Torah portion Tzav/Porzione di Torah Tzav
Village of Hope & Justice Ministry  - Cod. Fisc. 95117280636
My Blog

Torah portion Tzav/Porzione di Torah Tzav

Shabbat Shalom!
 
Welcome to this week’s reading of the Torah portion called Tzav (Command!).
 
Because this Shabbat is just before Passover, which starts on Monday evening, it is called Shabbat HaGadol (Great Shabbat), and a special Haftarah portion from Malachi is read that speaks of the coming of Messiah.
 
TZAV (Command!)
Leviticus 6:1–8:36; Malachi 3:4–3:24; 1 Corinthians 15:1–58
 
“The LORD said to Moses: ‘Command [Tzav צַו] Aaron and his sons, saying: This is the law of the burnt-offering.’” (Leviticus 6:8–9)

Last week, in Parasha Vayikra, God spoke to Moses from the Tent of Meeting, giving him the laws of the offerings (korbanot קָרְבָּנוֹת), detailing the circumstances under which they would be offered in order to draw close to God.
 
This week’s Parasha is entitled Tzav, which means to order or command.
 
What was God instructing Moses to command Aaron and his sons?  
 
He was commanding the Jewish priesthood (lineage of Aaron) to observe their rights and duties as the Cohanim (priests), who in Parasha Tzav are commanded to always keep the fire on the altar burning and never to extinguish it. (Leviticus 6:13)
 
For this reason, when we light our Shabbat candles on Friday night to usher in the Sabbath, it is customary not to blow out the flame but to let the candles burn down completely. 

And although the fire no longer burns on the Temple altar, and our Shabbat candles burn until they go out, may our hearts always burn brightly with the fire that God Himself lit there, never to be extinguished by the cares of this world.

In Tzav, the priests are given the procedure for offering the obligatory sacrifices on behalf of all the nation of Israel. 
 
As these offerings are read in the synagogue, however, few will connect those offerings to the death and resurrection of Yeshua (Jesus), which is being remembered this coming week.
 
Nevertheless, those offerings are essential to our understanding of what Yeshua accomplished on the tree.  They comprise the following five categories: the burnt offering, the meal offering, the peace offering, the sin offering, and the trespass offering. 
 
1.  Korban Olah (קרבנ עלה – Burnt Offerings)
 
“Let him offer a male without blemish; he shall offer it of his own free will at the door of the tabernacle of meeting before the LORD.” (Leviticus 1:3)
 
The Korban Olah is a voluntary offering that is to be completely burnt. Nothing is to be eaten.
 
To offer it, the worshiper brings a male animal without blemish to the door of the Tabernacle. A male or female dove or pigeon can be offered if a person does not have the means to offer a bull, ram or goat.
 
The Israelite then places his hands upon the head of the animal offering with the knowledge that this innocent animal is about to pay the price for his sin.  
 
After the worshiper asks Adonai for forgiveness, the animal is slaughtered.

2.  Minchah (מִנְחָה – Meal Offerings)
 
Tzav also describes the duties for the Minchah (present or gift) or the Meal Offering in which the people of Israel also give grain offerings.
 
The priests burn a fistful (Kometz) of this offering on the altar and eat the rest.
 
Often the choicest flour is mixed with oil and salt to make a cake, but it cannot contain leaven or honey.
 
Leaven is associated with sin, pride, hypocrisy, false teaching, and worldliness (1 Corinthians 5:6–8, Luke 12:1, Galatians 5:9, Mark 8:15).
 
Leaven and salt represent two entirely different actions:  salt preserves, while leaven radically changes substances.  
 
Although honey has a pleasant smell when it boils, it smells bitter and unpleasant when it burns. The offering is to be sweet smelling, as the incense offered with it.




Minchah




















While this Parasha seems to specify grain, elsewhere we see also vegetables and animals given for a Minchah (Genesis 4:3–4; 1 Samuel 2:15–17).
 
Both Cain and Abel offered a Minchah and not a Korban Olah. Cain and his offering were not accepted and Able and his offering were.
 
Abel offered a fat portion of the firstfruits of his flock; however, the Bible does not indicate that Cain brought the firstfruits of his produce. It just says that he brought the fruit of the ground, which seems to indicate that the quality of the offering was substandard.
 
We can infer from this that Cain did not offer the Minchah in faith or with a right attitude (Hebrews 11:1–2, 4; 1 John 3:12).
 
Cain became embittered when God rejected both him and his offering; however, God graciously told him that if he would do well, he would be accepted. 
 
Cain rejected Adonai's advice, likely due to unbelief, and things went from bad to worse. He did not repent, choosing instead a path of rebellion that resulted in him killing his brother.
 
"If you do what is right, will you not be accepted? But if you do not do what is right, sin is crouching at your door; it desires to have you, but you must rule over it." (Genesis 4:7)


Cain is resentful that Abel's offering is accepted.



























3.  Shelamim (שְׁלָמִים – Peace Offering)
 
The Shelamim (which is related to the word shalom) is avoluntary offering that expresses a sense of wellbeing, praise, and thanksgiving, such as when Jacob and Laban made a treaty with one another. (Genesis 31:54)
 
This offering is similar to the burnt offering; however, while male or female animals were acceptable, birds were not. The animals are not fully burned as are the burnt offerings; only specified portions of fat and internal organs are placed on the altar.
 
A portion of the Shelamim, without the blood, is to be eaten by the priests and even by the one offering up the sacrifice.



Shelamim























4.  Chatat (חַטָּאת – Sin Offering)
 
Chatat are offered for unintentional sins (Leviticus 4:1–4), sins due to carelessness or inadvertence.
 
The status of the offender dictates the class of chatat. If the offender is the high priest or the whole community of Israel, it is considered a more serious transgression because it impacts the welfare of the entire nation. A young bull is required, and it is burned outside the camp.
 
If the offender is a leader, such as the king, a male goat is to be brought.
 
If it is an individual, a female sheep or goat is to be brought. For these latter two, the priests are to eat the sacrifices within the Tabernacle grounds.
 
The chatat is also required for three sins of omission:
  • withholding testimony;
  • becoming impure due to an interval of forgetfulness; and
violating an oath unintentionally.


Chatat
















5.  Asham (אָשָׁם – Guilt Offering)
 
Leviticus 6:5–7 details the guilt offering of a ram for the following:

  • unintentionally using sanctuary (church) property for personal use;

  • forestalling punishment for one’s sin when one is uncertain one has sinned, or for unknown sin; and

  • lying under oath or defrauding a person in regards to a found article, a deposit, loan, etc.

For an Asham, it does not suffice to simply offer a sacrifice. The offender has to make restitution plus add an additional fifth of the value.


Asham

















Around the world, as Jewish people read about the offering instituted by God Himself, many believers in Yeshua (Jesus) will remember the price He paid to rescue us from the power of sin.
 
“Messiah was sacrificed once to take away the sins of many people; and He will appear a second time, not to bear sin, but to bring salvation to those who are waiting for Him.” (Hebrews 9:28)
 
In fulfillment of Scripture, Yeshua became our guilt offering, paying the price for sin once and for all.
 
“Though the Lord makes His life a guilt offering, He will see His offspring and prolong His days, and the will of the Lord will prosper in His hand.” (Isaiah 53:10)
 
Confession and restitution is still our moral responsibility to one another when we sin, yet the sacrifice to remove our guilt and cleanse us has been made by Yeshua.
 
Feeling guilty when we sin is healthy; it’s a sign that we must make amends. But to keep feeling guilty after restitution has been made and the sacrifice has been paid is not healthy.  
 
We can receive Yeshua's sacrifice as our own once we acknowledge our guilt and make amends.
 
While the guilt offerings on the altar of the Temple only covered sin, Yeshua’s death and resurrection actually removed sin for all time.
 
As Yochanan (John) said when he saw Yeshua coming to him at the Jordan River, “Behold the Lamb of God who takes away the sins of the world.” (John 1:29)



Yeshua as the ultimate sacrifice























Yeshua Is Prepared for Burial
 
“Later, Joseph of Arimathea asked Pilate for the body of Jesus [Yeshua]. With Pilate’s permission, he came and took the body away.” (John 19:38)
 
On Good Friday, believers remember the horrific death that Yeshua suffered on our behalf.
 
Believers also read how Joseph (Yosef) of Arimathea and Nicodemus (Nakdimon) came to Pilate to ask for Yeshua’s body.
 
Because Jewish burial customarily takes place within 24 hours, in keeping with Jewish practice, they sought to bury Yeshua right away.
 
They also prepared Yeshua’s body for burialwith tahara, ritual purification. In this ritual, the body is cleansed, and then dried and dressed in takhrikhim, a simple white shroud  (Mark 15:46–47).
 
“Nicodemus brought a mixture of myrrh and aloes, about seventy-five pounds. Taking Yeshua’s body, the two of them wrapped it, with the spices, in strips of linen. This was in accordance with Jewish burial customs.” (John 19:39–40)

When Yosef and Nakdimon performed the mitzvah (commandment) of preparing Yeshua’s body for burial, they were performing the duties of the Khevra Kadisha, a burial association that ensures the body is correctly prepared for burial and protected from desecration.
 
By wrapping Yeshua in linen, they were practicing the custom of takhrikhim, providing the proper burial garment for the deceased.
 
Since the Sabbath was quickly approaching, there was insufficient time to complete the preparations before the holy day of the Passover began; therefore, Yeshua was placed in a sealed tomb until the close of the High Sabbath day.
 
Thus, Yeshua was buried in a rich man’s tomb in fulfillment of the Messianic prophecy in Isaiah 53:
 
“He was assigned a grave with the wicked, and with the rich in His death, though He had done no violence, nor was any deceit in His mouth.” (Isaiah 53:9)

However, more important than how Yeshua was buried is that He rose from the dead and gained victory over death. Hallelujah!
 
Both spiritual and physical death has been defeated through Yeshua’s victory, as Rabbi Saul of Tarsus (Paul) said:
 
“But Messiah has indeed been raised from the dead, the firstfruits [bikkurim] of those who have fallen asleep. For since death came through a man [Adam], the resurrection of the dead comes also through a man. For as in Adam all die, so in Messiah all will be made alive." (1 Corinthians 15:20–22)
 
This is the Good News that we want to share with all Jewish people, so that they can be sure of their place in the olam habah (the world to come).



Yeshua is ALIVE! Yeshua è VIVO!
















If Death Is the Result of Sin, How Could Yeshua Die Sinless?
 
"The Messiah, our Passover lamb, has been sacrificed." (1 Corinthians 5:7)
 
Since Yeshua’s death, burial, and resurrection occurred in a Hebraic context, examining Jewish customs surrounding death, burial, mourning, and resurrection can further our understanding of Good Friday and Resurrection Sunday.
 
Creation, including mankind, was not intended to suffer death.
 
The first book of the Torah, Bereisheet (Genesis), reveals death as the judgment of God upon mankind for their spiritual fall in the Garden of Eden.
 
After Adam and Chava (Eve) failed their test of obedience, God said:
 
“By the sweat of your brow you will eat your food until you return to the ground [adamah], since from it you were taken; for dust you are and to dust you will return.” (Genesis 3:19)

The name Adam was taken from the word for ground or earth, adamah, since the man (Adam) was taken from the ground (adamah).
 
This Hebrew wordplay reveals a spiritual truth: sin has brought physical death to all of mankind and, with it, a return to the earth (adamah).
 
Thus ends a person’s physical existence on earth, with the spirit separating from the body.
 
Yeshua’s death, however, was not due to His own sin, since He was sinless. He died when He took upon Himself the sins of the world and all the guilt that comes with it.
 
“But you know that He appeared so that He might take away our sins. And in Him is no sin.” (1 John 3:5)

Thankfully, Yeshua’s death wasn’t the final word.
 
Just as He promised, death couldn’t hold Him (John 2:18–22; Matthew 26:31–32).
 
“He was delivered over to death for our sins and was raised to life for our justification.” (Romans 4:25)
 
The sting of death is sin (1 Corinthians 15:56), and in Yeshua, death has lost its sting!
 
Therefore, we can live confidently without any fear of death or dying, as we know that when we pass from this life, our lives continue eternally with our loving Father in Heaven.



Shabbat Shalom!

Benvenuti alla lettura di questa settimana della Porzione di Torah chiamato Tzav (Comanda!).
 
Perché questo Shabbat cade appena prima della Pasqua, che inizia il prossimo Lunedi sera, si chiama Shabbat HaGadol (Gran Shabbat), ed ha una speciale Porzione di Haftarah tratta dal libro del Profeta Malachia che viene letta. Essa parla della venuta del Messia.
 
Tzav (Comanda)
Levitico 6: 1-8: 36; Malachi 3: 4-3: 24; 1 Corinzi 15: 1-58

“L’Eterno parlò ancora a Mosè, dicendo: Da’ quest’ordine (Comanda!) [Tzav צַו] ad Aaronne e ai suoi figliuoli, e di’ loro: Questa è la legge dell’olocausto. L’olocausto rimarrà sulle legna accese sopra l’altare tutta la notte, fino al mattino; e il fuoco dell’altare sarà tenuto acceso.”(Levitico 6: 8-9)

La scorsa settimana, nella Parasha Vayikra, Dio parlò a Mosè dalla tenda di convegno, dandogli legislazioni delle offerte (korbanot קָרְבָּנוֹת), con la indicazione delle circostanze in cui ci sarebbero state le offerte al fine di avvicinarsi a Dio. La Parasha di questa settimana si intitola Tzav, che significa “su ordinazione o comando”. Essa parla di ciò che Dio ha detto a Mosè istruendolo riguardo al comandare Aronne e ai suoi figli. Egli comanda il sacerdozio ebraico (discendenza di Aronne) per osservare i loro diritti e doveri, come i Cohanim (sacerdoti), che nel Parasha Tzav è comandato di mantenere sempre il fuoco sull'altare in fiamme e di non spegnerlo. (Levitico 6:13) Per questo motivo, quando accendiamo le nostre candele a Shabbat il Venerdì sera per inaugurare il sabato, è consuetudine di non spegnere la fiamma, ma di lasciare che le candele bruciano completamente. E anche se il fuoco brucia non più sull'altare del Tempio, e le nostre candele di Shabbat bruciano fino a quando finiscono, possano i nostri cuori bruciare sempre vivacemente con il fuoco che Dio stesso ci ha acceso, e che non si spenga per le preoccupazioni di questo mondo. In Tzav, ai sacerdoti viene data la procedura per l'offerta di sacrifici obbligatori a nome di tutta la nazione di Israele. Poiché queste offerte vengono lette nella sinagoga, però, pochi collegheranno quelle offerte alla morte e risurrezione di Yeshua (Gesù), che viene ricordata la prossima settimana. Tuttavia, queste offerte sono essenziali per la nostra comprensione di ciò che Gesù compie sulla croce. Esse comprendono le seguenti cinque categorie: l'olocausto, l'oblazione, l'offerta di pace, il sacrificio per il peccato, e per la colpa.

1.   Korban Olah (קרבנ עלה – Offerte Brucianti)
 
“3 Se l'offerta è un olocausto di grosso bestiame, egli offrirà un maschio senza difetto; l'offrirà all'ingresso della tenda del convegno, per ottenere il favore del Signore“. (Levitico 1: 3)
 
Il Korban Olah è un offerta volontaria che deve essere completamente bruciata. Nulla di essa può essere mangiata. Per offrire il Korban, il fedele porta un animale maschio senza difetto alla porta del Tabernacolo. Una colomba maschio o femmina o piccione possono essere offerti se una persona non ha i mezzi per offrire un toro, montone o capra. L'Israelita poi mette le mani sul capo dell'offerta animale con la consapevolezza che questo animale innocente è in procinto di pagare il prezzo per il suo peccato. Dopo che il fedele chiede ad Adonai il perdono, l'animale viene macellato.

2.   Minchah (מִנְחָה – Offerta di Pasto)
 
Tzav descrive anche le funzioni per la Minchah (dono o regalo) o Offerta di Pasto in cui il popolo di Israele dona oblazioni. I sacerdoti bruciano un pugno (Kometz) di questa offerta sull'altare e ne mangiano il resto. Spesso la farina dei più eletti è mescolata con olio e sale per fare una torta, ma non può contenere lievito o miele. Il lievito infatti è associato con il peccato, l'orgoglio, l'ipocrisia, il falso insegnamento, e la mondanità (1 Corinzi 5: 6-8, Luca 12: 1, Galati 5: 9, Marco 8,15). Illievito e il sale rappresentano due azioni completamente diverse: il sale conserva, mentre il lievito radicalmente cambia le sostanze. Anche se il miele ha un odore gradevole quando bolle, odora di amaro ed è sgradevole quando brucia. L'offerta deve essere dolce, come l'incenso offerto con esso. Anche se questo sembra un Parasha specificamente collegato al grano, altrove vediamo anche le verdure e gli animali donate per un Minchah (Genesi 4: 3-4; 1 Samuele 2: 15-17).
 
Sia Caino che Abele hanno offerto una Minchah e non un Korban Olah. Caino e la sua offerta non sono state accettate né gradite. Abele offrì una parte grassa delle primizie del suo gregge; Tuttavia, la Bibbia non indica che Caino ha portato le primizie della sua produzione. Si dice solo che ha portato il frutto della terra, che sembra indicare che la qualità dell'offerta era scadente. Possiamo dedurre che Caino non ha offerto il Minchah nella fede o con un atteggiamento giusto (Ebrei 11: 1-2, 4; 1 Giovanni 3:12). Caino divenne amareggiato quando Dio respinse la sua offerta; tuttavia, Dio con enorme grazia gli disse che se avesse fatto del bene, sarebbe stato accettato. Caino respinse il consiglio di Adonai, probabilmente a causa di incredulità, e le cose andarono di male in peggio. Egli non si pentì, scegliendo invece un percorso di ribellione che provocò in lui l’uccisione di suo fratello.
 
"7 Se fai bene non rialzerai tu il volto? ma, se fai male, il peccato sta spiandoti alla porta, e i suoi desideri son vòlti a te; ma tu lo devi dominare!" (Genesi 4: 7)

3. Shelamim (שְׁלָמִים - Offerta di Pace)
 
Il Shelamim (legata alla parola shalom) è un offerta volontaria che esprime un senso di benessere, la lode e rendimento di grazie, come quando Giacobbe e Labano hanno fatto un trattato l’uno con l'altro. (Genesi 31:54)
 
Questa Offerta di Pace è simile alla olocausto; tuttavia, mentre gli animali maschi o femmine erano accettabili, gli uccelli non lo erano. Gli animali non erano completamente bruciati come lo erano gli olocausti; solo le parti specificate degli organi interni e i grassi erano collocati sull'altare. Una parte della Shelamim, senza il sangue, è quella che poteva essere mangiata dai sacerdoti e anche da quello che offriva il sacrificio.

5. Asham (אָשָׁם - sacrificio di riparazione)
 
(Levitico 6: 5-7) Dettagli sacrificio di riparazione di un ariete per i seguenti:
·    quando involontariamente utilizziamo la proprietà del santuario per noi e per scopi personali;
·    prevenire la punizione per il proprio peccato quando si è incerti di aver peccato, o per il peccato sconosciuto;
·    mentire sotto giuramento o frodare una persona nei confronti di una scarpa trovata, un deposito, prestito, etc.
 
Per l’offerta di Asham, non basta offrire semplicemente un sacrificio. L'autore del reato deve restituire oltre ad aggiungere un quinto ulteriore del valore dell’offerta. Intorno al mondo, gli ebrei vedono in questa offerta solo l'offerta istituita da Dio stesso, molti credenti  in Yeshua (Gesù) ricordano invece il prezzo che Egli ha pagato per salvare noi dal potere del peccato.
 
“28 così anche Cristo, dopo essere stato offerto una volta sola, per portare i peccati di molti, apparirà una seconda volta, senza peccato, a quelli che l’aspettano per la loro salvezza.” (Ebrei 9:28)
 
In adempimento della Scrittura, Gesù è diventato il nostro sacrificio di riparazione, pagando il prezzo per il peccato una volta per tutte.
 
“10 Ma al Signore è piaciuto prostrarlo con dolori. Quando offrirà se stesso in espiazione,vedrà una discendenza, vivrà a lungo, si compirà per mezzo suo la volontà del Signore.”. (Isaia 53:10)
 
Confessione e restituzione è ancora la nostra responsabilità morale di uno con l'altro quando pecchiamo, ma il sacrificio per rimuovere la nostra colpa e purificarci è stata fatta da Gesù. Sentendoci in colpa quando pecchiamo è sano; è un segno che dobbiamo fare ammenda. Ma mantenere il senso di colpa dopo che la restituzione è stata fatta e il sacrificio è stato pagato non è sano. 

Possiamo ricevere il sacrificio di Gesù come la nostra restituzione totale delle nostre colpe una volta che noi riconosciamo la nostra colpa e facciamo ammenda. Mentre la offerta per la colpa sull'altare del Tempio è unica ed il peccato è coperto, la morte e risurrezione in realtà di Yeshua hanno rimosso il peccato per sempre.

Come ha detto Yochanan (Giovanni), quando vide Gesù che veniva a lui nel fiume Giordano, “29 Il giorno seguente, Giovanni vide Gesù che veniva a lui, e disse: Ecco l’Agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo!” (Giovanni 1:29)

Yeshua è preparato per la sepoltura
 
“8 Dopo queste cose, Giuseppe d’Arimatea, che era discepolo di Gesù, ma occulto per timore de’ Giudei, chiese a Pilato di poter togliere il corpo di Gesù; e Pilato glielo permise. Egli dunque venne e tolse il corpo di Gesù.” (Giovanni 19:38)
 
Il Venerdì Santo, i credenti in Yeshua si ricordano della morte orribile che Yeshua ha sofferto  per nostro conto. I credenti anche leggono come Giuseppe (Yosef) d'Arimatea e Nicodemo (Nakdimon) è venuto a Pilato a chiedere il corpo di Gesù. A causa della sepoltura ebraica che avviene solitamente entro le 24 ore, in linea con la pratica ebraica, i discepoli hanno cercato di seppellire Yeshua subito. Hanno anche preparato il corpo di Gesù per la sepoltura con  Tahara, la purificazione rituale. In questo rituale, il corpo è pulito, e poi asciugato e vestito  takhrikhim, un semplice lenzuolo bianco (Marco 15: 46-47).

“39 Vi andò anche Nicodèmo, quello che in precedenza era andato da lui di notte, e portò una mistura di mirra e di aloe di circa cento libbre. 40 Essi presero allora il corpo di Gesù, e lo avvolsero in bende insieme con oli aromatici, com'è usanza seppellire per i Giudei.” (Giovanni 19: 39-40)

Quando Yosef e Nakdimon hanno eseguito il mitzvah (comandamento) di preparare il corpo di Gesù per la sepoltura, stavano eseguendo i compiti del  Khevra Kadisha, una organizzata sepoltura che assicura che il corpo sia preparato correttamente per la sepoltura e protetto dalla dissacrazione. Avvolgendo Yeshua nel lino, essi stavano praticando l'usanza di  takhrikhim, fornendo la veste di una degna sepoltura per il defunto.
Dal momento che il sabato si stava rapidamente avvicinando, non c'era tempo sufficiente per completare i preparativi prima che cominciasse il giorno santo della Pasqua; pertanto, Gesù fu collocato in una tomba sigillata fino alla chiusura del giorno dell’alto sabato. Così, Gesù è stato sepolto nella tomba di un uomo ricco in adempimento del Profezia messianica in Isaia 53:9

“9 Gli avevano assegnata la sepoltura fra gli empi, ma nella sua morte, egli è stato col ricco, perché non aveva commesso violenze né v’era stata frode nella sua bocca.” (Isaia 53: 9)

Tuttavia, più importante di come Gesù è stato sepolto è che Egli è risorto dai morti ed ha guadagnato la vittoria sulla morte. Hallelujah! 

Sia la morte spirituale che fisica è stata sconfitta con la vittoria di Gesù, come ha detto Rabbino Saul di Tarso (Paolo):

“20 Ma ora Cristo è risuscitato dai morti, primizia di quelli che dormono. 21 Infatti, poiché per mezzo d’un uomo è venuta la morte, così anche per mezzo d’un uomo è venuta la resurrezione dei morti. 22 Poiché, come tutti muoiono in Adamo, così anche in Cristo saranno tutti vivificati;". (1 Corinzi 15: 20-22)

Questa è la Buona notizia che vogliamo condividere con tutti gli ebrei, in modo che possano essere sicuri del loro posto nella Olam habah (il mondo a venire).
 
Se la morte è la conseguenza del peccato, come potrebbe Yeshua essere morto essendo senza peccato?
 
“7 Purificatevi del vecchio lievito, affinché siate una nuova pasta, come già siete senza lievito. Poiché anche la nostra pasqua, cioè Cristo, è stata immolata.". (1 Corinzi 5: 7)

Dopo la morte, sepoltura e risurrezione di Gesù verificatasi nel contesto ebraico, possiamo esaminare le usanze ebraiche che circondano la morte, la sepoltura, il lutto, e la resurrezione che può ulteriormente aiutare la nostra comprensione del Venerdì Santo e della Sua Resurrezione la Domenica.
 
La Creazione, tra cui il genere umano, non era destinata a subire la morte.
 
Il primo libro della Torah, Bereisheet (Genesi), rivela la morte come il giudizio di Dio sull'umanità per la loro caduta spirituale nel giardino dell'Eden. Dopo che Adamo ed Chava (Eva) fallirono la loro prova di obbedienza, Dio disse:
 
“19 mangerai il pane col sudore del tuo volto, finché tu ritorni nella terra [adamah] donde fosti tratto; perché sei polvere, e in polvere ritornerai”. (Genesi 3:19)

Il nome Adamo è stato preso dalla parola terra o Terraadamah, dal momento che l'uomo (Adamo) è stato tratto dalla terra (adamah). Questo gioco di parole in ebraico rivela una verità spirituale: il peccato ha portato la morte fisica per tutta l'umanità e, con essa, un ritorno al Terra (adamah). Si chiude così l'esistenza fisica di una persona sulla terra, con lo spirito che si separa dal corpo. La morte di Gesù, però, non è stata a causa del suo peccato, dal momento che egli era senza peccato. È morto quando ha preso su di sé i peccati del mondo e tutto il senso di colpa che viene con esso.

“5 E voi sapete ch’egli è stato manifestato per togliere i peccati; e in lui non c’è peccato.” (1 Giovanni 3: 5) 

La morte di Gesù non era l'ultima parola. Proprio come aveva promesso, la morte non poteva trattenerLo (Giovanni 2: 18-22; Matteo 26: 31-32).

“25 il quale è stato dato a cagione delle nostre offese, ed è risuscitato a cagione della nostra giustificazione.” (Romani 4:25)

Il pungiglione della morte è il peccato (1 Corinzi 15:56), e in Yeshua, la morte ha perso il suo pungiglione! Pertanto, possiamo vivere tranquillamente senza alcun timore della morte o di morire, come sappiamo che quando si passa da questa vita, le nostre vite continuano eternamente con il nostro amorevole Padre in cielo.

To listen to our Shabbat service, click on the link below. Per ascoltare il nostro culto di Shabbat, cliccate sul link sottostante:



0 Comments to Torah portion Tzav/Porzione di Torah Tzav:

Comments RSS

Add a Comment

Your Name:
Email Address: (Required)
Website:
Comment:
Make your text bigger, bold, italic and more with HTML tags. We'll show you how.
Post Comment
RSS Follow Become a Fan

Delivered by FeedBurner


Recent Posts

Torah Portion Nitzavim-Vayelech (You are Standing / And He Went) - Porzione di Torah Nitzavim-Vayelech (state tutti davanti / e se ne andò)
Tithing this weekend helps us Change Jewish Lives Forever
Torah Portion Ki Tavo (When You Enter) - Porzione di Torah Ki Tavo (Quando si entra)
Torah Portion Ki Tetzev (When You Go Out) - Porzione di Torah Ki Tetzev (Quando uscirete)
Torah Portion Shoftim (Judges) - Porzione di Torah Shoftim (Giudici)

Most Popular Posts

ASILO NIDO FAMIGLIA BILINGUE A DOMICILIO
Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
SUMMER CAMP 2013 UPDATES
SUMMER CAMP 2013

Categories

"Messianic Bible Studies Series" Registration
A MOBILE COLLEGE
BACK TO SCHOOL 2013
BAMBINI DALLA SCUOLA DI STRADA ALLA SCUOLA IN CASA
Baxk To School 2014
Believe
BIBBIA PROFETICA MESSIANICA ANNO 5775 PRIMA PORZIONE DI TORAH DELL'ANNO
Casa di Preghiera & Accoglienza Place of Shalom Pozzuoli, Napoli
Casa di preghiera di Gerusalemme
Cio' in cui crediamo
Come l'Apostolo Paolo
Con i miei occhi la biblioteca per i nonni e i disabili visivi
CORSI AUTUNNALI SETTIMANALI
CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI
CORSO DI CUCITO
CORSO DI DECOUPAGE
CORSO DI EBRAICO BIBLICO A POZZUOLI IN SEDE E ONLINE SONO APERTE LE ISCRIZIONI
Daily Drop
Daily Mitzvah (Maimonides)
Daily Prayer Points
Daily Tehillim
Daily Wisdom
Daily Word
EMPLOYMENT AVAILABLE Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
English Courses for You
EVENTO TRE PER DUE
Facilitating and enhancing social inclusion of people with special needs
Generate a list of Yahrzeit dates, Hebrew Birthdays, or Hebrew Anniversaries for the next 20 years
Healing
Holocaust Memorial Day
II Porzione di Torah dell'anno 5775
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
Israel Updates
Italian House of Prayer Jerusalem/Casa di Preghiera Italiana a Gerusalemme
Kehila News Israel
La Stanza di Elia/Elijah Room
LEADERSHIP COURSE
Messianic Bible
Missione la pupilla del suo occhio 2015
MISSSION 3721
Monthly Newsletter
My Dream
ORFANI E VEDOVE
Our Tithes to Israel - Le Nostre Decime a Israele
Prayer Points
Raccolta Fondi Asilo Nido Bilingue Gratuito de L'Aquila
Raccolta Fondi per Emergenza Terremoto Amatrice, Italia - Fundraising Earthquake Emergency for Italy
RECUPERO MATERIA SCOLASTICA INGLESE
Scriptural References and daily Prayer Points
SERVIZI DI GUIDA TURISTICA E ACCOMPAGNATORI TURISTICI (CORRIERI)
SHINE PROJECT - FREE WORKSHOP
SMALL THINGS MAKE BIG CHANGES IN PEOPLE LIVES
START-UP IMMA (in ebraico mamma)
Start-Up Imma al Social Lab - Il Forum Regionale sulle Politiche Sociali - 13 Febbraio 2015 Pescara,
SUMMER CAMP 2013
TEA Parties
Teacher's Hunt!
Tempi di Gloria
The Children of Zion, His Holy People.
The Day of Prayer for the Persecuted Church
The Marriage Service
THE PATH OF THE GODS & THE CALL OF GOD 13 APRIL 2013
This is Christmas - (Questo e' Natale) - Evento Gratuito per bambini - Domenica 14, 21, 28 Dicem
This is Revival 2013 (Questo e' Risveglio 2013)
Time of Judgement/Tempi di Giudizio
Times of Glory Isaiah 66:18
Tithes
TRAVEL TO ISRAEL 2013
TRAVEL TO UK 2013
Village of Hope & Justice Ministry (Onlus) Israele
Village of Hope & Justice MInistry Bible Studies
VILLAGE OF HOPE & JUSTICE MINISTRY MOBILE COLLEGE
Village of Hope & Justice Ministry Onlus Offerta Formativa Estate 2014
WAILING WALL: PRAYER REQUESTS AND ANSWERS TO PRAYER
Weekly Stories from Israel
Weekly Torah Portion
Welocome Home - Your room in Jerusalem - Italian House of Prayer Jerusalem
What we believe
Yad HaShoah Holocaust Memorial Day
Yamim Nora’im Anno 5775
Yom Kippur 5777 Appeal

Archives

September 2017
August 2017
July 2017
June 2017
May 2017
April 2017
March 2017
February 2017
January 2017
December 2016
November 2016
October 2016
September 2016
August 2016
July 2016
June 2016
May 2016
April 2016
March 2016
February 2016
January 2016
December 2015
November 2015
July 2015
March 2015
February 2015
January 2015
December 2014
November 2014
October 2014
September 2014
April 2014
January 2014
December 2013
September 2013
August 2013
July 2013
June 2013
May 2013
April 2013
March 2013
February 2013

powered by

Website Builder provided by  Vistaprint