Torah portion Mishpatim/Porzione di Torah Mishpatim
Village of Hope & Justice Ministry  - Cod. Fisc. 95117280636
My Blog

Torah portion Mishpatim/Porzione di Torah Mishpatim

Shabbat Shalom!
 
Welcome to Mishpatim (Laws), this week’s Parasha (Torah Portion).
 
This portion of Torah will be read during this week’s Shabbat (Saturday) service in synagogues all around the world.
 
 


Mishpatim (Laws)
Exodus 21:1–24:18; Jeremiah 34:8–22, 33:25–26; Colossians 3:1–25
 
“These are the ordinances [mishpatim הַמִּשְׁפָּטִים] that you are to set before them.” (Exodus 21:1)
 
In last week’s portion of Scripture, Israel received the Ten Commandments at Mount Sinai.
 
This week, God gives specific legislation, laws called mishpatim, which means judgments. These are intended to guide the daily lives of His holy nation in justice and righteousness.
 
Once We Were Slaves

“When you acquire a Jewish bondsman, for six years he shall work and in the seventh year he shall go free.” (Exodus 21:2)
 
Since the Israelites had just been released from slavery, the first of God’s mishpatim deals with servants and slaves.
 
According to the rabbis, the six years that a slave is obligated to work represent the 6,000 years that we will work to serve the Lord. The seventh year of freedom represents the Messianic age, the thousand years when we will rule and reign from Jerusalem with Messiah, who will sit on the Throne of His earthly father David.
 
Several verses later in this passage, the painful experiences of the Israelites in Egypt are highlighted again, this time to elicit empathy for the foreigner. God commands the Israelites that foreigners be treated with kindness and respect.
 
“You shall neither mistreat a stranger nor oppress him, for you were strangers in the land of Egypt.” (Exodus 22:21)
 
A Jewish teen holds a Torah scroll covered by an ornately decorated Torah mantle that commemorates those who perished in Nazi death camps during the Holocaust.
 
In total, Parasha Mishpatim contains 53 mitzvot (commands) 23 imperative commandments and 30 prohibitions.
 
This series of laws, also called “The Covenant Code” by some Bible scholars, specify penalties for various violent crimes such as murder, kidnapping, and assault. Pre-meditated murder, kidnapping, and striking or even cursing a parent all carry the death penalty.
 
“And he who curses his father or his mother shall surely be put to death.” (Exodus 21:17)
 
Laws were also given regarding how to make reparation for assault and injuries caused by animals, as well as damage to crops or livestock. They prohibit seduction of virgins, the practice of sorcery, bestiality, idolatry, and mistreating the disadvantaged of society.
 
Infractions of these laws often carry the severest of penalties, death by stoning, since God wanted to keep peace and order within the camp.
 
But it is more than that. God has genuine concern for justice and the well-being of the individual.  
 
For instance, if a widow or fatherless child is to cry out to God because of someone’s ill treatment of them, God promises He will pour out His fierce wrath upon their oppressor and kill them so that their wives would be widows and their children fatherless (Exodus 22:22–24).
 
Remember the Sabbath and the Appointed Times

This week’s Parasha also reveals the law of the Sabbath, which is more than a Sabbath rest every seventh day.
 
Every seven years, the land is to enjoy a Sabbath rest called the Shemitah. Israel ended its seventh year of letting the land lie fallow in September 2015.
 
“Six years you shall sow your land and gather in its produce, but the seventh year you shall let it rest and lie fallow, that the poor of your people may eat; and what they leave, the beasts of the field may eat.” (Exodus 23:10–11)
 
As well, the three pilgrimage festivals are mentioned as a time when all adult Jewish males are to appear before the Lord: Pesach (Passover), Shavuot (Pentecost), and Sukkot (Feast of Tabernacles).
 
“Three times in the year all your males shall appear before the Lord GOD.” (Exodus 23:17)
 
In this Parasha, Moses reads before all the people the Book of the Covenant that God has given Israel. After the people commit to keeping God’s law, Moses sprinkles blood upon the altar and on the people as well, since all covenants are formally ratified and are usually sealed with blood.
 
“Then he took the Book of the Covenant and read in the hearing of the people. And they said, ‘All that the LORD has said we will do, and be obedient.’ And Moses took the blood, sprinkled it on the people, and said, ‘This is the blood of the covenant which the LORD has made with you according to all these words.’” (Exodus 24:7–8)
 
Likewise, the New Covenant was sealed with the blood of Messiah, Yeshua, the Lamb of God. At the Passover meal with His disciples, Yeshua held up the cup of redemption and said, “This cup which is poured out for you is the new covenant in My blood.” (Luke 22:20)
 
The most righteous of all men, Yeshua HaMashiach, became the final atonement for all generations who accept His sacrifice on their behalf.
 
“I, the LORD, have called you in righteousness; I will take hold of your hand. I will keep you and will make you to be a covenant for the people and a light for the Gentiles, to open eyes that are blind, to free captives from prison and to release from the dungeon those who sit in darkness.” (Isaiah 42:6–7)
 
Haftarah (Prophetic Reading) for Mishpatim
 
Haftarah Mishpatim opens with a covenant that King Zedekiah (last king of the First Temple time) and the people of Jerusalem made with each other before God in His holy Temple.
 
In that covenant, they agreed to free the Hebrew slaves who had been held longer than the prescribed term of six years.
 
Sadly, it seems the people tried to manipulate God by freeing their slaves as God commanded so that He would turn back siege forces coming against Jerusalem.  
 
Once those siege forces turned back, the people broke the covenant by forcing the freed men and women back into slavery.
 
God reminds them of the seriousness of this covenant with each other by including in Jeremiah's prophecy their act of walking between two halves of a slaughtered animal.  
 
Why such a gory scene?  

Covenants are not to be taken lightly. As covenant parties walked through these bloodied carcasses, they saw the punishment to themselves of violating the covenant they made, they would also be cut in two, metaphorically if not literally.
 
In this Haftarah, God chastised the people for violating the covenant they made. They also violated the law God gave their ancestors when they left Egypt, to free slaves after six years of work.
 
As a result, God promised to release famine, pestilence, and the sword over the city, to bring Babylon against Jerusalem, which occurred under Zedekiah's watch.
 
Jeremiah 34:8–16, therefore, is a judgment prophecy against the re-enslavement of Judean slaves and the breaking of covenant.
 
Still, today, we cannot make a covenant with God in order to get a particular result (in this case, the safety of Jerusalem), and then renege on our agreement once we get what we want.
 
Just as God had His eye on the covenant made with Zedekiah, He has His eye on the covenants and promises that we make with Him and with one another.
 
Moreover, we cannot expect to treat people as less worthy than ourselves, to take away their inalienable rights or take advantage of their time, talents, or labor, and expect God's blessings.
 
God is not like that; He is a covenant-keeping God and He wants us to be just as faithful.
 
"If I have not made My covenant with day and night and established the laws of heaven and earth, then I will reject the descendants of Jacob and David My servant and will not choose one of his sons to rule over the descendants of Abraham, Isaac and Jacob. For I will restore their fortunes and have compassion on them." (Jeremiah 33:25–26)
 
Shabbat Shalom!
 
Benvenuti aMishpatim (leggi),di questa Parasha (Porzione Torah) della settimana.
Questa porzione di Torah sarà letta durante il servizio di Shabbat (Sabato) di questa settimana nelle sinagoghe di tutto il mondo. 
 
Mishpatim(leggi)
Esodo 21: 1-24: 18; Geremia 34: 8-22, 33: 25-26; Colossesi 3: 1-25
" 1 Or queste sono le leggi [mishpatim הַמִּשְׁפָּטִים] che tu porrai dinanzi a loro " (Esodo 21: 1)
 
Nella parte della Scrittura della scorsa settimana, Israele ha ricevuto i Dieci Comandamenti sul Monte Sinai.
Questa settimana, Dio dà una legislazione specifica, le leggi chiamate mishpatim, il che significa “i giudizi”. Queste hanno lo scopo di guidare la vita quotidiana della sua nazione santa nella giustizia e nella rettitudine.
 
Una volta eravamo schiavi
 
" 2 Quando tu avrai acquistato uno schiavo ebreo, egli ti servirà per sei anni e nel settimo potrà andarsene libero, senza riscatto. " (Esodo 21: 2)
 
Dal momento che gli Israeliti erano appena usciti dalla schiavitù, questa era la prima delle leggi offerte Mishpatim da Dio a servi e schiavi.
 
Secondo i rabbini, i sei anni che uno schiavo è obbligato a lavorare rappresentano i 6000 anni che lavoreremo per servire il Signore. Il settimo anno di libertà rappresenta il tempo messianico, i mille anni in cui ci sarà a governare e a regnare a Gerusalemme il Messia, che siederà sul trono di Suo Padre terreno David.
 
Diversi versetti più avanti in questo passaggio, descrivono le dolorose esperienze degli Israeliti in Egitto che sono evidenziate ancora una volta, e questa volta servono a suscitare empatia per lo straniero. Dio comanda agli israeliti che gli stranieri siano trattati con gentilezza e rispetto.
 
"21 Non maltratterai lo straniero e non l’opprimerai; perché anche voi foste stranieri nel paese d’Egitto.". (Esodo 22,21)
 
In totale, la Parasha Mishpatim contiene 53 Mitzvot (comandi) 23 comandamenti imperativi e 30 divieti.
 
Questa serie di leggi, chiamato anche "Il Codice dell’ Alleanza" da parte di alcuni studiosi della Bibbia, specifica le pene per vari reati violenti come l'omicidio, il sequestro di persona e l’aggressione. L’omicidio premeditato, il sequestro di persona, e sorprendentemente anche maledire un genitore, tutti questi peccati portano la pena di morte.
 
"17 Colui che maledice suo padre o sua madre sarà messo a morte. “ (Esodo 21,17)
 
Le leggi sono state date anche per quanto riguarda a come riparare all’ aggressione e a lesioni causate da animali, come pure i danni alle colture o al bestiame. Le leggi proibiscono la seduzione delle vergini, la pratica della stregoneria, la bestialità, l'idolatria, e il maltrattare gli svantaggiati della società.
 
Le infrazioni di queste leggi spesso sono più severe delle sanzioni, con la morte per lapidazione, poiché Dio ha voluto mantenere la pace e l'ordine all'interno del campo. Ma è più di questo. Dio ha genuina preoccupazione per la giustizia e il benessere dell'individuo.
 
Per esempio nel libro dell’ Esodo 22: 22-24 , se la vedova o l'orfano grida a Dio a causa di maltrattamenti, Dio promette che Egli verserà la sua ira sugli oppressori e li ucciderà in modo che le loro mogli saranno vedove e i loro orfani.

Esodo 22: 22-24 - 22 Non affliggerete alcuna vedova, ne alcun orfano. 23 Se in qualche modo li affliggi, ed essi gridano a me, io udrò senza dubbio il loro grido; 24 la mia ira s’accenderà, e io vi ucciderò con la spada; e le vostre mogli saranno vedove, e i vostri figliuoli orfani.  

Ricordate il sabato e i tempi designati
 
La Parasha di questa settimana rivela anche la legge del sabato, che è più di un sabato di riposo ogni sette giorni.
 
Ogni sette anni, la terra ha tempo di godere di un riposo sabbatico chiamato shemittàh. Israele ha chiuso il suo settimo anno in cui doveva lasciare il terreno incolto nel mese di settembre del 2015.
 
"10 «Per sei anni seminerai la tua terra e ne raccoglierai i frutti; 11 ma il settimo anno la lascerai riposare, incolta; i poveri del tuo popolo ne godranno, e le bestie della campagna mangeranno quel che rimarrà. Lo stesso farai della tua vigna e dei tuoi ulivi."(Esodo 23: 10-11).
 
Inoltre, le tre feste di pellegrinaggio sono citate come un momento in cui tutti i maschi ebrei adulti devono comparire davanti al Signore: Pesach (Pasqua), Shavuot (Pentecoste), e Sukkot (Festa dei Tabernacoli).
 
"Tre volte all’anno tutti i maschi compariranno davanti al Signore, l’Eterno." (Esodo 23:17)
 
In questa Parasha, Mosè legge alla presenza del Suo Popolo, dal libro del patto che Dio ha dato a Israele. Dopo che il Suo Popolo si impegna a mantenere la legge di Dio, Mosè asperge sangue sull'altare e sulle popolo, dal momento che tutti i patti sono formalmente ratificati e di solito sono sigillati con il sangue.
 
"7 Poi prese il Libro del Patto, e lo lesse in presenza del popolo. E esso disse: Noi faremo tutto quello che il Signore ha detto, e ubbidiremo. 8 Allora Mosè prese quel sangue, e lo sparse sopra il popolo, e disse: Ecco il sangue del patto che il Signore ha fatto con voi, sopra tutte quelle parole." (Esodo 24: 7-8)
 
Allo stesso modo, il Nuovo Patto è stata sigillato con il sangue del Messia, Gesù, l'Agnello di Dio. Alla cena pasquale con i suoi discepoli, Gesù alzò il calice della salvezza e disse: " 20 Parimente ancora, dopo aver cenato, dette loro il calice dicendo: Questo calice è il nuovo patto nel mio sangue, il quale è sparso per voi.".(Luca 22:20)
 
Il più giusto di tutti gli uomini, Yeshua HaMashiach, divenne l'espiazione finale per tutte le generazioni che accettano il Suo sacrificio per loro conto.

"6 «Io, il Signore, ti ho chiamato per la giustizia e ti ho preso per mano; ti ho formato e stabilito come alleanza del popolo e luce delle nazioni, 7 perché tu apra gli occhi ai ciechi e faccia uscire dal carcere i prigionieri, dalla reclusione coloro che abitano nelle tenebre. "(Isaia 42 : 6-7)
 
Haftarah (Lettura Profetica) della Parasha Mishpatim

L’Haftarah Mishpatim si apre con un patto che il re Sedechia (ultimo re del tempo del Primo Tempio) e gli abitanti di Gerusalemme realizzarono davanti a Dio nel suo tempio santo.
 
In quel patto, decisero di liberare gli schiavi ebrei che erano stati tenuti più a lungo del termine prescritto di sei anni.
 
Purtroppo, sembra che la gente abbia cercato di manipolare Dio, liberando i loro schiavi come Dio ha comandato in modo da far tornare indietro le forze d'assedio provenienti contro Gerusalemme. Una volta che tali forze d'assedio tornarono indietro, la gente ruppe il patto forzando gli uomini e le donne liberate di nuovo in schiavitù. Dio ricorda la gravità di questo patto inserendo nella profezia di Geremia il loro atto di camminare tra le due metà di un animale da macello.
 
Perché un tale scenario cruento?
 
Le Alleanze non sono da prendere alla leggera. Così come parti del patto in cui camminavano attraverso queste carcasse insanguinate, essi videro la punizione su di loro nel  violare il patto che avevano fatto; sarebbero stati tagliati anche loro in due, metaforicamente se non letteralmente.
 
In questo Haftarah, Dio punì la gente per aver violato il patto che avevano fatto. Essi avevano anche violato la legge di Dio data ai loro padri quando quando avevano lasciato l'Egitto, per liberare gli schiavi dopo sei anni di lavoro.
 
Di conseguenza, Dio promise di rilasciare carestie, pestilenze, e la spada sopra la città, per portare Babilonia contro Gerusalemme, avvenuta durante il regno di Sedechia.
 
(Geremia 34: 8-16), quindi, è una profezia giudizio contro la ri-schiavitù di schiavi della Giudea e la rottura del patto.
 
Ancora, oggi, non possiamo fare un patto con Dio, al fine di ottenere un determinato risultato (in questo caso, la sicurezza di Gerusalemme), e poi rinnegare il nostro accordo una volta che otteniamo quello che vogliamo.
 
Proprio come Dio aveva messo gli occhi sul patto fatto con Sedechia, Egli ha il suo occhio sui patti e sulle promesse che facciamo con Lui e con gli altri.
 
Inoltre, non possiamo aspettarci di trattare le persone come meno degne di noi, di portare via i loro diritti inalienabili o approfittare del loro tempo, talenti, o di lavoro, e poi aspettarci le benedizioni di Dio.
 
Dio non è così; Egli è un Dio di patto di mantenimento ed Egli vuole che noi siamo altrettanto fedeli. 

"25 Così parla l’Eterno: Se io non ho stabilito il mio patto col giorno e con la notte, e se non ho fissato le leggi del cielo e della terra, 26 allora rigetterò anche la progenie di Giacobbe e di Davide mio servitore, e non prenderò più dal suo lignaggio i reggitori della progenie d’Abrahamo, d’Isacco e di Giacobbe! poiché io farò tornare i loro esuli, e avrò pietà di loro." (Geremia 33: 25-26)

0 Comments to Torah portion Mishpatim/Porzione di Torah Mishpatim:

Comments RSS

Add a Comment

Your Name:
Email Address: (Required)
Website:
Comment:
Make your text bigger, bold, italic and more with HTML tags. We'll show you how.
Post Comment
RSS Follow Become a Fan

Delivered by FeedBurner


Recent Posts

Torah Portion Nitzavim-Vayelech (You are Standing / And He Went) - Porzione di Torah Nitzavim-Vayelech (state tutti davanti / e se ne andò)
Tithing this weekend helps us Change Jewish Lives Forever
Torah Portion Ki Tavo (When You Enter) - Porzione di Torah Ki Tavo (Quando si entra)
Torah Portion Ki Tetzev (When You Go Out) - Porzione di Torah Ki Tetzev (Quando uscirete)
Torah Portion Shoftim (Judges) - Porzione di Torah Shoftim (Giudici)

Most Popular Posts

ASILO NIDO FAMIGLIA BILINGUE A DOMICILIO
Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
SUMMER CAMP 2013 UPDATES
SUMMER CAMP 2013

Categories

"Messianic Bible Studies Series" Registration
A MOBILE COLLEGE
BACK TO SCHOOL 2013
BAMBINI DALLA SCUOLA DI STRADA ALLA SCUOLA IN CASA
Baxk To School 2014
Believe
BIBBIA PROFETICA MESSIANICA ANNO 5775 PRIMA PORZIONE DI TORAH DELL'ANNO
Casa di Preghiera & Accoglienza Place of Shalom Pozzuoli, Napoli
Casa di preghiera di Gerusalemme
Cio' in cui crediamo
Come l'Apostolo Paolo
Con i miei occhi la biblioteca per i nonni e i disabili visivi
CORSI AUTUNNALI SETTIMANALI
CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI
CORSO DI CUCITO
CORSO DI DECOUPAGE
CORSO DI EBRAICO BIBLICO A POZZUOLI IN SEDE E ONLINE SONO APERTE LE ISCRIZIONI
Daily Drop
Daily Mitzvah (Maimonides)
Daily Prayer Points
Daily Tehillim
Daily Wisdom
Daily Word
EMPLOYMENT AVAILABLE Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
English Courses for You
EVENTO TRE PER DUE
Facilitating and enhancing social inclusion of people with special needs
Generate a list of Yahrzeit dates, Hebrew Birthdays, or Hebrew Anniversaries for the next 20 years
Healing
Holocaust Memorial Day
II Porzione di Torah dell'anno 5775
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
Israel Updates
Italian House of Prayer Jerusalem/Casa di Preghiera Italiana a Gerusalemme
Kehila News Israel
La Stanza di Elia/Elijah Room
LEADERSHIP COURSE
Messianic Bible
Missione la pupilla del suo occhio 2015
MISSSION 3721
Monthly Newsletter
My Dream
ORFANI E VEDOVE
Our Tithes to Israel - Le Nostre Decime a Israele
Prayer Points
Raccolta Fondi Asilo Nido Bilingue Gratuito de L'Aquila
Raccolta Fondi per Emergenza Terremoto Amatrice, Italia - Fundraising Earthquake Emergency for Italy
RECUPERO MATERIA SCOLASTICA INGLESE
Scriptural References and daily Prayer Points
SERVIZI DI GUIDA TURISTICA E ACCOMPAGNATORI TURISTICI (CORRIERI)
SHINE PROJECT - FREE WORKSHOP
SMALL THINGS MAKE BIG CHANGES IN PEOPLE LIVES
START-UP IMMA (in ebraico mamma)
Start-Up Imma al Social Lab - Il Forum Regionale sulle Politiche Sociali - 13 Febbraio 2015 Pescara,
SUMMER CAMP 2013
TEA Parties
Teacher's Hunt!
Tempi di Gloria
The Children of Zion, His Holy People.
The Day of Prayer for the Persecuted Church
The Marriage Service
THE PATH OF THE GODS & THE CALL OF GOD 13 APRIL 2013
This is Christmas - (Questo e' Natale) - Evento Gratuito per bambini - Domenica 14, 21, 28 Dicem
This is Revival 2013 (Questo e' Risveglio 2013)
Time of Judgement/Tempi di Giudizio
Times of Glory Isaiah 66:18
Tithes
TRAVEL TO ISRAEL 2013
TRAVEL TO UK 2013
Village of Hope & Justice Ministry (Onlus) Israele
Village of Hope & Justice MInistry Bible Studies
VILLAGE OF HOPE & JUSTICE MINISTRY MOBILE COLLEGE
Village of Hope & Justice Ministry Onlus Offerta Formativa Estate 2014
WAILING WALL: PRAYER REQUESTS AND ANSWERS TO PRAYER
Weekly Stories from Israel
Weekly Torah Portion
Welocome Home - Your room in Jerusalem - Italian House of Prayer Jerusalem
What we believe
Yad HaShoah Holocaust Memorial Day
Yamim Nora’im Anno 5775
Yom Kippur 5777 Appeal

Archives

September 2017
August 2017
July 2017
June 2017
May 2017
April 2017
March 2017
February 2017
January 2017
December 2016
November 2016
October 2016
September 2016
August 2016
July 2016
June 2016
May 2016
April 2016
March 2016
February 2016
January 2016
December 2015
November 2015
July 2015
March 2015
February 2015
January 2015
December 2014
November 2014
October 2014
September 2014
April 2014
January 2014
December 2013
September 2013
August 2013
July 2013
June 2013
May 2013
April 2013
March 2013
February 2013

powered by

Website Builder provided by  Vistaprint