Torah portion Tazria-Metzora/Porzione di Torah Tazria-Metzora
Village of Hope & Justice Ministry  - Cod. Fisc. 95117280636
My Blog

Torah portion Tazria-Metzora/Porzione di Torah Tazria-Metzora

Shabbat Shalom,
 
Welcome to Tazria-Metzora (She Conceives and Infected One), this week’s double Torah portion. These two portions of Torah are combined to accommodate the number of Sabbaths this year. They will be read in synagogues around the world during the Shabbat (Saturday) service.
 
Tazria (She Conceives) / Metzora (Infected One)
Leviticus 12:1–15:33; 2 Kings 4:42–5:19, 7:3–20; Luke 5:12–31
 
“The LORD spoke to Moses, saying, ‘Speak to the people of Israel, saying, If a woman conceives (bears seed) and bears a male child, then she shall be unclean [tameh] seven days. As at the time of her menstruation, she shall be unclean.’” (Leviticus 12:1–2)
 
In last week’s Torah portion (Shemini), God commanded the kosher laws, identifying which animals were fit for consumption. It also discussed some of the laws of ritual purity, instructing the Israelites “to make a distinction between the holy and the profane, and between the unclean and the clean.” (Leviticus 10:10)
 
This week’s double portion of Scripture (Tazria-Metzora) continues with the laws of ritual purity (tahorah) and impurity (tumah).
 
The Purification of Tzaraat
 
“And the leper in whom the plague is, his clothes shall be rent, and the hair of his head shall go loose, and he shall cover his upper lip, and shall cry: ‘Unclean, unclean [tameh, tameh]. All the days wherein the plague is in him he shall be unclean; he is unclean; he shall dwell alone; outside the camp shall his dwelling be.’” (Leviticus 13:45–46)
 
Both Tazria and Metzora focus on the laws of leprosy, a spiritual condition that causes the afflicted to become impure.
 
These portions outline laws regarding how to handle the metzora, the one who is infected, as well as how he or she may be purified once healed.
 
The Hebrew word that is translated leprosytzaraat, does not actually correspond to the modern day affliction of leprosy. Its origin is spiritual, but it obviously has a physical manifestation.  
 
The condition is identified by a priest, not by a doctor.

In fact, tzaraat can afflict a person, house, or article of clothing.



Tzaraat

















How does the community of Israel deal with a person afflicted by tzaraat, a metzora?
 
Once it is confirmed through a series of tests that the condition is indeed tzaraat, the metzora is declared tameh (impure or unclean).
 
The afflicted one is then isolated from the community in order to prevent defiling and infecting others through contact. The metzora must dwell alone outside the camp until completely healed.
 
It is the role of the priest to periodically check on the afflicted person to determine when he or she can return to the community, so it can once again be whole.
 
In terms of a house, however, if the tzaraat spreads after a week of quarantine, the infected stones are removed and thrown in an impure place.  
 
If the lesions reappear after the stones are replaced and the house is scraped and re-plastered, then the entire house is destroyed. Its stones, wood, and dust are carried away to an impure place.
 
“Behold, if the plague be spread in the house, it is a malignant leprosy in the house; it is unclean. And he shall break down the house, the stones of it, and the timber thereof, and all the mortar of the house; and he shall carry them forth out of the city into an unclean place.” (Leviticus 14:44–45)

Once a metzora is healed, he or she then goes through the purification process outlined in the Torah.
 
The Lord spoke to Moses, saying, ‘This shall be the torah [instructions] for the leprous person [תּוֹרַתהַמְּצֹרָע] for the day of his cleansing.’” (Leviticus 14:1–2)
 
For the healing process to be complete, and the metzora reintegrated into the community, a complex series of offerings are made, beginning on the first day with two clean birds, one that is killed and one that is released.
 
Although the metzora may now return to the community, he must live outside his tent for seven days. On the seventh day, the metzora shaves off all hair, including the eyebrows, and bathes in water.
 
As part of the ceremony, on the eighth day of the purification process, the priest (Kohen) places some of the oil and blood of the guilt offering (male lamb) upon the tip of the right ear of the one being cleansed, and upon the thumb of his right hand, and upon the great toe of his right foot. (Leviticus 14:10–14)
 
This represents atonement and cleansing of everything we hear, everything we do, and every path we take.










The Cause of Tzaraat
 
"Whoever of you loves life and desires to see many good days, keep your tongue from evil and your lips from telling lies." (Psalm 34:12–13)
 
Judaism considers gossip and slander a type of “moral leprosy,” and the rabbis regard tzaraat as an affliction from God as punishment primarily for destructive communication, such as slander or gossip, although pride and self-centeredness may be at the heart of this sin.
 
Gossip and slander might be caused by the speaker's baseless hatred (sinat chinam, literally hatred of their grace, beauty, or charm). 
 
Moreover, evil communication leads others into hatred.
 
The account of Miriam's leprosy is evidence of the connection between evil speech and tzaraat. After she and her brother Aaron dared to speak evil of their brother Moses and his Cushite wife, she was afflicted with tzaraat.

“Miriam and Aaron began to talk against Moses because of his Cushite wife, for he had married a Cushite. ‘Has the LORD spoken only through Moses?’ they asked. ‘Hasn’t he also spoken through us?’ And the LORD heard this.” (Numbers 12:1–2)
 
God’s anger was kindled against Miriam, and He afflicted her with tzaraat, saying to her:
 
“Why then were you not afraid to speak against My servant Moses?’ The anger of the LORD burned against [Miriam and Aaron], and He left them. When the cloud lifted from above the tent, Miriam’s skin was leprous, it became as white as snow. Aaron turned towards her and saw that she had a defiling skin disease.” (Numbers 12:8–10) 

This should be enough to give each of us a healthy fear of gossiping about or slandering anyone, especially those anointed of the Lord to serve Him in a position of public leadership or ministry.



















Yeshua, Purification, and Restoration
 
“Now on His way to Jerusalem, Yeshua (Jesus) traveled along the border between Samaria and Galilee. As He was going into a village, ten men who had leprosy met Him. They stood at a distance and called out in a loud voice, ‘Yeshua, Master, have pity on us!’ When He saw them, He said, ‘Go, show yourselves to the priests.’ And as they went, they were cleansed.” (Luke 17:11–14)
 
Yeshua (Jesus) the Messiah, during the time of His ministry on earth, healed many people who were afflicted by this terrible condition.
 
Yeshua upheld the process of purification found in this Parasha when He healed a leper, declaring him tahor (clean).
 
“Lord, if you are willing, you can make me clean.’ Yeshua reached out His hand and touched the man. ‘I am willing,’ He said. ‘Be clean!’ And immediately the leprosy left him.” (Luke 5:12–13)
 
Keeping the Jewish law, Yeshua told the man, “Show yourself to the priest and offer the sacrifices that Moses commanded for your cleansing, as a testimony to them.”


Messiah and the Lepers














In Luke 17, Yeshua heals ten men of leprosy, but only one returns to thank Him. Again, Yeshua sends them to report their healing to the priest.
 
Just as these lepers needed to report to the Jewish priest, so too do those who have been defiled by gross sin need a system of accountability to those in positions of spiritual leadership.
 
There needs to be a process in the Body of Messiah for restoration of those who have fallen into immorality and have been healed through repentance and the ministry of the Ruach HaKodesh (Holy Spirit).

The Messiah: Humble and Exalted
 
According to Sanhedrin 98b of the Talmud (Jewish oral tradition), the Messiah is called “chivara-the leper.” 
 
Another Jewish interpretation of the Messiah, however, expects Him to be high, mighty, and exalted, not lowly, afflicted or one who associated with sinners or lepers.
 
This latter idea is based on Isaiah 52:13: “My servant shall be wise, exalted and lofty, and shall be very high.”
 
How can we reconcile these two images of the Messiah? In His first coming, Yeshua came as a lowly servant, entering Jerusalem on the foal of a donkey.

He ate with sinners and associated with tax collectors, behavior for which He was misunderstood and despised. He died as the humble lamb led to the slaughter to make atonement for our sins. 

"But He was pierced for our transgressions, He was crushed for our iniquities; the punishment that brought us peace was on Him, and by His wounds we are healed." (Isaiah 53:5)

Yeshua did not come for the proud and righteous, but for the lepers of society, those who are poor, humble, sick, and outcast. He did not come to associate with the rich and famous; but to cleanse those who had been defiled (made tameh) by sin.
 
To illustrate this truth, Yeshua told a parable to some who were confident in their own righteousness and who looked down on everyone else:
 
“Two men went up to the temple to pray, one a Pharisee and the other a tax collector. The Pharisee stood by himself and prayed: ‘God, I thank you that I am not like other people, robbers, evildoers, adulterers, or even like this tax collector. I fast twice a week and give a tenth of all I get.’ 
 
“But the tax collector stood at a distance. He would not even look up to heaven, but beat his breast and said, ‘God, have mercy on me, a sinner.’ I tell you that this man, rather than the other, went home justified before God. For all those who exalt themselves will be humbled, and those who humble themselves will be exalted.” (Luke 18:10–14)

According to Jewish thought, the Moshiach (Messiah) Redeemer suffers the agonies of tzaraat by taking upon Himself and personally suffering the pain of His people in exile (galut).
 
It is traditionally believed that the day of purification in this Torah reading, refers to the day of redemption when the Messiah comes. As believers, we understand that Yeshua did fulfill this.
 
“He himself bore our sins in his body on the stake, so that we might die to sins and live for righteousness, by his wounds you were healed.” (1 Peter 2:24)
 
As well, Messiah will come again to heal all tzaraat in our world. On that day, He will be exalted to rule and reign forever upon the Throne of His Father David. Jewish exile will be a thing of the past, and His people will dwell securely in their own land.
 
“Of the greatness of His government and peace there will be no end. He will reign on David’s throne and over His kingdom, establishing and upholding it with justice and righteousness from that time on and forever.” (Isaiah 9:7)
 
When that day comes,
 
“Justice will be the belt around His waist, faithfulness the sash around His hips. The wolf will live with the lamb; the leopard lie down with the kid; calf, young lion and fattened lamb together, with a little child to lead them.” (Isaiah 11:5–6)


Shabbat Shalom,
 
Benvenuto a Tazria-Metzora (Colei che concepisce Colui che è Infetto), la doppia porzione di Torah di questa settimana. Queste due porzioni della Torah sono giunti per ospitare il numero di sabati di quest'anno che riporta un doppio calendario. Entrambe saranno lette nelle sinagoghe di tutto il mondo durante il servizio di Shabbat (Sabato).
 
Tazria (Colei che concepisce) / Metzora (Colui che è Infetto), 
Levitico 12: 1-15: 33; 2 Re 4: 42-5: 19, 7: 3-20; Luca 5: 12-31
 
" 1 L’Eterno parlò ancora a Mosè, dicendo: "Parla così ai figliuoli d’Israele: 2 Quando una donna sarà rimasta incinta e partorirà un maschio, sarà impura sette giorni; sarà impura come nel tempo dei suoi corsi mestruali.” (Levitico 12: 1-2)

La doppia porzione di questa settimana della Scrittura (Tazria-Metzora) continua con le leggi del rituale di purezza (tahorah) e impurità (tumah).
 
La purificazione dalla Tzaraat
 
"Il lebbroso, affetto da questa piaga, porterà le vesti strappate e il capo scoperto; si coprirà la barba e griderà: "Impuro, impuro [tameh, tameh].". Sarà impuro tutto il tempo che avrà la piaga; è impuro; vivrà da solo; abiterà fuori del campo. (Levitico 13:45–46)

Sia Tazria che Metzora si concentrano sulle leggi della lebbra, una condizione spirituale che causa l'afflizione e a diventare impuro. Queste porzioni di Torah delineano le leggi relative a come gestire il sistema del lebbroso, colui che è stato infettato, e come lui o lei può essere purificato una volta guarito. La parola ebraica che viene tradotta lebbratzaraat, in realtà non corrisponde ai giorni nostri alla  afflizione della lebbra. La sua origine è spirituale, ma ovviamente ha una manifestazione fisica. La condizione è identificata da un prete, non da un medico. Infatti, Tzaraat può affliggere una persona, una casa o un capo di abbigliamento.
 
In che modo la comunità di Israele gestisce la cura della persona afflitta da tzaraat (lebbroso)?

Una volta confermato attraverso una serie di prove che la condizione è in realtà tzaraat, viene dichiarata la metzora Tameh (impuro o contaminato). L'afflitto viene quindi isolato dalla comunità per prevenire la contaminazione e l'infezione di altri attraverso il contatto. La metzora deve abitare da solo al di fuori del campo fino a quando non sarà completamente guarito. È il ruolo del sacerdote di controllare periodicamente la persona afflitta per determinare quando può tornare alla comunità, per cui può essere ancora una volta ritenuta sana. In termini di casa, tuttavia, se la tzaraat si diffonde dopo una settimana di quarantena, le pietre infette vengono rimosse e gettate in un posto impuro. Se le lesioni riappariranno dopo che le pietre vengono sostituite e la casa viene raschiata e rivestita, l'intera casa viene distrutta. Le sue pietre, il legno e la polvere vengono portate in un luogo impuro.

"il sacerdote entrerà ad esaminare la casa; se la piaga si è chiusa nella casa, vi è lebbra maligna nella casa; essa è impura. Perciò demolirà la casa e porterà le pietre, il legname e l'intonaco fuori della città, in un luogo impuro". (Levitico 14: 44-45)
 
Una volta che una metà del corpo è guarito, lui o lei allora passa attraverso il Processo di purificazione delineato nella Torah.

«Questa è la legge Torah [istruzioni] relativa al lebbroso [תּוֹרַת הַמְּצֹרָע] per il giorno della sua purificazione. Egli sarà portato dal sacerdote. (Levitico 14: 1-2)
 
Perché il processo di guarigione sia completo, e il lebbroso sia reintegrato nella comunità, deve essere eseguita una complessa serie di offerte, a partire dal primo giorno con due uccelli puri, uno che viene ucciso e uno che viene rilasciato. Anche se il lebbroso ora può tornare alla comunità, deve vivere fuori della città in una sua tenda per sette giorni. Il settimo giorno, la metzora rade tutti i capelli, incluse le sopracciglia e si bagna in acqua. Come parte della cerimonia, nell'ottavo giorno del processo di purificazione, il sacerdote (Kohen) mette l'olio e il sangue dell'offerta di colpa (agnello maschile) sulla punta dell'orecchio destro dell'uomo che viene purificato e il pollice della mano destra e sull alluce del suo piede destro. (Levitico 14: 10-14) Questo rappresenta l'espiazione e la pulizia di tutto ciò che sentiamo, tutto ciò che facciamo e di ogni percorso che prendiamo.

La Causa colpita dalla Tzaraat
 
"12 Qual è l'uomo che desidera la vita, e che ama lunghi giorni per vedere il bene? 13 Trattieni la tua lingua dal male e le tue labbra dal dire menzogne.". (Salmo 34: 12-13)
 
L'ebraismo considera i pettegolezzi e la calunnia di un tipo di "lebbra morale". E i rabbini considerano la tzaraat come afflizione data da parte di  Dio come punizione soprattutto per la comunicazione distruttiva, attraverso calunnie o pettegolezzi, anche se l'orgoglio e l'autocontrollo possono essere al centro di questo peccato. Il pettegolezzo e la calunnia potrebbero essere causati dal troppo vociferare e dall’odio profondo (Chinam Sinat), letteralmente odio per la loro grazia, bellezza, o il fascino).  
 
Inoltre, la comunicazione cattiva conduce gli altri all'odio.
 
Il racconto della lebbra di Miriam è la prova del collegamento interpolare tra le malelingue e la tzaraat. Dopo che lei e suo fratello Aaronne hanno osato parlare male del fratello Mosè e della moglie di origine Cushita, ella è stata afflitta dalla tzaraat.

“12 Miriam ed Aaronne parlarono contro a Mosè a motivo della donna etiope “Cushita” che aveva sposato; infatti egli aveva sposato una donna etiope “Cushita”. 2 E dissero: «L'Eterno ha forse parlato solo per mezzo di Mosè? Non ha egli parlato anche per mezzo nostro?». E l'Eterno sentì” (Numeri 12: 1-2).

La rabbia di Dio fu accesa contro Miriam, e la afflisse con la tzaraat, dicendole:

“8 Con lui io parlo faccia a faccia, facendomi vedere, e non con detti oscuri; ed egli contempla la sembianza dell'Eterno. Perché dunque non avete temuto di parlare contro il mio servo, contro Mosè? 9 Così l'ira dell'Eterno si accese contro di loro, poi egli se ne andò. 10 Quando la nuvola si fu ritirata di sopra alla tenda, ecco Miriam era lebbrosa, bianca come neve; Aaronne guardò Miriam, ed ecco era lebbrosa.” (Numeri 12: 8-10)

Questo dovrebbe essere sufficiente per dare a ciascuno di noi una sana paura di parlar male circa chiunque o diffamare alcuna persona, soprattutto quelli che sono unti del Signore per servirlo in una posizione di comando pubblica o aventi un ministero.

Yeshua, purificazione e restaurazione

“11 Or avvenne che, nel suo cammino verso Gerusalemme, egli passò attraverso la Samaria e la Galilea. 12 E, come egli entrava in un certo villaggio, gli vennero incontro dieci uomini lebbrosi, i quali si fermarono a distanza, 13 e alzarono la voce, dicendo: «Maestro, Gesù, abbi pietà di noi». 14 Ed egli, vedutili, disse loro: «Andate a mostrarvi ai sacerdoti». E avvenne che, mentre se ne andavano, furono mondati.” (Luca 17: 11-14)

Yeshua (Gesù) il Messia, durante il suo ministero sulla terra, guarì molte persone afflitte da questa terribile condizione. Yeshua ha sostenuto il processo di purificazione trovato in questa Parasha quando ha guarito un lebbroso, dichiarandolo tahor (pulito).

“12 Or avvenne che, mentre egli si trovava in una di quelle città, ecco un uomo tutto coperto di lebbra che, veduto Gesù, si prostrò con la faccia a terra e lo pregò, dicendo: «Signore, se tu vuoi, tu puoi mondarmi». 13 Allora egli, distesa la mano, lo toccò dicendo: «Sì, lo voglio, sii mondato». E subito la lebbra lo lasciò.” (Luca 5, 12-13)

Mantenendo le regole della legge ebraica, Yeshua disse all'uomo, “Mostrati al sacerdote e offri i sacrifici che Mosè ha comandato per la tua pulizia, come testimonianza a loro”.

In Luca 17, Gesù guarisce dieci uomini affetti da lebbra, ma solo uno torna a ringraziarlo. Ancora una volta, Yeshua li invia per segnalare la loro guarigione al sacerdote. Proprio come questi lebbrosi dovevano riferire al sacerdote ebreo, così anche coloro che sono stati contaminati dal peccato devono dirlo. Si tratta di responsabilità nei confronti di coloro che sono nella posizione di comando spirituale. Necessitiamo di un processo nel Corpo del Messia per il suo restauro di coloro che sono caduti nell'immoralità e sono stati guariti attraverso il pentimento e il ministero del Ruach HaKodesh (Spirito Santo).

Il Messia: umile ed esaltato
 
Secondo Sanhedrin 98b del Talmud (tradizione orale ebraica), il Messia è chiamato "chivara - il lebbroso".  
 
Un'altra interpretazione ebraica del Messia, tuttavia, si aspetta che Lui sia alto, potente e esaltato, non umile, afflitto o colui che sia associato a peccatori o lebbrosi.
 
Quest'ultima idea si basa su Isaia 52:13: “Il mio servo sarà saggia, elevato e nobile, e sarà molto alto.”
 
Come possiamo riconciliare queste due immagini del Messia? Nella sua prima venuta, Yeshua è venuto come un servo basso, entrando in Gerusalemme sul puledro di un asino. Mangiò con i peccatori e si associò con gli esattori delle tasse, il comportamento per cui fu frainteso e disprezzato. È morto come l'umile agnello ed è stato portato alla macellazione per fare l'espiazione per i nostri peccati.
 
“5 Ma egli è stato trafitto per le nostre trasgressioni, schiacciato per le nostre iniquità; il castigo per cui abbiamo la pace è caduto su di lui, e per le sue lividure noi siamo stati guariti." (Isaia 53: 5)

Gesù non è venuto per il fiero e il giusto, ma per i lebbrosi della società, coloro che sono poveri, umili, malati e emarginati. Non è venuto ad associarsi con i ricchi e famosi; Ma per purificare coloro che erano stati contaminati (fatti tameh) per i peccatori. Per illustrare questa verità, Yeshua disse una parabola ad alcuni che erano fiduciosi nella propria giustizia e che avevano guardato tutti gli altri:
 
“10 «Due uomini salirono al tempio per pregare; uno era fariseo e l'altro pubblicano 11 Il fariseo, stando in piedi, dentro di sé pregava così: “O Dio, ti ringrazio che non sono come gli altri uomini, rapaci, ingiusti, adulteri, e neppure come quel pubblicano. 12 Io digiuno due volte la settimana e pago la decima di tutto ciò che possiedo”. 13 Il pubblicano invece, stando lontano, non ardiva neppure alzare gli occhi al cielo; ma si batteva il petto, dicendo: “O Dio, sii placato verso me peccatore”, 14 Io vi dico che questi, e non l'altro, ritornò a casa sua giustificato, perché chiunque si innalza sarà abbassato e chi si abbassa sarà innalzato»,” (Luca 18: 10-14)

Secondo il pensiero ebraico, il Redentore Moshiach (Messia) soffre le agonie di tzaraat (lebbra) prendendosi su di sé ed essendo colpito personalmente portando su di sé il dolore del suo popolo in esilio (Galut). Tradizionalmente si crede che il giorno della purificazione di cui si parla in questa lettura della Torah, ci si riferisce al giorno del riscatto dei peccatori in cui viene il Messia. Come credenti, sappiamo che Gesù ha compiuto questa scrittura.

“24 Egli stesso portò i nostri peccati nel suo corpo sul legno della croce, affinché noi, morti al peccato, viviamo per la giustizia; e per le sue lividure siete stati guariti.”. (1 Pietro 2:24)

Inoltre, il Messia verrà di nuovo per guarire tutti i tzaraat nel nostro mondo. In quel giorno egli sarà esaltato a regnare e a regnare per sempre sul Trono di suo Padre Davide. L'esilio ebraico sarà una cosa passata e il Suo popolo abiterà saldamente nella propria terra.
 
“7 Non ci sarà fine all'incremento del suo impero e pace sul trono di Davide e sul suo regno, per stabilirlo fermamente e rafforzarlo mediante il giudizio e la giustizia, ora e sempre. Questo farà lo zelo dell'Eterno degli eserciti.”(Isaia 9: 7)
 
Quando arriva quel giorno,

“5 La giustizia sarà la cintura dei suoi lombi, e la fedeltà la cintura dei suoi fianchi. 6 Il lupo abiterà con l'agnello e il leopardo giacerà col capretto; il vitello, il leoncello e il bestiame ingrassato, staranno insieme e un bambino li guiderà.” (Isaia 11: 5-6)


0 Comments to Torah portion Tazria-Metzora/Porzione di Torah Tazria-Metzora:

Comments RSS

Add a Comment

Your Name:
Email Address: (Required)
Website:
Comment:
Make your text bigger, bold, italic and more with HTML tags. We'll show you how.
Post Comment
RSS Follow Become a Fan

Delivered by FeedBurner


Recent Posts

Torah Portion Va’etchanan /Porzione Torah Va’etchanan
Torah Portion Devarim /Porzione Torah Devarim
The Waters of Mikvah and Baptism: the Connection between Immersion, Conversion and Being Born Again/Le Acque di Mikveh e il Battesimo: la connessione tra immersione, conversione e essere nato di nuovo
Torah Portion Matot-Masei /Porzione Torah Matot-Masei
Torah Portion Pinchas (Phinehas)/Porzione Torah Pinchas (Phinehas)

Most Popular Posts

ASILO NIDO FAMIGLIA BILINGUE A DOMICILIO
Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
SUMMER CAMP 2013 UPDATES
SUMMER CAMP 2013

Categories

"Messianic Bible Studies Series" Registration
A MOBILE COLLEGE
BACK TO SCHOOL 2013
BAMBINI DALLA SCUOLA DI STRADA ALLA SCUOLA IN CASA
Baxk To School 2014
Believe
BIBBIA PROFETICA MESSIANICA ANNO 5775 PRIMA PORZIONE DI TORAH DELL'ANNO
Casa di Preghiera & Accoglienza Place of Shalom Pozzuoli, Napoli
Casa di preghiera di Gerusalemme
Cio' in cui crediamo
Come l'Apostolo Paolo
Con i miei occhi la biblioteca per i nonni e i disabili visivi
CORSI AUTUNNALI SETTIMANALI
CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI
CORSO DI CUCITO
CORSO DI DECOUPAGE
CORSO DI EBRAICO BIBLICO A POZZUOLI IN SEDE E ONLINE SONO APERTE LE ISCRIZIONI
Daily Drop
Daily Mitzvah (Maimonides)
Daily Prayer Points
Daily Tehillim
Daily Wisdom
Daily Word
EMPLOYMENT AVAILABLE Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
English Courses for You
EVENTO TRE PER DUE
Facilitating and enhancing social inclusion of people with special needs
Generate a list of Yahrzeit dates, Hebrew Birthdays, or Hebrew Anniversaries for the next 20 years
Healing
Holocaust Memorial Day
II Porzione di Torah dell'anno 5775
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
Israel Updates
Italian House of Prayer Jerusalem/Casa di Preghiera Italiana a Gerusalemme
Kehila News Israel
La Stanza di Elia/Elijah Room
LEADERSHIP COURSE
Messianic Bible
Missione la pupilla del suo occhio 2015
MISSSION 3721
Monthly Newsletter
My Dream
ORFANI E VEDOVE
Our Tithes to Israel - Le Nostre Decime a Israele
Prayer Points
Raccolta Fondi Asilo Nido Bilingue Gratuito de L'Aquila
Raccolta Fondi per Emergenza Terremoto Amatrice, Italia - Fundraising Earthquake Emergency for Italy
RECUPERO MATERIA SCOLASTICA INGLESE
Scriptural References and daily Prayer Points
SERVIZI DI GUIDA TURISTICA E ACCOMPAGNATORI TURISTICI (CORRIERI)
SHINE PROJECT - FREE WORKSHOP
SMALL THINGS MAKE BIG CHANGES IN PEOPLE LIVES
START-UP IMMA (in ebraico mamma)
Start-Up Imma al Social Lab - Il Forum Regionale sulle Politiche Sociali - 13 Febbraio 2015 Pescara,
SUMMER CAMP 2013
TEA Parties
Teacher's Hunt!
Tempi di Gloria
The Children of Zion, His Holy People.
The Day of Prayer for the Persecuted Church
The Marriage Service
THE PATH OF THE GODS & THE CALL OF GOD 13 APRIL 2013
This is Christmas - (Questo e' Natale) - Evento Gratuito per bambini - Domenica 14, 21, 28 Dicem
This is Revival 2013 (Questo e' Risveglio 2013)
Time of Judgement/Tempi di Giudizio
Times of Glory Isaiah 66:18
TRAVEL TO ISRAEL 2013
TRAVEL TO UK 2013
Village of Hope & Justice Ministry (Onlus) Israele
Village of Hope & Justice MInistry Bible Studies
VILLAGE OF HOPE & JUSTICE MINISTRY MOBILE COLLEGE
Village of Hope & Justice Ministry Onlus Offerta Formativa Estate 2014
WAILING WALL: PRAYER REQUESTS AND ANSWERS TO PRAYER
Weekly Stories from Israel
Weekly Torah Portion
Welocome Home - Your room in Jerusalem - Italian House of Prayer Jerusalem
What we believe
Yad HaShoah Holocaust Memorial Day
Yamim Nora’im Anno 5775
Yom Kippur 5777 Appeal

Archives

August 2017
July 2017
June 2017
May 2017
April 2017
March 2017
February 2017
January 2017
December 2016
November 2016
October 2016
September 2016
August 2016
July 2016
June 2016
May 2016
April 2016
March 2016
February 2016
January 2016
December 2015
November 2015
July 2015
March 2015
February 2015
January 2015
December 2014
November 2014
October 2014
September 2014
April 2014
January 2014
December 2013
September 2013
August 2013
July 2013
June 2013
May 2013
April 2013
March 2013
February 2013

powered by

Website Builder provided by  Vistaprint