Torah portion Shabbat Pesach/Porzione di Torah Shabbat Pesach
Village of Hope & Justice Ministry  - Cod. Fisc. 95117280636
My Blog

Torah portion Shabbat Pesach/Porzione di Torah Shabbat Pesach


























Shabbat shalom during Pesach!
 
Because this Shabbat (Sabbath) falls during Chag HaMatzot (Feast of Unleavened Bread), a special reading is inserted into the regular Torah reading cycle.
 
On this weekend as many Christians are also celebrating the resurrection of the Messiah Jesus (Yeshua), it is fitting to recall the physical redemption of the Jewish people from Egypt.  
 
We know you will be blessed as you discover the Jewish roots of your faith in the King of Kings and Lord of Lords!
 
Shabbat Chol HaMoed Pesach (The Intermediate Sabbath of Passover)
Exodus 33:12–34:26; Numbers 28:16–25; Ezekiel 37:1–14; Luke 24
 
“You shall keep the Feast of Unleavened Bread [Chag HaMatzot]. Seven days you shall eat unleavened bread [matzah], as I commanded you, at the time appointed in the month Aviv, for in the month Aviv you came out from Egypt.” (Exodus 34:18)


Matzah bread

















The Parasha (Scripture portion) for this Shabbat occurs in the middle of the Passover week and begins by describing the holy days of Pesach (Passover) and the Feast of Unleavened Bread (Chag HaMatzot), which lasts seven days.
 
These two special events are most often blended into one and just called Passover, but there is a crucial difference between the two, which we will explore in today’s study.
 
During the Passover time frame, there are three distinct events that represent three unique spiritual states or conditions of the soul:

  1. Passover represents salvationwe are saved from the wrath of God by faith in the blood of the Passover Lamb.
“Behold the Lamb of God who takes away the sins of the world.” (John 1:29)
 
Yeshua (Jesus) was slain on Passover as the perfect fulfillment of the lamb that saved the Israelites on the very first Passover:
 
“And when I see the blood I will pass over you.” (Exodus 12:13)

  1. Unleavened breadalso called matzah or the bread of affliction, represents sanctification.
Matzah is flat because it is devoid of yeast (chametz), which represents wickedness, pride, and that which causes us to be puffed up or to think more highly of ourselves than we ought. 
 
“Your boasting is not good. Don’t you know that a little yeast leavens the whole batch of dough? Get rid of the old yeast, so that you may be a new unleavened batch, as you really are. For Messiah, our Passover lamb, has been sacrificed.” (1 Corinthians 5:6–7)

Chametz is closely related to the Hebrew word chamutz, which means sour. Yeast is a souring agent. Likewise, sin causes bitterness in our soul.
 
“Therefore let us keep the Festival, not with the old bread leavened with malice and wickedness, but with the unleavened bread [matzah] of sincerity and truth.” (1 Corinthians 5:8)
 
The week of unleavened bread, therefore, represents sanctification accomplished through affliction, trials and testing, and the purging of pride in order to teach us humility and obedience by the things we suffer in our wilderness experiences.
 
“And you shall remember that the Lord your God led you all the way these forty years in the wilderness, to humble you and test you, to know what was in your heart, whether you would keep His commandments or not.” (Deuteronomy 8:2)

  1. First Fruits, also called Bikkurim in Hebrew, which occurs the day after the first day of Unleavened Bread (although there is some disagreement as to the timing), represents resurrection.

    Just as the barley is offered up to the Lord as the first crop after winter, so Yeshua was also raised from the dead on the Feast of Firstfruits.

“But now the Messiah is risen from the dead, and has become the first fruits of those who have fallen asleep.” (1 Corinthians 15:20)
 
From these distinct elements within Passover, we can understand that between the events of salvation and resurrection is a process of sanctification.
 
Passover → Unleavened Bread → First Fruits
 
Salvation → Sanctification → Resurrection

The Intermediate Sabbath—Losing Heart in the Wilderness
 
When the Israelites were delivered from Egypt, they also had to go through a sanctification process, which took them through the wilderness on their way to the promised land.
 
Even though the Israelites entered into a covenant with God in the wilderness, and came to understand their identity as God's treasured possession there, sometimes they responded to hardship and barrenness of the wilderness with discouragement.
 
In the wilderness, they also lost heart, lost hope, longed for Egypt, grumbled, murmured, and complained.
 
For that reason, all perished but two, Joshua and Caleb, who followed the Lord wholeheartedly and kept the faith. The bodies of the other Israelites lay scattered across that vast wilderness.


Yeshua being tempted in the desert















Even Yeshua spent time in the wilderness, perhaps the Judean or Negev Desert. The Ruach HaKodesh (Holy Spirit) led Him there to be tempted by the devil. (Matthew 4:1–11)
 
The Negev is not an easy place to live, even with air conditioning!
 
It is a land of snakes and scorpions; a place of great danger. And yet, the wilderness is not a punishment, but a necessary stage in our spiritual journey.
 
It is often God who leads us into our wilderness experiences to humble us, to test us, to refine our faith, and to teach us perseverance and endurance.
 
If we come out of it alive, we do so “leaning on our beloved” instead of relying on our own strength or limited sufficiency. (Song of Solomon 8:5)
 
The wilderness can be our spiritual university where we learn to trust in and depend upon the Lord, and only God knows how long that lesson will take.

For believers, in the vast space between salvation and the resurrection lies the wilderness, a dry and thirsty land where water is scarce. That is where we are sanctified.
 
Because it is so easy to lose heart in the wilderness, our sanctification process, our response to the trials and challenges will determine how well we make it through to the resurrection.
 
Discouragement during our wilderness is an especially powerful weapon of the enemy because of its weakening, demoralizing effect.
 
This is not so with hatred, jealousy, fear, and other negative states that may cause us to act foolishly, to fight, or to run. With these emotional attacks, at least we act.
 
Discouragement on the other hand, hurts us the most because it ultimately takes the energy right out of us, causing us to sit down, pity ourselves, and do nothing.
 
Discouragement causes us to give in to the temptation of the enemy who whispers, "Just give up." 

Hopelessness is a very dangerous state of being. In fact, Scripture tells us that “hope deferred makes the heart sick.” (Proverbs 13:12)

When Hope Is Lost—The Day With No Name
 
The Scripture reading between Passover and Bikkurim is simply called “Intermediate Sabbath” (Chol HaMo’ed). It doesn’t even have a name like the other parshiot.
 
It describes a time of hopelessness for Israel, wandering the nations without God's blessing to protect them, as if they were living in a valley of dried up bones.
 
In our own valleys of dried up dreams and desires, when all hope seems lost, we wonder if everything has been in vain, if the sun will ever shine again in our grieving hearts.
 
Israel asked the same question in the Haftarah reading for this intermediate Sabbath.
 
The dry bones, which represent the whole house of Israel, say, “Our bones are dried up, and our hope is lost; we are clean cut off.” (Ezekiel 37:11)

Sometimes we feel that we have been cut off from hope itself. But so often when we feel the darkness is closing in on us, at that moment God is doing His greatest work.
 
Likewise, it is when Israel’s hope in itself is completely destroyed that God’s promise of restoration comes forth as a breath of life:
 
“Behold, I will open your graves, and cause you to come up out of your graves, O My people; and I will bring you into the land of Israel. And you shall know that I am the Lord…  And I will put My Spirit [Ruach] in you, and you shall live.” (Ezekiel 37:13–14)
 
Ruach, the Hebrew word for spirit, is the same word used in verses 5 and 6 that is translated breath: “I will causebreath [Ruach] to enter into you and you shall live.”

In the Brit Chadashah (New Testament),Yeshua miraculously foreshadows the fulfillment of this Word.
 
Yeshua arrived four days after His friend Lazarus had died and been placed in the tomb. Everyone's hope in Lazarus being raised from the dead was completely lost.
 
Why did Yeshua wait for four days?  
 
Jewish tradition holds that a person’s soul hovers around its physical body for three days, but after this time period, the soul leaves.
 
Therefore, the Jewish people who witnessed Lazarus' death were convinced on the fourth day that the situation was completely and totally without any hope whatsoever! Even the soul of the deceased had departed.
 
But Yeshua called out to Lazarus, TZEH HAHUTZAH! COME OUT!
 
And Lazarus came up out of his grave and he lived!
 
One thing, however, needed to be done before Lazarus could come out of the tomb, the stone had to be rolled away. Somebody had to do it, and it wasn’t Yeshua.



Raising Lazarus


















While He could have easily rolled it away Himself or even commanded the heavy stone to move and it would have obeyed Him, He called upon the people to participate in the miracle.
 
Yeshua said to them, “Take away the stone.” (John 11:39)
 
Why? Perhaps He wanted to teach us that we are not to be completely passive and expect God to do everything for us.
 
Maybe there is a stone standing between us and our miracle.
 
Perhaps, all that is needed is to draw upon the faith and strength within us to “take away the stone” under God's direction. Then we will witness God perform a resurrection in our own life! Hallelujah!

Like the people around Lazarus who thought Yeshua came too late, sometimes we find ourselves in an utterly hopeless situation where it is so tempting to give in to despair and depression.
 
This is exactly when we should be reaching out for a miracle to the One who said, “I am the resurrection and the life.”(John 11:25)
 
Before our situation became hopeless, we may have been counting on God to show up to perform a miracle. But it seems that He did a "no-show," and the relationship or the business or the whatever we were hoping for died.
 
That is when deep disappointment sets in. “Where was God?” we ask. “Where was His power when I needed Him?”
 
We could sit there, looking at that stone, crying, and thinking it’s just too heavy or too hard to move, or we can just move away the obstacle, let God in, and see miracles come forth.
 
May we hear the voice of our Good Shepherd and obey what He tells us to do to see that miracle happen, even if it doesn’t make sense or seems impossible in the natural.

But We Were Hoping
 
Yeshua’s disciples also knew hopelessness and utter despair.
 
At Passover, after Yeshua’s death on the cross, it looked like all hope was lost and that the forces of evil had triumphed. His disciples wandered about in confusion and sorrow.
 
They had hoped that this finally was the “real deal.” After so many false Messiahs, they believed that He was truly the Mashiach who would redeem Israel from Roman oppression and restore the Kingdom of Israel. 

After Yeshua’s execution, two disciples were traveling to a village seven miles from Jerusalem. They walked together, chatting and reasoning about the event with quite sad demeanors.

But then Yeshua came near and walked with them along the road. Still, their eyes were restrained and they did not recognize Him. (Luke 24:16)

Yeshua’s disciples had a certain expectation of how God was going to work things out. But even though things didn’t happen the way they thought it should, this was God’s greatest triumph over darkness.
 
In their darkest hour, in their utter hopelessness, they couldn’t see that Hope was walking right alongside them! For Yeshua is a Living Hope. (1 Peter 1:3–4)
 
Isn’t this just like us when we’ve experienced a disappointment? We’ve just got to find somebody to talk to about it. We try to reason the thing out, to somehow make sense out of something that just doesn’t make sense. This often only causes more sorrow.
 
When things don’t work out the way we had hoped they would, it could be that redemption is right there with us, walking alongside us. Sometimes that Living Hope is right under our noses but we don’t perceive it because it comes in a form we didn’t quite expect.
 
In our darkest hours, we must remember that God never leaves us, for He safeguards our soul as we travel through the wilderness where we are sanctified.
 
There in our wilderness, our ultimate hope is in Yeshua and His resurrection.  

“You who are the Hope of Israel, its Savior in times of distress.” (Jeremiah 14:8)



Shalom Shabbat durante Pesach!

Poiché questo Shabbat (sabato) cade durante  Chag HaMatzot  (Festa degli Azzimi), una lettura speciale viene inserita nel regolare ciclo di lettura della Torah.
 
Questo fine settimana come molti cristiani, anche noi messianici celebriamo la risurrezione del Messia Gesù (Yeshua), è inoltre opportuno ricordare la redenzione del popolo ebraico nel passaggio dall'Egitto alla terra promessa.  
 
Sappiamo che sarete beati, nello scoprire le radici ebraiche della vostra fede nel Re dei Re e Signore dei Signori!
 
Shabbat Chol Hamoed a Pesach (Shabbat Intermedio di Pasqua)

Esodo 33: 12-34: 26; Numeri 28: 16-25; Ezechiele 37: 1-14; Luca 24

“18 Osserverai la Festa degli Azzimi [Chag HaMatzot]. Per sette giorni mangerai pane senza lievito come ti ho ordinato nel tempo stabilito nel mese di Abib, poiché nel mese di Abib tu sei uscito dall'Egitto.” (Esodo 34:18)
 
La Parasha (Porzione della Torah) per questo Shabbat si verifica nel bel mezzo della settimana di Pasqua e inizia descrivendo le feste di Pesach (Pasqua) e la Festa degli Azzimi(Chag HaMatzot), che dura sette giorni. Questi due eventi speciali sono spesso mescolati in un unico evento chiamato Pasqua, ma c'è una differenza fondamentale tra i due, che esploreremo nello studio di oggi.

Durante il periodo di tempo della Pasqua, esistono tre eventi distinti che rappresentano tre stati spirituali unici o condizioni dell'anima:

      1. La Pasqua ebraica rappresenta  la salvezza: siamo salvati dall'ira di Dio mediante la fede nel sangue di agnello pasquale.

“Ecco l'agnello di Dio che toglie i peccati del mondo”. (Giovanni 1:29)
 
Yeshua (Gesù) è stato ucciso a Pasqua come il perfetto compimento essendo l’agnello che ha salvato gli Israeliti durante il loro tragitto nel deserto, la Pasqua Ebraica:
 
“E quando vedrò il sangue passerò oltre voi”. (Esodo 12,13)
 
      2. Il Pane azzimo, chiamato anche matzah o pane di afflizione, rappresenta  la santificazione. La Matzah è piatta perché è priva di lievito (chametz), che rappresenta la malvagità, l'orgoglio, e ciò che ci fa essere gonfi o pensare di essere più grandi di ciò che siamo.

“6 Il vostro vanto non è buono. Non sapete che un po' di lievito fa fermentare tutta la pasta?
7 Togliete via dunque il vecchio lievito affinché siate una nuova pasta, come ben siete senza lievito, la nostra pasqua infatti, cioè Cristo, è stata immolata per noi.” (1 Corinzi 5: 6-7)

Il Chametz è strettamente correlato alla parola ebraica chamutz, il che significa amaro. Il lievito è un agente di inacidimento. Allo stesso modo, il peccato provoca amarezza nella nostra anima.
 
“8 Celebriamo perciò la festa non con vecchio lievito, né con lievito di malvagità e di malizia, ma con azzimi pane azzimo [matzah]  di sincerità e di verità.” (1 Corinzi 5: 8)
 
La settimana del pane azzimo, quindi, rappresenta la santificazione realizzata attraverso l’afflizione, le prove e i test, e l'epurazione dell’ orgoglio per insegnarci l'umiltà e l'obbedienza attraverso la sofferenza nella nostra esperienza nel deserto.

“2 Ricordati di tutta la strada che l'Eterno, il tuo DIO, ti ha fatto fare in questi quarant'anni nel deserto per umiliarti e metterti alla prova, per sapere quello che c'era nel tuo cuore e se tu osserveresti o no i suoi comandamenti.” (Deuteronomio 8 : 2)

      3. Le Primizie, chiamate anche Bikkurim in ebraico, si celebrano il giorno dopo il primo giorno degli Azzimi (anche se c'è qualche disaccordo sui tempi),  e rappresentano la resurrezione. 

Proprio come l'orzo viene offerto al Signore come il primo raccolto dopo l'inverno, così Gesù è stato anche risuscitato dai morti sulla Festa delle Primizie.

“Ma ora il Messia è risorto dai morti, ed è diventato primizia di coloro che sono morti “. (1 Corinzi 15:20)
 
Da questi elementi distinti all'interno della Pasqua, possiamo capire che tra gli eventi di salvezza e resurrezione vi è un processo di santificazione.

Pasqua →   pane azzimo   → Primizie
 
La salvezza → Santificazione → Resurrezione

Sabato Intermedio - perdersi d'animo nel deserto
 
Quando gli Israeliti furono liberati dall'Egitto, dovevano passare attraverso un processo di santificazione, che li ha portati attraverso il deserto nel loro cammino verso la terra promessa.
 
Anche se gli israeliti avevano stipulato un patto con Dio, nel deserto, ed avevano capito la loro identità come bene prezioso a Dio, talvolta avevano risposto al disagio e la sterilità del deserto con lo sconforto.
 
Nel deserto, ma anche con il cuore perso, avevano perso la speranza, desideravano tornare in Egitto, brontolavano, mormoravano, e si lamentavano.
 
Per questo motivo, molti perirono tranne due, Giosuè e Caleb, che seguirono il Signore con tutto il loro cuore e mantennero la loro fede. I corpi degli altri israeliti erano sparsi in tutto quel vasto deserto.
 
Anche Yeshua ha trascorso del tempo nel deserto, forse la Giudea o deserto del Negev. Il Ruach HaKodesh (Spirito Santo) ha portato il Re lì, perché fosse tentato dal diavolo.

11 Allora il diavolo lo lasciò; ed ecco degli angeli gli si accostarono e lo servivano.” (Matteo 4: 1-11)
 
Il deserto del Negev non è un posto facile da vivere, anche con l'aria condizionata! È una terra di serpenti e scorpioni; un luogo di grande pericolo. E tuttavia, il deserto non è una punizione, ma una tappa necessaria nel nostro cammino spirituale. Spesso è Dio che ci guida nelle nostre esperienze di deserto per umiliarci davanti a Lui, metterci alla prova, per affinare la nostra fede, e per insegnarci la perseveranza e la resistenza.

Se usciamo vivi dal deserto, lo facciamo “appoggiati al nostro amato”, invece di basarci sulle nostre capacità, o la nostra autosufficienza limitata.
 
“5 Chi è costei che sale dal deserto appoggiata al suo diletto? Ti ho svegliata sotto il melo, dove tua madre ti ha partorito, dove quella che ti ha partorito ti ha dato alla luce.” (Cantico dei Cantici 8: 5)

Il deserto può essere la nostra università spirituale dove si impara ad avere fiducia e dipendere dal Signore, e solo Dio sa quanto tempo la lezione prenderà.

Per i credenti, nel vasto spazio tra la salvezza e la resurrezione si trova il deserto, una terra arida e assetata dove l'acqua scarseggia. Ecco dove noi siamo stati santificati. Poiché è così facile perdersi d'animo nel deserto, il nostro processo di santificazione, la nostra risposta alle prove e le sfide determinerà quanto bene lo facciamo fino alla risurrezione. Lo scoraggiamento durante il nostro deserto è una potente arma del nemico usata contro di noi a causa del nostro indebolimento, ed ha un effetto demoralizzante. Questo indebolimento ci porta così a provare sentimenti contrastanti come l'odio, la gelosia, la paura, e altri stati negativi che possono causare noi ad agire stupidamente, per combattere con le nostre forze, o per svolgere il nostro lavoro senza richiedere l’intervento divino. Con questi attacchi emotivi, siamo tentati ad agire. Lo scoraggiamento d'altra parte, ci fa più male, perché porta in ultima analisi, la giusta energia fuori di noi, facendoci sedere, commiserandoci, e non facendo niente. Lo scoraggiamento ci fa cedere alla tentazione del nemico che sussurra, "Arrenditi."

Quando la speranza è persa – Il Giorno Senza Nome

La lettura delle Scritture tra la Pasqua e Bikkurim si chiama semplicemente  “Sabato Intermedio”  (Chol HaMo'ed). Esso non ha nemmeno un nome come l'altra parshiot. Esso descrive un momento di disperazione per Israele, vagando per le nazioni senza la benedizione di Dio per proteggerli, come se vivessero in una valle di ossa prosciugato. Nelle nostre valli di sogni e desideri prosciugato, quando ogni speranza sembra perduta, ci chiediamo se tutto è stato vano, se il sole sarà sempre a splendere di nuovo nel nostro cuore in lutto. Israele ha chiesto la stessa domanda nella lettura dell’Haftarah per questo sabato intermedio. Le ossa secche, che rappresentano tutta la casa d'Israele, dicono, “11 Poi mi disse: «Figlio d'uomo, queste ossa sono tutta la casa d'Israele. Ecco essi dicono: le nostre ossa sono secche, la nostra speranza è svanita e noi siamo perduti” (Ezechiele 37:11)

A volte ci sembra che siamo stati tagliati fuori dalla stessa speranza. Ma così spesso quando sentiamo l'oscurità che si sta chiudendo su di noi, in quel momento Dio sta facendo la sua più grande opera. Allo stesso modo, quando la speranza di Israele in sé è completamente distrutta che la Promessa di restaurazione di Dio si fa avanti come un soffio di vita:

“13 Riconoscerete che io sono l'Eterno, quando aprirò i vostri sepolcri e vi farò uscire dalle vostre tombe, o popolo mio. 14 Metterò in voi il mio Spirito [Ruach] e voi vivrete, e vi porrò sulla vostra terra; allora riconoscerete che io, l'Eterno, ho parlato e ho portato a compimento la cosa», dice l'Eterno.”(Ezechiele 37: 13-14)

Ruach, la parola ebraica per spirito, è la stessa parola usata nei versi 5 e 6 che si traduce come respiro“Io causo ilrespiro [Ruach]  ad entrare in te e tu vivrai.” Nel Brit Chadashah (Nuovo Testamento), Gesù prefigura miracolosamente l'adempimento di questa Parola. Yeshua è arrivato quattro giorni dopo che il suo amico Lazzaro era morto ed è stato collocato nella tomba. La speranza di tutti che Lazzaro fosse risuscitato dai morti era completamente persa.
 
Perché Gesù ha aspettato per quattro giorni?  
 
La tradizione ebraica sostiene che di una persona l'anima si aggira intorno al suo corpo fisico per tre giorni, ma dopo questo periodo di tempo, l'anima lascia la persona. Pertanto, il popolo ebraico che hanno assistito alla morte di Lazzaro erano convinti il quarto giorno che la situazione era completamente e totalmente senza alcuna speranza di sorta! Che anche l'anima del defunto fosse partito.

Ma Gesù chiamò Lazzaro, TZEH HAHUTZAH! VIENI FUORI! 

E Lazzaro venne fuori dalla sua tomba e  visse! Una cosa, però, doveva essere fatta prima che Lazaro potesse uscire dal sepolcro: la pietra doveva essere rotolata via. Qualcuno doveva farlo, e non era Gesù. Mentre Egli avrebbe potuto facilmente rotolarla via da se stesso o anche comandato alla pietra pesante di muoversi e lo avrebbe obbedito, Egli invitò la gente a partecipare al miracolo. Gesù disse loro: 39 Gesù disse: “Togliete via la pietra!”. Marta, la sorella del morto, gli disse: “Signore, egli puzza già, poiché è morto da quattro giorni”. (Giovanni 11:39)

Come le persone intorno a Lazzaro che pensavano che Yeshua fosse venuto troppo tardi, a volte ci troviamo in una situazione completamente senza speranza dove è così forte la tentazione di cedere alla disperazione e la depressione. Questo è esattamente quando dovremmo raggiungere un miracolo a Colui che ha detto: 25 Gesù le disse: “Io sono la risurrezione e la vita; chiunque crede in me, anche se dovesse morire, vivrà..” (Giovanni 11:25)

Prima che la nostra situazione diventasse disperata, forse contavamo su Dio nel mostrare e nel compiere un miracolo. Ma quando abbiamo visto che non si mostrava nella situazione che stavamo vivendo, il rapporto interpersonale, il business o la qualunque cosa che speravamo è morto. Questo è stato il momento in cui una profonda delusione ci ha intrappolato il cuore dicendo. “Dov'era Dio?”, Ci siamo chiesti. “Dov'era la sua potenza, quando avevo bisogno di Lui?” Possiamo stare lì, guardando a quella pietra, piangendo, e pensando che la pietra è troppo pesante o troppo difficile da spostare, o possiamo semplicemente abbandonare l'ostacolo, lasciare che Dio lo faccia per noi, e vedere i miracoli che avanzano davanti a noi per Sua mano. Possiamo sentire la voce del nostro Buon Pastore e obbedire a ciò che Egli ci dice di fare e vedere che quel miracolo accade, anche se non ha senso o sembra impossibile nel mondo naturale.

Noi speravamo
 
I discepoli di Yeshua conobbero anche la disperazione. A Pasqua, dopo la morte di Gesù sulla croce, sembrava che ogni speranza fosse perduta e che le forze del male avessero trionfato. I suoi discepoli vagavano in confusione e dolore. Avevano sperato che questo Yeshua alla fine fosse il “Colui che attendevano.” Dopo tanti falsi Messia, avevano creduto che Egli era veramente il Messia e che avrebbe liberato Israele dall'oppressione romana e ripristinato il Regno di Israele. Dopo l'esecuzione di Yeshua, due discepoli stavano viaggiando in un villaggio a sette miglia da Gerusalemme. Camminavano insieme, chiacchierando e ragionamento circa l'evento con grande tristezza. Ma poi Gesù si avvicinò e camminava con loro lungo la strada. Eppure, i loro occhi sono stati trattenuti e non riconobbero lui. (Luca 24:16)
 
I discepoli di Yeshua avevano una certa aspettativa di come Dio stava per risolvere le cose. Ma anche se le cose non erano accadute secondo il loro modo di pensare avrebbero dovuto sapere che, si era rivelato il più grande trionfo di Dio sulle tenebre attraverso la resurrezione di Yeshua. Nella loro ora più buia, nella loro disperazione più totale, non potevano vedere che la Speranza stava camminando sulla destra accanto a loro! Poiché Yeshua è una speranza viva.

3 Benedetto sia il Dio e Padre del Signor nostro Gesù Cristo, il quale nella sua grande misericordia ci ha rigenerati, a una viva speranza per mezzo della risurrezione di Gesù Cristo dai morti, 4 per un'eredità incorruttibile, incontaminata e immarcescibile, conservata nei cieli per voi (1 Pietro 1: 3-4)

Non proprio questo il modo in cui noi abbiamo sperimentato una delusione? Abbiamo appena avuto modo di trovare qualcuno con cui parlare su di essa. Cerchiamo di ragionare la cosa al di fuori, e dare in qualche modo un senso a qualcosa che proprio non ha senso. Questo spesso provoca solo più dolore.
 
Quando le cose non funzionano nel modo in cui avevamo sperato che fossero andate, potrebbe essere che la redenzione sia proprio lì con noi, camminando a fianco a noi. A volte la viva speranza, è proprio sotto i nostri occhi, ma noi non la percepiamo, perché si presenta in una forma che non ci aspettavamo. Nelle nostre ore più buie, dobbiamo ricordare che Dio non ci lascia mai, perché Egli salvaguarda la nostra anima mentre viaggiamo attraverso il deserto in cui noi siamo stati santificati. C'è nel nostro deserto, la nostra ultima speranza: è in Yeshua e la Sua resurrezione.  
 
“8 O speranza d'Israele, suo salvatore in tempo di calamità, perché saresti nel paese come un forestiero, come un viandante che si ferma solo per passare la notte?” (Geremia 14: 8)


To listen to our Shabbat service, click on the link below. Per ascoltare il nostro culto di Shabbat, cliccate sul link sottostante:


0 Comments to Torah portion Shabbat Pesach/Porzione di Torah Shabbat Pesach:

Comments RSS

Add a Comment

Your Name:
Email Address: (Required)
Website:
Comment:
Make your text bigger, bold, italic and more with HTML tags. We'll show you how.
Post Comment
RSS Follow Become a Fan

Delivered by FeedBurner


Recent Posts

Torah Portion Va’etchanan /Porzione Torah Va’etchanan
Torah Portion Devarim /Porzione Torah Devarim
The Waters of Mikvah and Baptism: the Connection between Immersion, Conversion and Being Born Again/Le Acque di Mikveh e il Battesimo: la connessione tra immersione, conversione e essere nato di nuovo
Torah Portion Matot-Masei /Porzione Torah Matot-Masei
Torah Portion Pinchas (Phinehas)/Porzione Torah Pinchas (Phinehas)

Most Popular Posts

ASILO NIDO FAMIGLIA BILINGUE A DOMICILIO
Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
SUMMER CAMP 2013 UPDATES
SUMMER CAMP 2013

Categories

"Messianic Bible Studies Series" Registration
A MOBILE COLLEGE
BACK TO SCHOOL 2013
BAMBINI DALLA SCUOLA DI STRADA ALLA SCUOLA IN CASA
Baxk To School 2014
Believe
BIBBIA PROFETICA MESSIANICA ANNO 5775 PRIMA PORZIONE DI TORAH DELL'ANNO
Casa di Preghiera & Accoglienza Place of Shalom Pozzuoli, Napoli
Casa di preghiera di Gerusalemme
Cio' in cui crediamo
Come l'Apostolo Paolo
Con i miei occhi la biblioteca per i nonni e i disabili visivi
CORSI AUTUNNALI SETTIMANALI
CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI
CORSO DI CUCITO
CORSO DI DECOUPAGE
CORSO DI EBRAICO BIBLICO A POZZUOLI IN SEDE E ONLINE SONO APERTE LE ISCRIZIONI
Daily Drop
Daily Mitzvah (Maimonides)
Daily Prayer Points
Daily Tehillim
Daily Wisdom
Daily Word
EMPLOYMENT AVAILABLE Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
English Courses for You
EVENTO TRE PER DUE
Facilitating and enhancing social inclusion of people with special needs
Generate a list of Yahrzeit dates, Hebrew Birthdays, or Hebrew Anniversaries for the next 20 years
Healing
Holocaust Memorial Day
II Porzione di Torah dell'anno 5775
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
Israel Updates
Italian House of Prayer Jerusalem/Casa di Preghiera Italiana a Gerusalemme
Kehila News Israel
La Stanza di Elia/Elijah Room
LEADERSHIP COURSE
Messianic Bible
Missione la pupilla del suo occhio 2015
MISSSION 3721
Monthly Newsletter
My Dream
ORFANI E VEDOVE
Our Tithes to Israel - Le Nostre Decime a Israele
Prayer Points
Raccolta Fondi Asilo Nido Bilingue Gratuito de L'Aquila
Raccolta Fondi per Emergenza Terremoto Amatrice, Italia - Fundraising Earthquake Emergency for Italy
RECUPERO MATERIA SCOLASTICA INGLESE
Scriptural References and daily Prayer Points
SERVIZI DI GUIDA TURISTICA E ACCOMPAGNATORI TURISTICI (CORRIERI)
SHINE PROJECT - FREE WORKSHOP
SMALL THINGS MAKE BIG CHANGES IN PEOPLE LIVES
START-UP IMMA (in ebraico mamma)
Start-Up Imma al Social Lab - Il Forum Regionale sulle Politiche Sociali - 13 Febbraio 2015 Pescara,
SUMMER CAMP 2013
TEA Parties
Teacher's Hunt!
Tempi di Gloria
The Children of Zion, His Holy People.
The Day of Prayer for the Persecuted Church
The Marriage Service
THE PATH OF THE GODS & THE CALL OF GOD 13 APRIL 2013
This is Christmas - (Questo e' Natale) - Evento Gratuito per bambini - Domenica 14, 21, 28 Dicem
This is Revival 2013 (Questo e' Risveglio 2013)
Time of Judgement/Tempi di Giudizio
Times of Glory Isaiah 66:18
TRAVEL TO ISRAEL 2013
TRAVEL TO UK 2013
Village of Hope & Justice Ministry (Onlus) Israele
Village of Hope & Justice MInistry Bible Studies
VILLAGE OF HOPE & JUSTICE MINISTRY MOBILE COLLEGE
Village of Hope & Justice Ministry Onlus Offerta Formativa Estate 2014
WAILING WALL: PRAYER REQUESTS AND ANSWERS TO PRAYER
Weekly Stories from Israel
Weekly Torah Portion
Welocome Home - Your room in Jerusalem - Italian House of Prayer Jerusalem
What we believe
Yad HaShoah Holocaust Memorial Day
Yamim Nora’im Anno 5775
Yom Kippur 5777 Appeal

Archives

August 2017
July 2017
June 2017
May 2017
April 2017
March 2017
February 2017
January 2017
December 2016
November 2016
October 2016
September 2016
August 2016
July 2016
June 2016
May 2016
April 2016
March 2016
February 2016
January 2016
December 2015
November 2015
July 2015
March 2015
February 2015
January 2015
December 2014
November 2014
October 2014
September 2014
April 2014
January 2014
December 2013
September 2013
August 2013
July 2013
June 2013
May 2013
April 2013
March 2013
February 2013

powered by

Website Builder provided by  Vistaprint