiamo impostato le nostre mani a Lui!
7 Quando vi sarà in mezzo a te qualcuno de’ tuoi fratelli che sia bisognoso in una delle tue città nel paese che l’Eterno, l’Iddio tuo, ti dà, non indurerai il cuor tuo, e non chiuderai la mano davanti al tuo fratello bisognoso; 8 anzi gli aprirai largamente la mano e gli presterai quanto gli abbisognerà per la necessità nella quale si trova. 9 Guardati dall’ accogliere  in cuor tuo un cattivo pensiero, che ti faccia dire: "Il settimo anno, l’anno di remissione, e vicino!", e ti spinga ad essere spietato verso il tuo fratello bisognoso, sì da non dargli nulla; poiché’ egli griderebbe contro di te all’Eterno, e ci sarebbe del peccato in te. 10 Dagli liberalmente; e quando gli darai, non te ne dolga il cuore; perché, a motivo di questo, l’Eterno, l’Iddio tuo, ti benedirà in ogni opera tua e in ogni cosa a cui porrai mano. 11 Poiché i bisognosi non mancheranno mai nel paese; perciò io ti do questo comandamento, e ti dico: "Apri liberalmente la tua mano al tuo fratello povero e bisognoso nel tuo paese". (Deuteronomio 15: 7-11)
Nella Torah, dare ai poveri della terra di Israele non è facoltativo:
"7 Quando vi sarà in mezzo a te qualcuno de’ tuoi fratelli che sia bisognoso in una delle tue città nel paese che l’Eterno, l’Iddio tuo, ti dà, non indurerai il cuor tuo, e non chiuderai la mano davanti al tuo fratello bisognoso; 8 anzi gli aprirai largamente la mano e gli presterai quanto gli abbisognerà per la necessità nella quale si trova."(Deuteronomio 15: 7-8)
Secondo la tradizione ebraica, tzedakah  è così fondamentale per l'ebraismo che se un ebreo non riesce a mostrare misericordia verso i poveri, il suo lignaggio è considerato sospetto.
Durante questi giorni di meraviglia, però, l’offerta in denaro “tzedakah” sarà offerta al di là di ciò che normalmente si da durante tutto l'anno.
Un bimbo ebreo pone il suo contributo nel Pushka (piccola scatola), una scatola speciale trovata in molte  case ebraiche per la concessione di tzedakah (carità).


































Chiusura della Porta
A Yom Kippur, il servizio di chiusura si chiama Nillah, il che significa “la chiusura di un cancello”.

La tradizione nel giudaismo vuole che fino a questo ultimo momento, siamo in grado di pentirci e pregare per la misericordia di Dio; ma quando arriva il crepuscolo e il digiuno di Yom Kippur è finito, il cancello è chiuso e il giudizio è sigillato.
Contrariamente alla percezione di un cancello che deve essere socchiuso prima di essere definitivamente serrato, l'accesso attraverso questa porta non è mai così facile come nelle ore precedenti Yom Kippur. Questo è un momento in cui i cieli sono spalancati.
Nel Brit Chadashah (Nuovo Testamento), Yeshua (Gesù) disse che Egli è la porta per le sue pecore.
"9 Io son la porta; se uno entra per me, sarà salvato, ed entrerà ed uscirà, e troverà pastura.” (Giovanni 10: 9)
Per capire che cosa vuol dire Gesù da questo, esaminiamo lo scopo di un cancello.
1 Un cancello ci dà accesso ad un luogo; per raggiungere l'altro lato, andiamo attraverso il cancello. Attraverso Gesù, per fede, abbiamo accesso all'eternità:
25 Gesù le disse: Io son la resurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muoia, vivrà; 26 e chiunque vive e crede in me, non morrà mai. Credi tu questo?" (Giovanni 11: 25-26)
 
Un cancello antico in Kfar Nahum (Cafarnao), che si trova sulla sponda settentrionale del Mar di Galilea.
2. Un cancello fornisce anche una via attraverso una barriera. I nostri peccati ci separano da Dio, ma attraverso Gesù, Ebreo e Gentile hanno accesso al Padre in cielo (Abba b'Shamayim).
"6 Gesù gli disse: Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me." (Giovanni 14: 6)
3. Il cancello controlla quelli che possono o non possono entrare:
"14 Beati coloro che lavano le loro vesti per aver diritto all’albero della vita e per entrare per le porte nella città! 15 Fuori i cani, gli stregoni, i fornicatori, gli omicidi, gli idolatri e chiunque ama e pratica la menzogna" (Apocalisse 22: 14-15)
4. Yeshua ci dice che chiunque tenti di salire in qualche altra maniera è un ladro e rapinatore:
"1 In verità, in verità io vi dico che chi non entra per la porta nell’ovile delle pecore, ma vi sale da un’altra parte, esso è un ladro e un brigante." (Giovanni 10: 1)
Durante questo periodo di auto-analisi e di ricerca interiore, il peccato viene confessato e il rimorso si esprime in maniera tangibile.
Che Nessuno perisca
“14 Così è voler del Padre vostro che è nei cieli, che neppure un di questi piccoli perisca.” (Matteo 18:14)
Questa è stata la ragione per cui si richiede l’espiazione dai peccati commessi e si prega per il ritorno di Yeshua il Messia. Il suo stesso nome significa salvezza!
“17 Infatti Iddio non ha mandato il suo Figliuolo nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui.” (Giovanni 3:17)
Mentre moriva sulla croce tra due criminali, Gesù offrì un posto in Paradiso a colui che pose la propria fede in lui. Gesù gli disse: "43 E Gesù gli disse: Io ti dico in verità che oggi tu sarai meco in paradiso." (Luca 23:43)
Sappiamo che fino all'ultimo respiro di un essere umano, la porta alla salvezza attraverso il Messia Yeshua è ancora aperta.







Preghiera al Muro Occidentale
Mentre passiamo attraverso questi dieci giorni di Meraviglia (Yamim Nora'im), dedichiamo il nostro tempo a migliorare la nostra vita dinanzi a Dio e con gli altri. Questo è il momento di lasciarsi andare al perdono, e a cercare il perdono. Questi dieci giorni di “Meraviglia” sono l'occasione per cercare seriamente il volto di Dio, per esaminare le nostre vite, e pentirci davanti a Lui per i nostri peccati. E 'il momento per invocare la Sua misericordia per noi stessi, le nostre famiglie, le nostre nazioni, e per Israele.

Come il popolo ebraico rivolge il loro cuore a Dio nel pentimento ed esamina le sue vie durante questa settimana, noi credenti in Yeshua preghiamo con fervore che essi possano vedere Gesù nelle profezie della loro Bibbia ed entrare attraverso la Porta della Vita Eterna....

0 Comments to I dieci giorni di Meraviglia - Yamim Nora'im Anno 5775:

Comments RSS

Add a Comment

Your Name:
Email Address: (Required)
Website:
Comment:
Make your text bigger, bold, italic and more with HTML tags. We'll show you how.
Post Comment
RSS Follow Become a Fan

Delivered by FeedBurner


Recent Posts

Torah Portion Pinchas (Phinehas)/Porzione Torah Pinchas (Phinehas)
Serie di Studi Biblici Messianici: Yeshua Ha Mashiach (Gesu' Cristo il Messia) nel Vecchio Testamento (in Italiano)
Torah Portion Balak/Porzione Torah Balak
Torah Portion Chukat/Porzione Torah Chukat
Time of Judgement/Tempo di Giudizio

Most Popular Posts

ASILO NIDO FAMIGLIA BILINGUE A DOMICILIO
Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
SUMMER CAMP 2013 UPDATES
SUMMER CAMP 2013

Categories

"Messianic Bible Studies Series" Registration
A MOBILE COLLEGE
BACK TO SCHOOL 2013
BAMBINI DALLA SCUOLA DI STRADA ALLA SCUOLA IN CASA
Baxk To School 2014
Believe
BIBBIA PROFETICA MESSIANICA ANNO 5775 PRIMA PORZIONE DI TORAH DELL'ANNO
Casa di Preghiera & Accoglienza Place of Shalom Pozzuoli, Napoli
Casa di preghiera di Gerusalemme
Cio' in cui crediamo
Come l'Apostolo Paolo
Con i miei occhi la biblioteca per i nonni e i disabili visivi
CORSI AUTUNNALI SETTIMANALI
CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI
CORSO DI CUCITO
CORSO DI DECOUPAGE
CORSO DI EBRAICO BIBLICO A POZZUOLI IN SEDE E ONLINE SONO APERTE LE ISCRIZIONI
Daily Drop
Daily Mitzvah (Maimonides)
Daily Prayer Points
Daily Tehillim
Daily Wisdom
Daily Word
EMPLOYMENT AVAILABLE Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
English Courses for You
EVENTO TRE PER DUE
Facilitating and enhancing social inclusion of people with special needs
Generate a list of Yahrzeit dates, Hebrew Birthdays, or Hebrew Anniversaries for the next 20 years
Healing
Holocaust Memorial Day
II Porzione di Torah dell'anno 5775
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
Israel Updates
Italian House of Prayer Jerusalem/Casa di Preghiera Italiana a Gerusalemme
Kehila News Israel
La Stanza di Elia/Elijah Room
LEADERSHIP COURSE
Messianic Bible
Missione la pupilla del suo occhio 2015
MISSSION 3721
Monthly Newsletter
My Dream
ORFANI E VEDOVE
Our Tithes to Israel - Le Nostre Decime a Israele
Prayer Points
Raccolta Fondi Asilo Nido Bilingue Gratuito de L'Aquila
Raccolta Fondi per Emergenza Terremoto Amatrice, Italia - Fundraising Earthquake Emergency for Italy
RECUPERO MATERIA SCOLASTICA INGLESE
Scriptural References and daily Prayer Points
SERVIZI DI GUIDA TURISTICA E ACCOMPAGNATORI TURISTICI (CORRIERI)
SHINE PROJECT - FREE WORKSHOP
SMALL THINGS MAKE BIG CHANGES IN PEOPLE LIVES
START-UP IMMA (in ebraico mamma)
Start-Up Imma al Social Lab - Il Forum Regionale sulle Politiche Sociali - 13 Febbraio 2015 Pescara,
SUMMER CAMP 2013
TEA Parties
Teacher's Hunt!
Tempi di Gloria
The Children of Zion, His Holy People.
The Day of Prayer for the Persecuted Church
The Marriage Service
THE PATH OF THE GODS & THE CALL OF GOD 13 APRIL 2013
This is Christmas - (Questo e' Natale) - Evento Gratuito per bambini - Domenica 14, 21, 28 Dicem
This is Revival 2013 (Questo e' Risveglio 2013)
Time of Judgement/Tempi di Giudizio
Times of Glory Isaiah 66:18
TRAVEL TO ISRAEL 2013
TRAVEL TO UK 2013
Village of Hope & Justice Ministry (Onlus) Israele
Village of Hope & Justice MInistry Bible Studies
VILLAGE OF HOPE & JUSTICE MINISTRY MOBILE COLLEGE
Village of Hope & Justice Ministry Onlus Offerta Formativa Estate 2014
WAILING WALL: PRAYER REQUESTS AND ANSWERS TO PRAYER
Weekly Stories from Israel
Weekly Torah Portion
Welocome Home - Your room in Jerusalem - Italian House of Prayer Jerusalem
What we believe
Yad HaShoah Holocaust Memorial Day
Yamim Nora’im Anno 5775
Yom Kippur 5777 Appeal

Archives

July 2017
June 2017
May 2017
April 2017
March 2017
February 2017
January 2017
December 2016
November 2016
October 2016
September 2016
August 2016
July 2016
June 2016
May 2016
April 2016
March 2016
February 2016
January 2016
December 2015
November 2015
July 2015
March 2015
February 2015
January 2015
December 2014
November 2014
October 2014
September 2014
April 2014
January 2014
December 2013
September 2013
August 2013
July 2013
June 2013
May 2013
April 2013
March 2013
February 2013

powered by

Website Builder provided by  Vistaprint