Torah Portion Behar-Bechukotai/Porzione di Torah Behar-Bechukotai
Village of Hope & Justice Ministry  - Cod. Fisc. 95117280636
My Blog

Torah Portion Behar-Bechukotai/Porzione di Torah Behar-Bechukotai

Shabbat Shalom,
 
Welcome to this week’s Torah study, Behar-Bechukotai (On the Mount-By My Decrees), two Torah readings that are combined to accommodate the number of Sabbaths in this calendar year.
 
Behar-Bechukotai (On the Mount-By My Decrees)
Leviticus 25:1–27:34; Jeremiah 16:19–17:14, 32:6–27; Matthew 21:33–46
 
“The LORD said to Moses at Mount Sinai, “Speak to the Israelites and say to them:” (Leviticus 25:1–2)
 
Last week, in Parasha Emor, God called the Kohen (priests) to live lives that expressed a greater measure of holiness. It also described seven essential festivals that are fundamental to Israel’s walk with the Lord.
 
In this week’s Torah portion, God gives to Moses the laws concerning the Shemitah or Sabbatical year.

The Year of the Shemitah

God commands Israel to observe the Shemitah every seventh year, a Sabbath for the land. According to these laws, crops are not to be planted, tended, or harvested, and all agricultural activity is prohibited, although anyone can eat what the land produced naturally.
 
Israel observes this commandment today; in fact, our last Shemitah year ended September 13, 2015 (year 5775 on the Hebrew calendar). 
 
While traveling down the highway from Jerusalem to Tel Aviv, we observed signs posted in several unkempt and overgrown fields along the side of the road saying (in Hebrew), “We observe the Shemitah year here.”
 
Of course, this rest parallels God’s rest after creating the universe, as well as the Shabbat.
 
In Judaism, “seven” signifies a completion as well as holiness. It is considered the “all-encompassing number that celebrates the sacred purpose of a Jew to infuse holiness into the whole of Creation.” (Jewish Wisdom in the Numbers)

















The land of Israel is to be the holy land. Our behavior toward one another should portray a holy people living in the holy land.
 
God warns His people not to cheat, defraud or take advantage of one another and forbids them to charge interest on money loaned to a fellow Israelite. God wants us to deal fairly with each other and practice business integrity.
 
“Do not take advantage of each other, but fear your God.  I am the Lord your God.” (Leviticus 25:17)
 
God also makes it clear that He holds the title deed to this land and does not give us the authority to sell it permanently.
 
We are only residents on this land that God has given us to live in as pilgrims and strangers. That means the leaders of Israel have no right to sell off portions of the land to the enemy in exchange for false promises of supposed peace.
 
“The land must not be sold permanently, because the land is Mine and you reside in My land as foreigners and strangers.” (Leviticus 25:23)

The Year of Jubilee
 
Consecrate the fiftieth year and proclaim liberty throughout the land to all its inhabitants. It shall be a jubilee [יוֹבֵל Yovel] for you; each of you is to return to your family property and to your own clan.” (Leviticus 25:10)
 
After every seven cycles of seven years, in the fiftieth year, the shofar is to sound and the Yovel (יוֹבֵל) or Jubilee year is to be celebrated. Not only is the land to lie fallow, but also all debts are to be cancelled and all indentured servants are to return to their land and family.
 
We serve a God of kindness and mercy, and His laws are for the good of all, even for the land itself.
 
Although some among the Jewish people might have endured a time of servitude, they were not to permanently remain in that situation. It is because God brought His people out of slavery in Egypt that no Israelite was to become a permanent slave of another. In the year of Jubilee, all were to be redeemed and released.
 
“I am the Lord your God, who brought you out of Egypt so that you would no longer be slaves to the Egyptians; I broke the bars of your yoke and enabled you to walk with heads held high.” (Leviticus 26:13)
 
In Judaism, 50 is the number of transcendence. It indicates a return to God and the emergence of a new creation.
 
Under the Brit Chadashah (New Covenant), which was sealed with the giving of the Ruach HaKodesh (Holy Spirit) on Shavuot (Pentecost) 50 days from Passover, Yeshua HaMashiach (Jesus the Messiah) became our spiritual Jubilee. 
 
In Him, all debts are cancelled. He has redeemed us from slavery to any kind of oppression and empowered us to walk in holiness with our heads held high. Hallelujah!

Blowing the Shofar during the Year of Jubilee












Living in the Blessings in the Holy Land
 
In the Bechukotai (In My Statutes/Decrees) portion of this week’s reading, God promises a blessing upon the people if they obey His commandments in the Torah, but He warns of punishment, persecutions and even exile for disobeying them. He says:
 
“If you walk in My statutes [Im bechukotay teileichu], I will give you your rains in their season, and the land shall yield its increase.” (Leviticus 26:3–4)
 
We must keep in mind that God does not willingly afflict or grieve us; He only does so when it is absolutely necessary to get our attention so we can see the error of our ways and, through His mercy, put our feet back on the right path.
 
“For if He causes grief, then He will have compassion according to His abundant loving-kindness. For He does not afflict willingly nor grieve the children of men.” (Lamentations 3:32–33)
 
One of the reasons that the Jewish people were sent into exile and the land lay barren was because they failed to keep the Sabbatical years.  
 
Therefore, God forced the people out so the land could finally enjoy its Sabbaths and make up for those it did not have when Israel lived there:
 
“I will scatter you among the nations and will draw out my sword and pursue you. Your land will be laid waste, and your cities will lie in ruins. Then the land will enjoy its Sabbath years all the time that it lies desolate and you are in the country of your enemies; then the land will rest and enjoy its Sabbaths. All the time that it lies desolate, the land will have the rest it did not have during the Sabbaths you lived in it.” (Leviticus 26:33–35)

We, too, must be diligent to keep the Sabbath of the Lord and to rest on every seventh day, lest our bodies wear out and need an extended time out to make up for failing to keep the Sabbath day holy.
 
Despite there being severe consequences to not keeping God’s statutes, He promises to have mercy on the Jewish people even in exile; to remember His covenant with Abraham, Isaac and Jacob; and to remember the land:
 
“Yet in spite of this, when they are in the land of their enemies, I will not reject them or abhor them so as to destroy them completely, breaking My covenant with them. I am the Lord their God. But for their sake I will remember the covenant with their ancestors whom I brought out of Egypt in the sight of the nations to be their God. I am the Lord.’” (Leviticus 26:44–45)
 
Twenty-five hundred years after God brought back the Jewish exiles in Babylon to the land of Israel, He is doing it again.
 
But some claim that the modern state of Israel is a nation made solely by the efforts of the League of Nations and the United Nations and not by the hand of God.

Yet, we know from history that no one can bring God's people out of exile until God makes it so.
 
He brought them out of Egypt despite the hard heart of Pharaoh.  
 
He released the exiles in Babylon through the decree of King Cyrus after a specified time, which were both prophesied (Isaiah 44:28–45:1; Daniel 9:2).
 
In the 20th century, He brought His people home through the Balfour Declaration and the creation of the State of Israel in one day, which was also prophesied (Isaiah 66:8).

And God is continuing to enact a modern-day revival of Israel that has included miraculous victories in the 1948 War for independence, the Six Day War in 1967, and the Yom Kippur war in 1973.
 
Despite anti-Semitism, anti-Zionism, and anti-Israelism, Israel is still alive and vibrant. And it continues to be a blessing to the world despite the social, political, and physical attacks by her neighbors and by the world since her rebirth.
 
When we examine all the "independent" events culminating in the formation of an independent Jewish state, we see that God will never allow the Jewish people to be destroyed completely, nor will He ever break His covenants with them.

Prophetic Portion: Trust in God Alone for Your Blessings
 
The Haftarah (prophetic portion) for this week (Jeremiah 16:19–17:14) continues with the theme of promised blessings for obedience and punishment for disobedience.
 
Because God alone is the One who grants freedom and blessings according to His covenants, the Prophet Jeremiah promises that those who place their trust in man will become desolate and alone:
 
“Cursed is he who trusts in man, who makes mere flesh his strength, and turns his thoughts from the Lord. He shall be like a bush in the desert.” (Jeremiah 17:5–6)
 
On the other hand, “blessed is the one who trusts in the LORD, whose confidence is in Him. They will be like a tree planted by the water that sends out its roots by the stream. It does not fear when heat comes; its leaves are always green. It has no worries in a year of drought and never fails to bear fruit.” (Jeremiah 17:7–8)

Jeremiah 17:7–8
































There is a sense of accountability in these blessings and curses; we are accountable for our actions, which have consequences. We are responsible, and this knowledge informs our choices and helps us move forward in our daily walk with the God of Israel.
 
This Haftarah ends with the beautiful proclamation that God alone is the hope of Israel, the source of life-giving water, our healer, and Savior. When we rely on and obey God, He will not fail us, and we will walk in the blessings.
 
“LORD, you are the Hope of Israel; all who forsake you will be put to shame. Those who turn away from you will be written in the dust because they have forsaken the LORD, the spring of living water. Heal me, LORD, and I will be healed; save me and I will be saved, for you are the one I praise.” (Jeremiah 17:13–14)





Shabbat Shalom,
 
Benvenuti allo Studio della Torah (Parola di Dio) di questa settimana, chiamato Behar-Bechukotai (B'har, dall’ ebraico: בְּהַר, che significa "nel monte”, ed è la quinta parola e incipit di questa prima Parasha e B'hukkothai, dall’ ebraico: בְּחֻקֹּתַי, che significa  “i miei statuti”, ed è la seconda parola e incipit della seconda parte della Parasha), queste due letture della Torah (32° e 33° settimana vengono combinate insieme per ospitare il numero di sabati in questo anno solare. 
 
Behar-Bechukotai  (Nel Monte - i miei statuti)

Levitico 25: 1-27: 34; Geremia 16: 19-17: 14, 32: 6-27; Matteo 21: 33-46

“Levitico 25: (L'anno sabatico): 1 L'Eterno parlò ancora a Mosè sul monte Sinai, dicendo: 2 “Parla ai figli d'Israele e di' loro: Quando entrerete nel paese che io vi do, la terra osserverà un sabato di riposo per l'Eterno.” (Levitico 25: 1-2)

La settimana scorsa, nella Parasha Emor, Dio ha chiamato i Kohen (i sacerdoti) a vivere vite che esprimano una maggiore misura della loro santità. Ha anche descritto sette feste essenziali fondamentali per il cammino di Israele con il Signore. Nella porzione della Torah di questa settimana, Dio dà a Mosè le leggi riguardanti il ​​periodo della Shemitah o Anno Sabatico.

L'Anno della Shemitah
 
Dio comanda Israele ad osservare l’anno della Shemitah ogni settimo anno, un sabato per tutta la terra. Secondo queste leggi, le colture non devono essere piantate, curate o raccolte, e tutte le attività agricole sono vietate, anche se chiunque può mangiare ciò che la terra produce naturalmente. Israele osserva oggi questo comandamento; Infatti, il nostro ultimo anno di Shemitah è terminato il 13 settembre 2015 (anno 5775 del calendario ebraico).

Mentre percorriamo l'autostrada da Gerusalemme a Tel Aviv, abbiamo osservato segni postati in diversi campi incompiuti e ricoperti lungo la strada che dicono (in ebraico): “Qui osserviamo l'anno di Shemitah”. Naturalmente, questo riposo va parallelamente al riposo di Dio dopo aver creato l'universo, così come lo Shabbat.
 
Nell'ebraismo, “sette” indica “completamento” e “santità”. È considerato il numero omnicomprensivo che celebra il fine ultimo di ogni Ebreo di infondere la santità a tutta la Creazione”. (La saggezza ebraica è nei numeri)

La terra di Israele è chiamata ad essere la terra santa. Il nostro comportamento gli uni verso gli altri dovrebbe ritrarre persone sante che vivono nella terra santa.
 
Dio mette in guardia il suo popolo dal non ingannare o sfruttare l'un all'altro e ci vieta di addebitare l'interesse sui soldi prestati ad un compagno israelita. Dio vuole che noi trattiamo in modo equo con gli altri e che pratichiamo l'integrità nei nostri affari.
 
“17 Nessun di voi danneggi il suo fratello, ma temerai il tuo Dio; poiché io sono l’Eterno, l’Iddio vostro.” (Levitico 25:17)
 
Dio rende anche chiaro che Egli detiene il dominio di questa terra e non ci dà l'autorità di venderla in modo permanente. Noi siamo solo residenti in questa terra che Dio ci ha dato da vivere come pellegrini e stranieri. Questo vuol dire che i capi di Israele non hanno diritto di vendere porzioni di terra ai loro nemici in cambio di false promesse per una ipotetica pace.

“23 Le terre non si venderanno per sempre; perché la terra è mia, e voi state da me come forestieri e avventizi.” (Levitico 25:23)

L'Anno del Giubileo
 
“10 E santificherete il cinquantesimo anno e proclamerete la libertà nel paese per tutti i suoi abitanti. Sarà per voi un giubileo [יוֹבֵל Yovel]; ognuno di voi tornerà nella sua proprietà e ognuno di voi tornerà nella sua famiglia.” (Levitico 25:10)

Dopo ogni sette cicli di sette anni, nel cinquantesimo anno, lo shofar deve suonare e il Yovel (יוֹבֵל) o Anno delGiubileo deve essere celebrato. Non solo è la terra deve restare a riposo, ma anche tutti i debiti devono essere annullati e tutti i servitori a contratto devono tornare alla loro terra e alla loro famiglia. Serviamo un Dio di bontà e di misericordia, e le Sue leggi sono per il bene di tutti, anche per la terra stessa. Anche se alcuni tra gli ebrei avrebbe potuto sopportare un periodo di servitù, non dovevano rimanere permanentemente in quella situazione. È perché Dio ha portato il suo popolo in schiavitù in Egitto che nessun israelita doveva diventare uno schiavo permanente di un altro. Nell'anno del Giubileo tutti dovevano essere riscattati e liberati.
 
“13 Io sono l’Eterno, l’Iddio vostro, che vi ho tratto dal paese d’Egitto affinché non vi foste più schiavi; ho spezzato il vostro giogo, e v’ho fatto camminare a testa alta.” (Levitico 26:13)
 
Nel giudaismo, 50 è il numero di trascendenza. Indica il ritorno a Dio e l'emergere della nuova creazione.
Sotto il Brit Chadashah (Nuova Alleanza o Nuovo Patto/Nuovo Testamento), che è stato sigillato con il dono del Ruach HaKodesh (Spirito Santo) su Shavuot (Pentecoste) 50 giorni dalla Pasqua, Yeshua HaMashiach (Gesù il Messia) è diventato il nostro Giubileo spirituale. In Yeshua tutti i debiti vengono annullati. Egli ci ha riscattati dalla schiavitù a qualsiasi tipo di oppressione e ci ha autorizzato a camminare nella santità con le nostre teste alte. Alleluia!
 
Shavuot quest’anno 2017 (Anno Ebraico 5777) si celebra dal 30 Maggio (Sivan 5) al 1 Giugno (Sivan 7)

Vivere nelle benedizioni in Terra Santa
 
Nella Porzione di Torah Bechukotai (I miei statuti) parte della lettura di questa settimana, Dio promette una benedizione al popolo se obbedirà ai Suoi comandamenti della Torah, ma Egli mette in guardia dalla punizione, persecuzioni e perfino l'esilio per la loro disobbedienza. Lui dice:
 
“3 Se seguirete le mie leggi, se osserverete i miei comandi e li metterete in pratica, 4 io vi darò le piogge alla loro stagione, la terra darà prodotti e gli alberi della campagna daranno frutti.” (Levitico 26: 3-4)
 
Dobbiamo tenere a mente che Dio non volontariamente affligge; Egli lo fa solo quando è assolutamente necessario ottenere la nostra attenzione in modo da poter vedere l'errore del nostro modo di vivere e, attraverso la Sua misericordia, riportarci sulla strada giusta.
 
“32 ma, se affligge, ha altresì compassione, secondo la moltitudine delle sue benignità; 33 giacché non è volentieri ch’egli umilia ed affligge i figliuoli degli uomini.” (Lamentazioni 3: 32-33)
 
Uno dei motivi per cui gli ebrei furono mandati in esilio in una terra arida era perché non erano riusciti a mantenere gli anni sabbatici. Perciò, Dio ha costretto il popolo ad uscire dalla terra santa cosi che la terra stessa avrebbe goduto degli anni sabatici e preparare la terra per coloro che non c’erano ancora quando gli Israeliti vivevano in essa:

“33 Disperderò voi fra le nazioni e trarrò fuori la spada contro di voi; il vostro paese sarà desolato e le vostre città saranno deserte. 34 Allora la terra godrà i suoi sabati per tutto il tempo in cui rimarrà desolata e voi sarete nel paese dei vostri nemici; così la terra si riposerà e godrà i suoi sabati. 35 Per tutto il tempo che rimarrà desolata avrà il riposo che non ebbe nei vostri sabati, quando voi l'abitavate.” (Levitico 26: 33-35)

Anche noi dobbiamo essere diligenti nel mantenere il sabato del Signore e riposare ogni settimo giorno, affinché i nostri corpi non si usurino e abbiano bisogno di un tempo prolungato per compensare la mancata conservazione del giorno del sabato. Nonostante ci siano gravi conseguenze nel non mantenere gli statuti di Dio, Egli promette di avere pietà degli ebrei anche in esilio; nel ricordare la Sua alleanza con Abramo, Isacco e Giacobbe; e per ricordare la terra santa:
 
“44 E, nonostante tutto questo, quando saranno nel paese dei loro nemici, io non li disprezzerò e non li prenderò in avversione fino al punto d’annientarli del tutto e di rompere il mio patto con loro; poiché io sono l’Eterno, il loro Dio; 45 ma per amor d’essi mi ricorderò del patto stretto coi loro antenati, i quali trassi dal paese d’Egitto, nel cospetto delle nazioni, per essere il loro Dio. Io sono l’Eterno”. (Levitico 26: 44-45)

Duemilacinquecento anni dopo Dio ha riportato gli esuli Ebrei in Babilonia alla Terra di Israele, Egli lo sta facendo di nuovo. Ma alcuni sostengono che lo Stato moderno di Israele è una nazione fatta esclusivamente dagli sforzi della Lega delle Nazioni e dalle Nazione Unite e non dalla mano di Dio. Eppure, sappiamo dalla storia che nessuno può portare il popolo di Dio fuori dall'esilio finché Dio non lo faccia. Li ha portati fuori dall'Egitto, nonostante il cuore duro del faraone. Ha liberato gli esuli in Babilonia con il decreto del re Ciro dopo un tempo specifico, entrambi i tempi sono stati profetizzati (Isaia 44: 28-45: 1; Daniele 9: 2).
 
Nel XX secolo, Egli ha portato il Suo popolo a casa attraverso la dichiarazione Balfour e la creazione dello Stato di Israele in un giorno, che fu anche profetizzata (Isaia 66: 8). 

E Dio continua a promuovere una rinascita moderna di Israele che ha incluso vittorie miracolose nella Guerra dell'indipendenza del 1948, la guerra di sei giorni nel 1967 e la guerra di Yom Kippur nel 1973.Nonostante l'antisemitismo, l'anti-sionismo e l'anti-Israele, Israele è ancora vivo e vivace. E continua ad essere una benedizione al mondo nonostante gli attacchi sociali, politici e fisici dei suoi vicini e del mondo dopo la sua rinascita. Quando esaminiamo tutti gli eventi "indipendenti" che culminano nella formazione di uno Stato ebraico indipendente, vediamo che Dio non permetterà mai agli ebrei di essere distrutti completamente, né mai spezzerà la Sua alleanza con loro.

Parte profetica: Confidate in ​​Dio solo per le vostre benedizioni
 
L'Haftarah (Porzione Profetica della Torah) per questa settimana (Geremia 16: 19-17: 14) continua con il tema delle benedizioni promesse a seguito dell'obbedienza e la punizione a seguito della disobbedienza. Poiché solo Dio è colui che concede libertà e benedizioni in base alle Sue alleanze, il profeta Geremia promette che coloro che pongono fiducia nell'uomo diventeranno desolati e soli:

5 “Maledetto l'uomo che confida nell'uomo, che pone nella carne il suo sostegno e dal Signore si allontana il suo cuore. 6 Egli sarà come un tamerisco nella steppa, quando viene il bene non lo vede; dimorerà in luoghi aridi nel deserto, in una terra di salsedine, dove nessuno può vivere.” (Geremia 17: 5-6) 

Dall’altra parte: “7 Benedetto l'uomo che confida nel Signore e il Signore è sua fiducia. 8 Egli è come un albero piantato lungo l'acqua, verso la corrente stende le radici; non teme quando viene il caldo, le sue foglie rimangono verdi; nell'anno della siccità non intristisce, non smette di produrre i suoi frutti.”. (Geremia 17: 7-8)

C'è un senso di responsabilità in queste benedizioni e maledizioni; Siamo responsabili delle nostre azioni, che hanno conseguenze. Siamo responsabili e questa conoscenza della scrittura ci informa sulle nostre scelte e ci aiuta a progredire nel nostro cammino quotidiano con il Dio d'Israele. Questa Haftarah termina con la bellissima proclamazione che solo Dio è la speranza di Israele, la fonte dell'acqua che dà la vita, il nostro Guaritore e il nostro Salvatore. Quando dipendiamo da Dio e obbediamo a Lui, Egli non viene meno e noi camminiamo nelle Sue benedizioni.

“13 Speranza d’Israele, o Eterno, tutti quelli che t’abbandonano saranno confusi; quelli che s’allontanano da te saranno iscritti sulla polvere, perché hanno abbandonato l’Eterno, la sorgente delle acque vive. 14 Guariscimi, o Eterno, e sarò guarito; salvami e sarò salvo; poiché tu sei la mia lode.” (Geremia 17: 13-14)


Culto Sabatto mattina / Shabbat morning service:
To listen, please click on the link below. Per ascoltare, per favore, cliccare sul link sottostante:




0 Comments to Torah Portion Behar-Bechukotai/Porzione di Torah Behar-Bechukotai :

Comments RSS

Add a Comment

Your Name:
Email Address: (Required)
Website:
Comment:
Make your text bigger, bold, italic and more with HTML tags. We'll show you how.
Post Comment
RSS Follow Become a Fan

Delivered by FeedBurner


Recent Posts

Time of Judgement/Tempo di Giudizio
Parasha Korach
Parasha Shelach Lecha (Send Forth)/Parasha Shelach Lecha (manda o invia per te)
Torah Portion Behaalotecha: The Light of the Menorah and the Holy Spirit Torah Porzione Behaalotekha: La luce della Menorah e dello Spirito Santo
La tua stanza di Eliseo alla Casa di Preghiera e Accoglienza Messianica di Pozzuoli/Your Elisha Room at the Messianic House of Prayer and Hospitality Puteoli

Most Popular Posts

ASILO NIDO FAMIGLIA BILINGUE A DOMICILIO
Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
SUMMER CAMP 2013 UPDATES
SUMMER CAMP 2013

Categories

"Messianic Bible Studies Series" Registration
A MOBILE COLLEGE
BACK TO SCHOOL 2013
BAMBINI DALLA SCUOLA DI STRADA ALLA SCUOLA IN CASA
Baxk To School 2014
Believe
BIBBIA PROFETICA MESSIANICA ANNO 5775 PRIMA PORZIONE DI TORAH DELL'ANNO
Casa di Preghiera & Accoglienza Place of Shalom Pozzuoli, Napoli
Casa di preghiera di Gerusalemme
Cio' in cui crediamo
Come l'Apostolo Paolo
Con i miei occhi la biblioteca per i nonni e i disabili visivi
CORSI AUTUNNALI SETTIMANALI
CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI
CORSO DI CUCITO
CORSO DI DECOUPAGE
CORSO DI EBRAICO BIBLICO A POZZUOLI IN SEDE E ONLINE SONO APERTE LE ISCRIZIONI
Daily Drop
Daily Mitzvah (Maimonides)
Daily Prayer Points
Daily Tehillim
Daily Wisdom
Daily Word
EMPLOYMENT AVAILABLE Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
English Courses for You
EVENTO TRE PER DUE
Facilitating and enhancing social inclusion of people with special needs
Generate a list of Yahrzeit dates, Hebrew Birthdays, or Hebrew Anniversaries for the next 20 years
Healing
Holocaust Memorial Day
II Porzione di Torah dell'anno 5775
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
Israel Updates
Italian House of Prayer Jerusalem/Casa di Preghiera Italiana a Gerusalemme
Kehila News Israel
La Stanza di Elia/Elijah Room
LEADERSHIP COURSE
Messianic Bible
Missione la pupilla del suo occhio 2015
MISSSION 3721
Monthly Newsletter
My Dream
ORFANI E VEDOVE
Our Tithes to Israel - Le Nostre Decime a Israele
Prayer Points
Raccolta Fondi Asilo Nido Bilingue Gratuito de L'Aquila
Raccolta Fondi per Emergenza Terremoto Amatrice, Italia - Fundraising Earthquake Emergency for Italy
RECUPERO MATERIA SCOLASTICA INGLESE
Scriptural References and daily Prayer Points
SERVIZI DI GUIDA TURISTICA E ACCOMPAGNATORI TURISTICI (CORRIERI)
SHINE PROJECT - FREE WORKSHOP
SMALL THINGS MAKE BIG CHANGES IN PEOPLE LIVES
START-UP IMMA (in ebraico mamma)
Start-Up Imma al Social Lab - Il Forum Regionale sulle Politiche Sociali - 13 Febbraio 2015 Pescara,
SUMMER CAMP 2013
TEA Parties
Teacher's Hunt!
Tempi di Gloria
The Children of Zion, His Holy People.
The Day of Prayer for the Persecuted Church
The Marriage Service
THE PATH OF THE GODS & THE CALL OF GOD 13 APRIL 2013
This is Christmas - (Questo e' Natale) - Evento Gratuito per bambini - Domenica 14, 21, 28 Dicem
This is Revival 2013 (Questo e' Risveglio 2013)
Time of Judgement/Tempi di Giudizio
Times of Glory Isaiah 66:18
TRAVEL TO ISRAEL 2013
TRAVEL TO UK 2013
Village of Hope & Justice Ministry (Onlus) Israele
Village of Hope & Justice MInistry Bible Studies
VILLAGE OF HOPE & JUSTICE MINISTRY MOBILE COLLEGE
Village of Hope & Justice Ministry Onlus Offerta Formativa Estate 2014
WAILING WALL: PRAYER REQUESTS AND ANSWERS TO PRAYER
Weekly Stories from Israel
Weekly Torah Portion
Welocome Home - Your room in Jerusalem - Italian House of Prayer Jerusalem
What we believe
Yad HaShoah Holocaust Memorial Day
Yamim Nora’im Anno 5775
Yom Kippur 5777 Appeal

Archives

June 2017
May 2017
April 2017
March 2017
February 2017
January 2017
December 2016
November 2016
October 2016
September 2016
August 2016
July 2016
June 2016
May 2016
April 2016
March 2016
February 2016
January 2016
December 2015
November 2015
July 2015
March 2015
February 2015
January 2015
December 2014
November 2014
October 2014
September 2014
April 2014
January 2014
December 2013
September 2013
August 2013
July 2013
June 2013
May 2013
April 2013
March 2013
February 2013

powered by

Website Builder provided by  Vistaprint