Torah portion Ki Tisa/Porzione di Torah Ki Tisa
Village of Hope & Justice Ministry  - Cod. Fisc. 95117280636
My Blog

Torah portion Ki Tisa/Porzione di Torah Ki Tisa

Shabbat Shalom,
 
Welcome to this week’s study of the Parasha (Torah Portion). Today’s portion of Torah, Ki Tisa (When You Take), will be read in synagogues around the world this Shabbat.  
 
Because this weekend is Shabbat Parah (Sabbath of the Red Heifer), a special maftir (Numbers 19:1–22) is added. That maftir speaks of the Parah Adumah, the Red Heifer. We invite you to read along with us and are certain that you will be blessed. 
 
KI TISA (When You Take)
Exodus 30:11–34:35; 1 Kings 18:1–39 (Ashk.); 1 Kings 18:20–39 (Seph.); Matthew 17:1–13; Shabbat Parah: Numbers 19:1–22
 
“Then the Lord said to Moses, ‘When you take a census of the Israelites to count them, each one must pay the Lord a ransom for his life at the time he is counted. Then no plague will come on them when you number them.” (Exodus 30:11–12)

Our last two Torah studies, Terumah and Tetzaveh, have focused on the design of the wilderness Tabernacle, furnishings, and priestly garments. This Shabbat continues with God’s instructions to Moses on the mountain.
 
The Israelites are to create the Sanctuary’s water basin, anointing oil, and incense. God tells Moses that He has chosen a “wise-hearted” artisan named Bezalel, along with his associate Oholiab, to lead the sacred construction project.
 
"See, I have chosen Bezalel son of Uri, the son of Hur, of the tribe of Judah." (Exodus 31:2)
 
In order to fund the building of the Sanctuary, God commands Moses to take a census of the people of Israel and to instruct them to give a half shekel of silver.
 
“This is what everyone who is numbered shall give: half a shekel ... as a contribution to the LORD.”  (Exodus 30:13)

Ancient Israeli Shekel
















Although the construction of the Sanctuary is an important and sacred task, God makes it clear that His commandment to rest on the Sabbath takes priority over this worthy goal.
 
We also may be working toward worthwhile achievements (and even those that are for the purpose of serving the Lord), but we must remember that God prefers us to put them on hold for a day in order to keep the Shabbat holy.
 
Resting and being refreshed on the seventh day Sabbath is a special sign of our covenantal relationship with the Almighty God.
 
It is a testimony that He is the Creator. And just as He created the world in six days and rested on the seventh, so are we to work for six days and rest on the seventh.
 
“It will be a sign between Me and the Israelites forever, for in six days the LORD made the heavens and the earth, and on the seventh day He rested and was refreshed.’” (Exodus 31:17)

Standing in the Gap

"And when the people saw that Moses delayed to come down from the mount, the people gathered themselves together unto Aaron, and said to him: 'Come, make us a god who shall go before us; for as for this Moses, the man that brought us up out of the land of Egypt, we know not what is become of him.'" (Exodus 32:1)
 
While Moses is on Mount Sinai receiving God’s instruction, the people become impatient for his return and demand that Aaron make them a god they can see.
 
Aaron gives in to the pressure and fashions a golden calf, proclaiming the idol as their god: “This is your god, O Israel, who brought you up from the land of Egypt.” (Exodus 32:4)
 
When God sees the people worshiping a golden calf, He threatens to destroy the nation of Israel and to start all over again with Moses. 

“‘I have seen these people,’ the Lord said to Moses, ‘and they are a stiff-necked people. Now leave Me alone so that My anger may burn against them and that I may destroy them. Then I will make you into a great nation.’” (Exodus 32:9–10)



Golden calf


















Instead of accepting God’s offer to make him the beginning of a great nation, Moses stands in the gap and intercedes on behalf of the people of Israel.
 
We see in this Parasha that even though Moses prays for the people, he is so angry when he comes down from the mountain and witnesses their idolatry that he smashes the tablets of testimony that God had engraved with His own hand.
 
Moses then destroys the Golden Calf, and the primary instigators to this idolatry are put to death.
 
Although God relents from destroying Israel entirely, their sin is not without consequences, 3,000 men fall under the sword of judgment that day.  
 
Amazingly enough, on Shavuot (Pentecost), which commemorates the giving of the Torah, God poured out His Ruach (Spirit) in Jerusalem soon after the resurrection of Yeshua (Jesus) and the exact same number were saved! 

“So then, those who had received his word were baptized; and that day there were added about three thousand souls.” (Acts 2:41)

His pouring out of God’s Ruach underscores the fact that Yeshua did not come to condemn us but to save us. There is hope for us yet.  
 
We have been given the Spirit of God to bring us into life, not death, by leading and guiding us into all truth.

God Gives Second Chances
 
Like the Israelites, some of us might go through periods of our lives where we descend into sin or fall away from the Lord, but God promises the hope of restoration and renewal if we will agree to come back into His presence in repentance to find forgiveness.
 
This, perhaps, is represented by God calling Moses to come back up the mountain to receive a second set of tablets, even though Moses destroyed the first set in a rage.
 
“Now the Lord said to Moses, ‘Cut out for yourself two stone tablets like the former ones, and I will write on the tablets the words that were on the former tablets which you shattered.’” (Exodus 34:1)

God is so good! He passed in front of Moses and proclaimed to him His Divine character:
 
“The Lord, the Lord God, compassionate and gracious, slow to anger, and abounding in loving-kindness [chesed / covenant loyalty] and truth; who keeps loving-kindness [chesed] for thousands, who forgives iniquity, transgression and sin.” (Exodus 34:6–7)
 
The more we become conformed and transformed into the image and likeness of God, in whose image we have been created, the more we will demonstrate these wonderful qualities of His chesed love, mercy, grace, patience, long-suffering, goodness, and truth.
 
We will become less judgmental and more merciful; we will criticize less and intercede more.
 
Oh, how we long to be changed, to be more like Him. Coming into covenant with God is not about just following the rules; it is about having a deep, abiding, intimate relationship with a loving God.

Battle for the Eternal Covenant with Israel
 
Today, there is a portion of the Christian Church that believes in the doctrine of replacement theology, a fallacious teaching that contends God is no longer in covenant with the Jewish people, that He has disowned them and has replaced them with the Church.
 
Those who believe they are now God’s new Israel display an arrogance that starkly contrasts Moses’ humility, a man who could have replaced Israel but, instead, prayed for their survival.
 
The apostle Paul warned the church against the conceit of non-Jews in the family tree of God: “Do not be arrogant toward the branches; but if you are arrogant, remember that it is not you who supports the root, but the root supports you.” (Romans 11:18)
 
Rather than replacing the tree, Gentile believers are grafted in as branches to an ancient tree whose root is still Jewish.

It is quite impossible that God has substituted another people for His chosen because He has promised that He will never forsake or abandon His people Israel:
 
“For the Lord will not abandon His people, nor will He forsake His inheritance.” (Psalm 94:14)

Shabbat Parah: the Sabbath of the Red Heifer

“Then the LORD spoke to Moses and Aaron, saying, ‘This is the statute of the law which the LORD has commanded, saying, “Speak to the sons of Israel that they bring you an unblemished red heifer [Parah Adumah] in which is no defect and on which a yoke has never been placed. You shall give it to Eleazar the priest, and it shall be brought outside the camp and be slaughtered in his presence.”’” (Numbers 19:1–3)

In preparation for Passover, a special portion of Scripture from Numbers 19:1–22 is added today.

It describes the sacrifice of the Parah Adumah (Red Heifer).

This Sabbath, therefore, is called Shabbat Parah (Sabbath of the Red Heifer). Shabbat Parah always occurs on the Sabbath after Purim and begins the formal preparations of the Passover (which falls on Nissan 14–22 on the Jewish calendar, which is April 10–18 this year).

The Red Heifer sacrifice is an essential part of the Temple services.

Through it, the Jewish priests (Cohanim) and the Jewish people purify themselves before the festival of Passover. The Red Heifer brings about the spiritual purity (tahor) necessary for sacrificing the Paschal lamb.

Anyone who had been defiled through contact with the dead and had not been cleansed with the sprinkling of the waters of purification containing the ashes of the Red Heifer would be disqualified from celebrating the Passover and cut off from the community of Israel:

“But the man who is unclean and does not purify himself from uncleanness, that person shall be cut off from the midst of the assembly, because he has defiled the sanctuary of the LORD; the water for impurity has not been sprinkled on him, he is unclean.” (Numbers 19:20)

One of the great enigmas of this ceremony is that while these waters of purification make the defiled person clean, the one performing the ritual becomes unclean until evening.

We can understand this irony by comparing it to cleaning a dirty house, the house becomes clean, but the once clean rag or sponge becomes dirty as, perhaps, the person doing the cleaning does as well.

The rabbis consider the ritual of the sacrificial Red Heifer to be one of Judaism’s greatest mysteries; even so, the Brit Chadashah gives us great insight into it.

The book of Hebrews refers to this special ritual when explaining how we are cleansed (not just outwardly but to the depth of our inner being) through the blood of Yeshua the Messiah.

“The blood of goats and bulls and the ashes of a heifer sprinkled on those who are ceremonially unclean sanctify them so that they are outwardly clean. How much more, then, will the blood of the Messiah, who through the eternal Spirit offered Himself unblemished to God, cleanse our consciences from acts that lead to death, so that we may serve the Living God!” (Hebrews 9:13–14)

The Messiah, who was totally clean and pure of all sin, took our sins and impurities upon Himself so that we may become the righteousness of God in Him. 

2 Corinthians 5:21 For He made Him who knew no sin to be sin for us, that we might become the righteousness of God in Him.

Though our sins may have made our souls look like scarlet, they will become white as snow, as the Hebrew Prophet Isaiah prophesied thousands of years ago:

"'Come now, let us settle the matter,’ says the LORD. ‘Though your sins are like scarlet, they shall be as white as snow; though they are red as crimson, they shall be like wool.’” (Isaiah 1:18


Red Heifer calf












Shabbat Shalom,

Benvenuti allo studio di questa Parasha (Porzione Torah) della Settimana chiamata Ki Tisa (quando prendi), che verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo questo Shabbat.

Poiché questo fine settimana è Shabbat Parah (sabato della giovenca rossa), si legge un maftir speciale (Numeri 19: 1-22) che viene aggiunto alla letture della Torah. La maftir questa volta parla della Parah Adumah, la giovenca rossa. Vi invitiamo a leggere insieme a noi e siamo certi che sarete beati.

KI TISA (quando prendi)

Esodo 30: 11-34: 35; 1 Re 18: 1-39 (Rito Ashkenazita); 1 Re 18: 20-39 (Rito Sefardita); Matteo 17: 1-13; Shabbat Parah: Numeri 19: 1-22

L'Eterno parlò ancora a Mosè, dicendo: Quando farai il conto dei figli d'Israele, per il loro censimento, ognuno di essi darà all'Eterno il riscatto della propria vita, quando saranno contati, perché non siano colpiti da qualche piaga, quando farai il loro censimento. "(Esodo 30: 11-12).
 
I nostridue ultimi studi della Torah, Terumah e Tetzaveh, si sono concentrati sulla progettazione del Tabernacolo nel deserto, con la definizione degli arredi e degli abiti sacerdotali. Questo Shabbat continua con le istruzioni di Dio a Mosè sul monte.

Gli israeliti sono chiamati ad eseguire i lavori per la costruzione del bacino d'acqua del Santuario, approvvigionando lo stesso con l'olio dell'unzione e l'incenso. Dio dice a Mosè che Egli ha scelto un artigiano "saggio di cuore", dal nome Bezalel, insieme al suo socio Oholiab, a guidare il progetto di questa costruzione sacra.

" Vedi, io ho chiamato per nome Betsaleel, figlio di Uri, figlio di Hur, della tribù di Giuda;".
(Esodo 31: 2)
 
Al fine di finanziare la costruzione del Santuario, Dio ordina a Mosè di fare un censimento del popolo di Israele e di istruirli a dare un mezzo siclo d'argento.

"Questo è ciò che darà ognuno di quelli censiti: mezzo siclo, secondo il siclo del santuario, (il siclo equivale a venti ghiere), un mezzo siclo sarà l'offerta da fare all'Eterno." (Esodo 30:13)

Anche se la costruzione del Santuario è un compito importante e sacro, Dio rende chiaro che il suo comandamento del riposo di sabato ha la priorità su questo obiettivo degno. Molte volte lavoriamo per realizzare cose meritevoli (e anche quelle che hanno lo scopo di servire il Signore), ma dobbiamo ricordare che Dio preferisce metterli in attesa di un giorno al fine di mantenere la Santità dello Shabbat. Il Riposo e l’essere ristorato nel settimo giorno di sabato è un segno speciale nel nostro rapporto di alleanza con il Dio Onnipotente. Si tratta di una testimonianza nella nostra vita che Egli è il Creatore. E così come Egli ha creato il mondo in sei giorni e si è riposato il settimo giorno, così siamo anche noi chiamati a lavorare per sei giorni e riposiamo il settimo giorno: Il Sabato.

"Esso è un segno perpetuo fra me e i figli d'Israele, poiché in sei giorni l'Eterno fece i cieli e la terra, e il settimo giorno si riposò e fu ristorato'" (Esodo 31:17)

Saldi nella Fede

"32 Or il popolo, vedendo che Mosè tardava a scendere dal monte, si radunò intorno ad Aaronne e gli disse: «Orsù, facci un dio che vada davanti a noi, perché quanto a Mosè, l'uomo che ci ha fatto uscire dal paese d'Egitto, non sappiamo che cosa gli sia accaduto" (Esodo 32: 1).

Mentre Mosè è sul monte Sinai a riceve istruzione di Dio, il popolo diventa impaziente per il suo ritorno e domanda che Aaron faccia per loro un dio a cui essi possano rivolgersi: un dio che possano vedere creandolo con le loro forze.

Aaron cede alla pressione del popolo incredulo e accetta che essi facciano un vitello d'oro, Aaronne lo proclama idolo e loro dio: "Questo è il tuo Dio, o Israele, che ti ha fatto uscire dal paese d'Egitto".(Esodo 32: 4). 

Quando Dio vede il suo popolo scelto adorare un vitello d'oro, minaccia di distruggerlo e di ricominciare tutto da capo con Mosè.

"L'Eterno disse ancora a Mosè: «Ho visto questo popolo, ed ecco, è un popolo dal collo duro. Or dunque, lasciami fare, affinché la mia ira si accenda contro di loro e li consumi; ma di te io farò una grande nazione»."(Esodo 32: 9-10).

Invece di accettare l'offerta di Dio per creare una grande nazione, Mosè si trova nel mezzo fra Dio e il Suo popolo ed Egli sceglie di fare da intercessore far Dio e il popolo di Israele. Vediamo in questa Parasha che anche se Mosè prega per il popolo di Dio, lui è così arrabbiato quando scende dalla montagna e testimonia la loro idolatria così da spaccare le tavole della testimonianza che Dio aveva inciso con le proprie mani. Mosè distrugge poi il vitello d'oro, e gli istigatori principali per questa idolatria sono messi a morte. Anche se Dio cede all’intercessione di Mosè dal distruggere Israele del tutto, il loro peccato non è senza conseguenze, 3.000 uomini cadono sotto la spada del giudizio quel giorno. Abbastanza sorprendentemente, a Shavuot (Pentecoste), in cui si commemora il dono della Torah, Dio ha effuso il suo Ruach (Spirito) a Gerusalemme subito dopo la resurrezione di Yeshua (Gesù) e lo stesso numero esatto (3000 uomini) sono venuti a Yeshua!

" 41 Quelli dunque che ricevettero la sua parola lietamente furono battezzati; in quel giorno furono aggiunte circa tremila persone."(Atti 2,41)

La effusione del Ruach (Spirito) di Dio sottolinea il fatto che Gesù non è venuto per condannare noi ma per salvarci. C'è ancora speranza per noi. Ci è stato dato lo Spirito di Dio per portarci nella nuova vita con Yeshua, non la morte, per guidarci alla verità perfetta.

Dio dà una seconda opportunità

Come gli israeliti, alcuni di noi potrebbero passare attraverso periodi della nostra vita in cui si scende nel peccato o si cade in tentazione e ci si allontana dal Signore, ma Dio promette speranza di restaurazione e rinnovamento se torneremo alla Sua presenza nel pentimento cercando il Suo perdono. Questo, forse, è rappresentato da Dio che chiama Mosè a tornare su per la montagna per ricevere una seconda serie di tavole, anche se Mosè ha distrutto il primo paio preso da spirito di rabbia.

" 34 L'Eterno disse a Mosè: «Tagliati due tavole di pietra come le prime; e io scriverò sulle tavole le parole che erano sulle prime tavole che spezzasti." (Esodo 34: 1)

Dio è così buono! Passa davanti a Mosè e proclama a lui il suo carattere divino:

6 E l'Eterno passò davanti a lui e gridò: «L'Eterno, l'Eterno Dio, misericordioso e pietoso, lento all'ira, ricco in benignità [chesed fedeltà / patto] e fedeltà, 7 che usa misericordia a migliaia, che perdona l'iniquità, la trasgressione e il peccato ma non lascia il colpevole impunito, e che visita l'iniquità dei padri sui figli e sui figli dei figli fino alla terza e alla quarta generazione»." (Esodo 34: 6-7).

Più diventiamo conformati e trasformati  ad immagine e somiglianza di Dio, nella cui immagine siamo stati creati, tanto più siamo testimoni di queste meravigliose qualità del suo amore Chesed = fedeltà, la misericordia, la grazia, pazienza, longanimità, bontà, e la verità. Diventiamo meno giudicanti e più misericordiosi; critichiamo meno e intercediamo di più. Oh, come abbiamo bisogno di essere cambiati, di essere più simili a Lui. Stringere un patto di alleanza con Dio non vuol dire solo seguire le regole; si tratta di avere un costante, intimo rapporto profondo con un Dio nel Suo Amore.

Battaglia per l'Alleanza eterna con Israele

Oggi, c'è una parte della Chiesa cristiana che crede nella dottrina della teologia della sostituzione, un insegnamento fallace che sostiene che Dio non è più in alleanza con il popolo ebraico, che Egli li ha rinnegati e che li ha sostituiti con la Chiesa. Coloro che credono che sono loro stessi una nuova Israele, popolo scelto di Dio, devono fare i conti con la loro arroganza che contrasta l'umiltà di Mosè, un uomo che avrebbe potuto sostituire Israele, ma, invece, ha pregato per la loro sopravvivenza.

L'apostolo Paolo ha messo in guardia la chiesa contro la presunzione dei non ebrei nella struttura della famiglia di Dio: "non vantarti contro i rami, ma se ti vanti contro di loro ricordati che non sei tu a portare la radice, ma è la radice che porta te. "(Romani 11:18)

Invece di sostituire l'albero, Dio dice che i credenti non ebrei (non messianici ossia ebrei in Yeshua) cosiddetti “gentili” sono innestati come rami di un albero antico la cui radice è ebraica. E 'del tutto impossibile che Dio abbia sostituito un altro popolo per la sua scelta perché Egli ha promesso che non potrà mai abbandonare il Suo popolo: Israele: "14 Poiché l'Eterno non ripudierà il suo popolo e non abbandonerà la sua eredità."(Salmo 94:14)

Shabbat Parah: Il Sabato della giovenca rossa

" 19 L'Eterno parlò ancora a Mosè e ad Aaronne, dicendo: 2 «Questo è lo statuto della legge che l'Eterno ha comandato, dicendo: "Di' ai figli d'Israele che ti portino una giovenca rossa, senza macchia, senza difetti, e su cui non è mai stato posto alcun giogo. 3 La darete al sacerdote Eleazar, che la condurrà fuori dell'accampamento e la farà scannare in sua presenza." (Numeri 19: 1-3)

In preparazione per (la Pasqua) Pesach, una parte speciale della Scrittura da Numeri 19: 1-22 è aggiunta oggi alle scritture. Essa descrive il sacrificio della Parah Adumah (giovenca rossa). Questo sabato, dunque, è chiamato Shabbat Parah (sabato della giovenca rossa). Shabbat Parah cade sempre di sabato, dopo Purim e iniziano i preparativi formali della Pasqua (che cade il Nissan dal 14 al 22 dell’anno 5777 del calendario ebraico, che corrisponde alle  date dal 10 al 18 di Aprile di quest'anno 2017). Il sacrificio della giovenca rossa è una parte essenziale dei servizi del tempio. Attraverso di essa, i sacerdoti ebrei (Cohanim) e il popolo ebraico si purificano prima della festa di Pesach (Pasqua). La giovenca rossa determina la purezza spirituale (tahor) necessari per sacrificare l'agnello pasquale. Il Temple Institute di Gerusalemme, ha stretto accordi con un allevatore Israeliano per allevare una giovenca rossa in grado di soddisfare la legge di purezza per il servizio del Tempio.

Nei tempi in cui si svolgevano i sacrifici al Tempio, qualunque persona era stata  contaminata attraverso il contatto con i morti senza essere poi purificato con l'aspersione delle acque di purificazione contenente le ceneri della giovenca rossa era esclusa dal celebrare Pesach (la Pasqua) ed esclusa dalla comunità del popolo di Israele:

"13 Infatti, se il sangue dei tori e dei capri e la cenere di una giovenca aspersi sopra i contaminati li santifica, purificandoli nella carne, 14 quanto più il sangue di Cristo, che mediante lo Spirito eterno offerse se stesso puro di ogni colpa a Dio, purificherà la vostra coscienza dalle opere morte per servire il Dio vivente!"(Ebrei 9: 13- 14)

Il Messia, che era completamente pulito e puro da tutti i peccati, prese i nostri peccati e impurità su di Sé in modo che noi potessimo diventare giustizia di Dio attraverso di Lui.

21 Poiché egli ha fatto essere peccato per noi colui che non ha conosciuto peccato, affinché noi potessimo diventare giustizia di Dio in lui. (2 Corinzi 5:21)

Anche se i nostri peccati hanno reso le nostre anime come scarlatto, esse diventeranno bianche come la neve, come il profeta ebreo Isaia profetizzò migliaia di anni fa:

“18 Venite quindi e discutiamo assieme, dice l'Eterno, anche se i vostri peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come neve; anche se fossero rossi come porpora, diventeranno come lana.". (Isaia 1 : 18)

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Friday Night and Shabbat Morning Services Shabbat Parah/ Culti di Shabbat del Venerdì Sera e del Sabato Mattina Shabbat Parah

https://drive.google.com/drive/folders/0B_Y2ltuiGNA4Q0lBWkh1ZzdsbUE?usp=sharing

0 Comments to Torah portion Ki Tisa/Porzione di Torah Ki Tisa:

Comments RSS

Add a Comment

Your Name:
Email Address: (Required)
Website:
Comment:
Make your text bigger, bold, italic and more with HTML tags. We'll show you how.
Post Comment
RSS Follow Become a Fan

Delivered by FeedBurner


Recent Posts

Torah Portion Nitzavim-Vayelech (You are Standing / And He Went) - Porzione di Torah Nitzavim-Vayelech (state tutti davanti / e se ne andò)
Tithing this weekend helps us Change Jewish Lives Forever
Torah Portion Ki Tavo (When You Enter) - Porzione di Torah Ki Tavo (Quando si entra)
Torah Portion Ki Tetzev (When You Go Out) - Porzione di Torah Ki Tetzev (Quando uscirete)
Torah Portion Shoftim (Judges) - Porzione di Torah Shoftim (Giudici)

Most Popular Posts

ASILO NIDO FAMIGLIA BILINGUE A DOMICILIO
Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
SUMMER CAMP 2013 UPDATES
SUMMER CAMP 2013

Categories

"Messianic Bible Studies Series" Registration
A MOBILE COLLEGE
BACK TO SCHOOL 2013
BAMBINI DALLA SCUOLA DI STRADA ALLA SCUOLA IN CASA
Baxk To School 2014
Believe
BIBBIA PROFETICA MESSIANICA ANNO 5775 PRIMA PORZIONE DI TORAH DELL'ANNO
Casa di Preghiera & Accoglienza Place of Shalom Pozzuoli, Napoli
Casa di preghiera di Gerusalemme
Cio' in cui crediamo
Come l'Apostolo Paolo
Con i miei occhi la biblioteca per i nonni e i disabili visivi
CORSI AUTUNNALI SETTIMANALI
CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI
CORSO DI CUCITO
CORSO DI DECOUPAGE
CORSO DI EBRAICO BIBLICO A POZZUOLI IN SEDE E ONLINE SONO APERTE LE ISCRIZIONI
Daily Drop
Daily Mitzvah (Maimonides)
Daily Prayer Points
Daily Tehillim
Daily Wisdom
Daily Word
EMPLOYMENT AVAILABLE Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
English Courses for You
EVENTO TRE PER DUE
Facilitating and enhancing social inclusion of people with special needs
Generate a list of Yahrzeit dates, Hebrew Birthdays, or Hebrew Anniversaries for the next 20 years
Healing
Holocaust Memorial Day
II Porzione di Torah dell'anno 5775
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
Israel Updates
Italian House of Prayer Jerusalem/Casa di Preghiera Italiana a Gerusalemme
Kehila News Israel
La Stanza di Elia/Elijah Room
LEADERSHIP COURSE
Messianic Bible
Missione la pupilla del suo occhio 2015
MISSSION 3721
Monthly Newsletter
My Dream
ORFANI E VEDOVE
Our Tithes to Israel - Le Nostre Decime a Israele
Prayer Points
Raccolta Fondi Asilo Nido Bilingue Gratuito de L'Aquila
Raccolta Fondi per Emergenza Terremoto Amatrice, Italia - Fundraising Earthquake Emergency for Italy
RECUPERO MATERIA SCOLASTICA INGLESE
Scriptural References and daily Prayer Points
SERVIZI DI GUIDA TURISTICA E ACCOMPAGNATORI TURISTICI (CORRIERI)
SHINE PROJECT - FREE WORKSHOP
SMALL THINGS MAKE BIG CHANGES IN PEOPLE LIVES
START-UP IMMA (in ebraico mamma)
Start-Up Imma al Social Lab - Il Forum Regionale sulle Politiche Sociali - 13 Febbraio 2015 Pescara,
SUMMER CAMP 2013
TEA Parties
Teacher's Hunt!
Tempi di Gloria
The Children of Zion, His Holy People.
The Day of Prayer for the Persecuted Church
The Marriage Service
THE PATH OF THE GODS & THE CALL OF GOD 13 APRIL 2013
This is Christmas - (Questo e' Natale) - Evento Gratuito per bambini - Domenica 14, 21, 28 Dicem
This is Revival 2013 (Questo e' Risveglio 2013)
Time of Judgement/Tempi di Giudizio
Times of Glory Isaiah 66:18
Tithes
TRAVEL TO ISRAEL 2013
TRAVEL TO UK 2013
Village of Hope & Justice Ministry (Onlus) Israele
Village of Hope & Justice MInistry Bible Studies
VILLAGE OF HOPE & JUSTICE MINISTRY MOBILE COLLEGE
Village of Hope & Justice Ministry Onlus Offerta Formativa Estate 2014
WAILING WALL: PRAYER REQUESTS AND ANSWERS TO PRAYER
Weekly Stories from Israel
Weekly Torah Portion
Welocome Home - Your room in Jerusalem - Italian House of Prayer Jerusalem
What we believe
Yad HaShoah Holocaust Memorial Day
Yamim Nora’im Anno 5775
Yom Kippur 5777 Appeal

Archives

September 2017
August 2017
July 2017
June 2017
May 2017
April 2017
March 2017
February 2017
January 2017
December 2016
November 2016
October 2016
September 2016
August 2016
July 2016
June 2016
May 2016
April 2016
March 2016
February 2016
January 2016
December 2015
November 2015
July 2015
March 2015
February 2015
January 2015
December 2014
November 2014
October 2014
September 2014
April 2014
January 2014
December 2013
September 2013
August 2013
July 2013
June 2013
May 2013
April 2013
March 2013
February 2013

powered by

Website Builder provided by  Vistaprint