Parasha Shelach Lecha (Send Forth)/Parasha Shelach Lecha (manda o invia per te)
Village of Hope & Justice Ministry  - Cod. Fisc. 95117280636
My Blog

Parasha Shelach Lecha (Send Forth)/Parasha Shelach Lecha (manda o invia per te)

Shabbat Shalom,











 
Welcome to our study of this week’s Torah portion, called Shelach Lecha (Send Forth). Shah, Shlach, Shelah, Sh’lah, Shlach Lecha, or Sh’lah The kha (Hebrew: שְׁלַח or שְׁלַח-לְךָ - translated into English: “send” or “sent for you”) is the 37th weekly portion of the Torah (Hebrew פָּרָשָׁה - Parasha or parsha / parscià) in the Jewish annual cycle of biblical readings from the Pentateuch, fourth in the Book of Numbers, representing Numbers 13:1-15:41, which Jews in Diaspora generally read in June. It comes from the first significant words of Parasha, in Numbers 13:2: Shelah in Hebrew: שְׁלַח is the sixth and Lecha in Hebrew: לְךָ is Parasha’s seventh word. 
 
This is the portion of Scripture that will be read in synagogues around the world this Saturday (Shabbat) morning. We are certain you will be blessed as you read along with us!

Parasha Shelach Lecha (Send Forth)
Numbers 13:1–15:41; Joshua 2:1–24; Romans 4:1–25
 
“Then the Lord spoke to Moses saying, ‘Send out for yourself (shelach lecha שְׁלַח-לְך) men so that they may spy out the land of Canaan, which I am going to give to the sons of Israel; you shall send a man from each of their fathers’ tribes, everyone a leader among them.’” (Numbers 13:1–2)

Last week in Parasha Behaalotecha, God commanded Aaron to light the lamps of the Menorah, and the tribe of Levi was initiated into the service of the Sanctuary.
 
This week’s Parasha (Scripture portion) describes how God tests the Israelites by sending out 12 meraglim (spies) to check out the situation in the promised land (as God had commanded them) before going in to take possession of it.

The Promised Land Is Bountiful
 
“‘Be of good courage. And bring some of the fruit of the land.’ Now the time was the season of the first ripe grapes.” (Numbers 13:20)
 
God instructed Moses to send one chieftain from each of the 12 tribes of Israel to scout out the land of Canaan. Among the spies were Caleb, son of Jephunneh from the Tribe of Judah and Hosea (Hoshea), son of Nun from the Tribe of Ephraim. Later, Moses changed Hosea’s name to Joshua.
 
When Moses sent out the spies, it was the season of the first ripe grapes. They were to go in with courage and bring back a sample of the fruit of the land. They were also to assess the characteristics of the inhabitants, the fortification of the cities, and the existence of any trees.
 
After 40 days, they returned with a cluster of grapes from the Valley of Eshkol (cluster), which was so bountiful that they had to tie the cluster to a pole and carry it on their shoulders. Here in Israel, the grapes will begin to ripen around mid-July in the heat of summer. So it is likely that the spies went into the promised land around the end of July.



The spies with a cluster of grapes/Le spie con un grappolo d'uva








 
The spies also brought back pomegranates and figs. These fruits grow in abundance today in the land of Israel, a miracle since this land lay barren and lifeless for about 2,000 years.  
 
The fact that the land of Israel is fruitful again is evidence of God’s great mercy and grace, as well as His faithfulness to His covenant promises.

The Number 40
 
Why were the spies scouting the land of Canaan for 40 days? Why not 30 or 7?
 
The number 40 is significant in the Bible as it is the number of testing, preparation and leadership, as well as the harbinger of something new. (Jewish Wisdom in the Numbers)
 
We see this pattern many times in the Scriptures:
  • In a dramatic new beginning, rain fell for 40 days and nights during the Flood before the waters stopped and the world was repopulated. (Genesis 7:4)
  • Moses lived in Egypt for 40 years, was prepared for leadership in Midian for 40 years, and finally led the children of Israel in the wilderness for 40 years as a new nation.
  • Moses fasted on Mount Sinai for 40 days and nights before he went down the mountain with the Ten Commandments.

“Moses was there with the LORD forty days and forty nights without eating bread or drinking water. And he wrote on the tablets the words of the covenant — the Ten Commandments.” (Exodus 34:28)

  • Goliath challenged the Israelites twice a day for 40 days before David defeated him, which began a great following by the people. (1 Samuel 17:16)
  • Yeshua was tested by the devil in the wilderness for 40 days before He began His public ministry.

“Then Yeshua was led up by the Spirit into the wilderness to be tempted by the devil. And when He had fasted forty days and forty nights, afterward He was hungry. Now when the tempter came to Him, he said, ‘If You are the Son of God, command that these stones become bread.’” (Matthew 4:1–3)

         • The period from the resurrection of Yeshua to His ascension was 40 days, a period of preparing the disciples for the work that lay ahead. (Acts 1:3)

10 Spies Inspire Fear Rather Than Faith
 
“There we saw the Nephilim (the sons of Anak, who come from the Nephilim), and we seemed to ourselves like grasshoppers, and so we seemed to them.” (Numbers 13:33)
 
After 40 days, all 12 spies essentially testified to the entire Israelite community and Moses that the land “does flow with milk and honey!” just as God had promised. (Numbers 13:27
 
Despite that, they also saw that the cities were fortified and that giants lived in the land.
 
Rather than focusing on the great fruitfulness of the land, they focused, instead, on the great size of the inhabitants in contrast to their own smallness.
 
Caleb tried to counter their defeatist attitude by assuring the people, We are well able to overcome it” with God’s help. He urged them, “Let us go up at once and occupy it.” (Numbers 13:30)
 
The other 10 spies, however, instilled such fear in the people that the whole Israelite community began to cry and shout, “If only we had died in Egypt! Or in this wilderness!” (Numbers 14:1–2)

In their apprehension, they forgot how the Lord had sent ten plagues and even parted a sea for them, so they cried more: “Why is the LORD bringing us to this land only to let us fall by the sword? Our wives and children will be taken as plunder. ... We should choose a leader and go back to Egypt.” (Numbers 14:3–4)
 
Of course, this is not the first time the people wanted to go back to Egypt. 
 
In Parasha Beshalach, the people stood trapped between an advancing Egyptian army and the Red Sea. Terrified, they told Moses, “Didn’t we say to you in Egypt, ‘Leave us alone; let us serve the Egyptians’? It would have been better for us to serve the Egyptians than to die in the desert!” (Exodus 14:12)
 
Then God parted the Red Sea and crushed the Egyptian army.
 
When they reached the other side of the sea in safety, they were already craving the food back in bondage:  
 
“If only we had died by the LORD’s hand in Egypt! There we sat around pots of meat and ate all the food we wanted, but you have brought us out into this desert to starve this entire assembly to death.” (Exodus 16:3)
 
Then God sent manna every morning for them to eat.

In Parasha Behaalotecha last week, we saw that they got tired of the manna and remembered the fish they “ate in Egypt at no cost, also the cucumbers, melons, leeks, onions and garlic.” (Numbers 11:5)
 
Then God sent quail, along with judgment for their continual complaining.
 
Throughout their wilderness journey, they complained to Moses and about Moses for many reasons. Each time, they witnessed God’s judgments and mercy. Yet, they still did not fully apprehend His love for them, nor His ability to keep His promise to give them a land of their own.
 
God said it best: “How long will these people treat Me with contempt? How long will they refuse to believe in Me, in spite of all the signs I have performed among them?” (Numbers 14:11)

Moses Intercedes for the People
 
“I will strike them with the pestilence and disinherit them, and I will make of you a nation greater and mightier than they.” (Numbers 14:12)
 
Because of their rebellion and unbelief during this test of faith, God threatened to destroy the entire community of Israel instantly and start all over again with Moses.
 
God gave Moses this same opportunity in Parasha Ki Tisa when the people He had just delivered from bondage worshiped a Golden Calf instead of Him. (Exodus 32:9–10)
 
Being the most humble man on the face of the earth, however, Moses refused to accept God’s offer to replace Israel then and, again, now.
 
Instead, he appealed to the Lord’s merciful nature, asking to forgive the people, the same people who railed against Moses and Aaron and threatened to stone Caleb and Joshua just a short time earlier. Moses reminded the Lord:
 
“The LORD is slow to anger and abounding in steadfast love, forgiving iniquity and transgression, ... Pardon the iniquity of this people, I pray, according to the greatness of Your mercy, just as You have forgiven this people, from Egypt even until now.” (Numbers 14:18–19)

Moses also appealed to the Lord’s reputation as a God of integrity who is able to do all that He promises. Moses told Him:
 
“They [the Egyptians] have heard that you, O LORD, are in the midst of this people. ... if you kill this people as one man, then the nations who have heard your fame will say, ‘It is because the LORD was not able to bring this people into the land that he swore to give to them that he has killed them in the wilderness.’” (Numbers 14:14–16)
 
Because of Moses’ intercession and appeal to God’s reputation and merciful nature, God relented from completely destroying the entire nation of Israel; nevertheless, He decreed judgment on those who refused to trust in God the way Joshua and Caleb trusted in God.
 
“I have forgiven them, as you asked. Nevertheless, as surely as I live and as surely as the glory of the LORD fills the whole earth, not one of those who saw my glory and the signs I performed in Egypt and in the wilderness but who disobeyed me and tested me ten times, not one of them will ever see the land I promised on oath to their ancestors. No one who has treated me with contempt will ever see it. But because my servant Caleb has a different spirit and follows me wholeheartedly, I will bring him into the land he went to, and his descendants will inherit it.” (Numbers 14:20–24)
 
The entire generation (ages 20 and up) who had just been counted in the census would not enter the promised land they so feared. Instead, they would die in the wilderness; that is, all but Joshua and Caleb would live to enter the land.



Nephilim













The Lessons for Us Today
 
What lessons can we learn from this account of Israel in the wilderness?
 
First, we need to be people of faith, seeing ourselves as sons and daughters of the King of Kings and Lord of Lords, and not tiny grasshoppers to be crushed under some giant’s foot. We need to believe that no matter what challenge we face today, we are “well able to overcome it” with God’s help.
 
This is the kind of faith that pleases God. Without it, it is impossible to please Him. (Hebrews 11:6)
 
Second, as people of faith, we need to guard our speech and speak forth faith-filled words.
 
Why did the whole community of Israel die in the wilderness? They reaped the fruit of their faithless, fearful words.
 
The people said many times, “We will surely die in this wilderness,” and God allowed them to speak their own future into existence.
 
“Say to them, ‘As I live,’ says the LORD, ‘just as you have spoken in My hearing, so I will do to you: The carcasses of you who have complained against Me shall fall in this wilderness, all of you who were numbered, according to your entire number, from twenty years old and above.” (Numbers 14:28–29)

For each of the 40 days that the Israelites spied out the land of Canaan, the Israelites would wander in the wilderness a year until that generation died, 40 years. Only Joshua and Caleb, who had a different spirit and wholly trusted in the Lord would enter the promised land along with the next generation.
 
“According to the number of the days in which you spied out the land, forty days, for each day you shall bear your guilt one year, namely forty years, and you shall know My rejection. I the LORD have spoken this. I will surely do so to all this evil congregation who are gathered together against Me. In this wilderness they shall be consumed, and there they shall die.’” (Numbers 14:34–35)
 
Third, we need to repent of our unbelief and begin trusting in God or else we cannot move forward. And sometimes, our lack of faith may prevent us from moving forward in a particular area even after we repent.
 
The Israelites were suddenly remorseful for their behavior and gathered up the courage to go up and take the land, but it was too late.
 
Moses warned them, “Do not go up, for the Lord is not among you, lest you be struck down before your enemies,” but they rebelled again, went up in presumption and were, therefore, defeated by the Amalekites and Canaanites.
 
Also, the ten spies who had brought back the evil report of the land were struck down by the Lord in a plague; but Joshua and Caleb were left alive.
 
God had rendered His final decision; they were now “not able,” just as they had spoken over themselves.
 
Fourth, we should be a humble people given to intercession for others, from family members to complete strangers. May we all be like Moses, who pleaded for mercy on behalf of his people.

Our faith matters to God!
 
The Word of God says that the power of life and death is in our tongues and we shall, in a sense, eat our words. (Proverbs 18:21)
 
Yeshua said that it is by our words that we will be acquitted and by our words we will be condemned. (Matthew 12:37)
 
May we be careful and deliberate in the words that we speak over ourselves and others, since faith comes by hearing.
 
May our words and actions be a testimony of the goodness and greatness of the God of Israel, and may we take hold of His promises by faith.
 
“May these words of my mouth and this meditation of my heart be pleasing in your sight, LORD, my Rock and my Redeemer.” (Psalm 19:14)



Matthew 12:37/Matteo 12:37

























Haftarah (Prophetic Reading): Faith Moves Us into His Promises
 
In Haftarah Shelach Lecha (Joshua 2:1–24), we see that Joshua, Moses’ assistant who was one of the two spies who trusted God, has been appointed by the Lord to lead the next generation of Israelites into the promised land.
 
As Abraham’s faith moved Him forward into the role of the Patriarch of the chosen people and recipient of the covenant, so did Joshua’s faith move him forward into his role of a leader who, with God’s help, was “well able to overcome” all the obstacles before him and take possession of the promised land.
 
In this Haftarah, Joshua sends out two of his own spies into Jericho, in preparation for battle.  
 
Although Jericho is a well-fortified city with a well-equipped army and great walls surrounding it, the spies tell Joshua, “The LORD has surely given the whole land into our hands; all the people are melting in fear because of us.” (Joshua 2:24)
 
Now in the land that their parents so feared, the next generation of Israelites witness God move and have great faith, being “fully convinced that God is able to do whatever He promises.” (Romans 4:21)
 
May we be fully convinced of that truth as well.

You can shine Yeshua’s light in the Holy Land and among the Jewish people worldwide by helping our ministry spreading the world of the Lord in Israel.






Shabbat morning service / Culto Sabatto mattina:
To listen, please click on the link below / Per ascoltare, per favore, cliccare sul link sottostante




Shabbat Shalom,
 
Benvenuti al nostro studio della porzione di Torah di questa settimana, chiamata Shelach Lecha (Invia, inoltro). Shlach, Shelach, Sh'lah, Shlach Lecha, o Sh'lah L'kha (ebraico: שְׁלַח o שְׁלַח-לְךָ — tradotto in italiano: “manda” o “invia per te”) è la 37ª porzione settimanale della Torah (ebr. פָּרָשָׁה – parashah o anche parsha/parscià) nel ciclo annuale ebraico di letture bibliche dal Pentateuco, quarta nel Libro dei Numeri. Rappresenta il passo Numeri 13:1-15:41, che gli ebrei della Diaspora leggono generalmente in giugno. Il nome proviene dalle prime parole significative della Parasha, in Numeri 13:2: Shelah in ebraico: שְׁלַח‎ è la sesta e Lecha in ebraico: לְךָ‎ è la settima parola della Parasha.
 
Questa è la porzione della Scrittura che verrà letta in sinagoghe di tutto il mondo durante la mattina di questo (Shabbat). Siamo certi che sarete benedetti mentre leggerete con noi!
 
Parcha Shelach Lecha (“manda” o “invia per te”)
Numeri 13: 1-15: 41; Giosuè 2: 1-24; I Romani 4: 1-25
 
“1 Poi tutta l’assemblea dei figli d'Israele arrivò al deserto di Sin nel primo mese, e il popolo si fermò a Kadesh. Là morì Miriam e là fu sepolta. 2 Or mancava l’acqua per l'assemblea, per cui si radunarono contro Mosè e contro Aaronne.” (Numeri 13: 1-2)
 
La scorsa settimana nella Parasha Behaalotecha, Dio comandò Aronne di accendere le lampade della Menorah, e la tribù di Levi furono avviate al servizio del Santuario.
 
La Parasha di questa settimana (parte della Scrittura) descrive come Dio prova gli Israeliti inviando 12 meraglim (spie) nel controllare la situazione nella terra promessa e (come Dio li aveva comandato) prima di andare a prenderne possesso. 
 
La terra promessa è abbondante

“e come è la terra, se grassa o magra, se vi siano alberi o no. Siate coraggiosi e portate dei frutti del paese. Era il tempo in cui cominciava a maturare l'uva.” (Numeri 13:20) 

Dio ha ordinato a Mosè di inviare un capo da ciascuna delle 12 tribù d'Israele per scoprire la terra di Canaan. Tra le spie ci furono Caleb, figlio di Jefunneh della tribù di Giuda e Osea (Hoshea), figlio di Nun della tribù di Efraim. Più tardi, Mosè cambiò il nome di Hosea a Giosuè.
 
Quando Mosè mandò le spie, era la stagione delle prime uve mature. Dovevano andare nella terra promessa con coraggio e riportare un campione del frutto della terra. Essi dovevano anche valutare le caratteristiche degli abitanti, la fortificazione delle città e l'esistenza di ogni albero.
 
Dopo 40 giorni, essi tornarono con un grappolo di uve dalla Valle di Eshkol (grappolo), che era così generosa che dovevano legare il grappolo ad un palo e portarlo sulle spalle. Qui in Israele, le uve cominciano a maturare intorno alla metà di luglio nel caldo dell'estate. Quindi è probabile che le spie andarono in terra promessa verso la fine di luglio.
 
Le spie riportarono anche melograni e fichi. Questi frutti crescono oggi in maniera abbondante nella terra di Israele, un miracolo dal momento che questa terra giaceva arida e senza vita per circa 2.000 anni.  
 
Il fatto che la terra di Israele sia di nuovo fruttuosa è la prova della grande misericordia e la grazia di Dio, così come la Sua fedeltà alle Sue promesse del patto.
 
Il numero 40
 
Perché sono state chiamate le spie ad andare nel  paese di Canaan per 40 giorni? Perché non 30 o 7?
 
Il numero 40 è significativo nella Bibbia ed è il numero che rappresenta le prove, la preparazione e la leadership (direzione), così come tutto ciò che è nuovo. (La saggezza ebraica nei numeri)
 
Vediamo questo modello molte volte nelle Scritture:
·    In un nuovo inizio drammatico, la pioggia cadde per 40 giorni e notti durante l'Inondazione prima che le acque si fermassero e il mondo venisse ripopolato. (Genesi 7:4)

·    Mosè ha vissuto in Egitto per 40 anni, è stato preparato per la leadership (direzione) a Midian per 40 anni e infine ha portato i figli d’Israele nel deserto per 40 anni come una nazione nuova.

·    Mosè digiunò sul Monte Sinai per 40 giorni e notti prima di scendere la montagna con i Dieci Comandamenti.

“Così Mosè rimase là con l'Eterno quaranta giorni e quaranta notti; non mangiò pane né bevve acqua. E l'Eterno scrisse sulle tavole le parole del patto, i dieci comandamenti.” (Esodo 34:28)

·    Golia sfidò gli Israeliti due volte al giorno per 40 giorni prima che Davide lo sconfiggesse, ciò ha comportato un grande seguito di popoli. (1 Samuele 17,16)

·    Yeshua fu testato dal diavolo nel deserto per 40 giorni prima che iniziasse il Suo ministero pubblico.

“1 Allora Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. 2 E, dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. 3 Ora il tentatore, accostandosi, gli disse: ‘Se tu sei il Figlio di Dio, di’ che queste pietre diventino pane’”. (Matteo 4: 1-3)

·    Il periodo dalla risurrezione di Yeshua alla Sua ascensione è stato di 40 giorni, un periodo di preparazione dei discepoli per l'opera che si trovavano davanti. (Atti 1: 3)
 
10 spie ispirano la paura piuttosto che la fede
 
“Inoltre là abbiamo visto i giganti (i discendenti di Anak provengono dai giganti), di fronte ai quali ci sembrava di essere delle cavallette, e così dovevamo sembrare a loro’.” (Numeri 13:33)
 
Dopo 40 giorni, tutte le 12 spie hanno sostanzialmente testimoniato alla intera comunità israelita e a Mosè che nella terra “Scorre con latte e miele!” Proprio come Dio aveva promesso. (Numeri 13:27)  
 
Nonostante ciò, essi hanno anche visto che le città sono fortificate e che giganti vivono nella terra promessa. Piuttosto che concentrarsi sulla grande fecondità della terra essi si sono concentrati, sulla grande dimensione degli abitanti in contrasto con la loro propria piccolezza. Caleb ha cercato di contrastare l'atteggiamento disfattista assicurando la gente, “Siamo ben in grado di superarla” con l’aiuto di Dio. Li ha esortati: “Saliamo subito ad occuparla.” (Numeri 13:30)
 
Le altre 10 spie, però, hanno innescato tale timore nel popolo così che tutta la comunità israelita ha cominciato a piangere e a gridare, “Se solo fossimo morti in Egitto! O in questo deserto” (Numeri 14: 1-2)
 
Nella loro apprensione, essi hanno dimenticato come il Signore aveva mandato dieci piaghe e anche separato il mare rosso per loro, così essi hanno pianto di più: 

“3 Perché l'Eterno ci conduce in questo paese per farci cadere di spada? Le nostre mogli e i nostri piccoli saranno preda del nemico. Non sarebbe meglio per noi ritornare in Egitto?’ 4 E si dissero l'un l’altro: ‘Scegliamo un capo e torniamo in Egitto!’. (Numeri 14: 3-4)
 
Naturalmente, questa non è la prima volta che la gente ha voluto tornare in Egitto.  
 
Nella Parasha Beshalach, il popolo rimase intrappolato tra un esercito egiziano in avanzamento e il Mar Rosso. Terrificati, hanno detto a Mosè, 

“Non era forse questo che ti parlavamo in Egitto, dicendoti: “Lasciaci stare, così potremo servire gli Egiziani”? Poiché sarebbe stato meglio per noi servire gli Egiziani che morire nel deserto’. (Esodo 14:12)
 
Allora Dio partì il Mar Rosso e schiacciò l'esercito egiziano. Quando raggiunsero l’altro lato del mare in sicurezza, essi già stavano cercando il cibo che avevano nei tempi della loro schiavitù:   
 
“I figli d'Israele dissero loro: ‘Oh, fossimo pur morti per mano dell’Eterno nel paese d’Egitto, quando sedevamo presso le pentole di carne e mangiavamo pane a sazietà! Poiché voi ci avete condotti in questo deserto per far morire di fame tutta questa assemblea’”. (Esodo 16: 3)
 
Allora Dio mandò ogni mattina manna per mangiare.
 
Nella Parasha Behaalotecha la scorsa settimana abbiamo visto che essi si sono stancati della manna e hanno ricordato il pesce “Ci ricordiamo dei pesci che in Egitto mangiavamo gratuitamente, dei cetrioli, dei meloni, dei porri, delle cipolle e degli agli.” (Numeri 11:5)
 
Allora Dio mandò le quaglie, insieme al giudizio per il loro continuo lamento.
 
Nel corso del loro viaggio nel deserto, essi si sono lamentati verso Mosè e su Mosè per molte ragioni. Ogni volta, essi hanno assistito ai giudizi e alla misericordia di Dio. Tuttavia, ancora non hanno apprezzato completamente il Suo amore per loro, né la Sua capacità di mantenere la Sua promessa di dare loro una propria terra.
 
Dio lo ha detto meglio: “Poi l'Eterno disse a Mosè: ‘Fino a quando mi disprezzerà questo popolo? E fino a quando rifiuteranno di credere dopo tutti i miracoli che ho operato in mezzo a loro?’” (Numeri 14:11)
 
Mosè intercede per il popolo
 
“Io lo colpirò con la peste e lo distruggerò, ma farò di te una nazione più grande e più potente di lui”. (Numeri 14:12)
 
A causa della loro ribellione ed incredulità durante questa prova di fede, Dio minacciò di distruggere immediatamente l’intera comunità di Israele e ricominciare da Mosè.
 
Dio ha dato a Mosè questa stessa opportunità nella Parasha Ki Tisa quando il popolo di Israele che era  appena uscito dalla schiavitù adorava un Vitello d’Oro invece di Lui. (Esodo 32: 9-10)
 
Essendo l'uomo più umile sulla faccia della terra, tuttavia, Mosè rifiutò di accettare l’offerta di Dio di sostituire Israele per poi proseguire. Al contrario, egli ha fatto appello alla natura misericordiosa del Signore, chiedendo di perdonare la gente, gli stessi che si erano scagliati contro Mosè e Aronne e minacciavano di colpire con la pietra Caleb e Giosuè poco tempo prima. Mosè ricordò al Signore:
 
“18 “L'Eterno è lento all'ira e grande in misericordia; egli perdona l'iniquità e il peccato, ma non lascia impunito il colpevole, punendo l'iniquità dei padri sui figli, fino alla terza e alla quarta generazione”. 19 Deh, perdona l'iniquità di questo popolo, secondo la grandezza della tua misericordia, come hai perdonato a questo popolo dall'Egitto fin qui’.” (Numeri 14: 18-19)
 
Mosè ha anche fatto appello alla reputazione del Signore come un Dio di integrità che è in grado di fare tutto ciò che promette. Mosè gli disse:
 
“14 e lo faranno sapere agli abitanti di questo paese. Essi hanno udito che tu, o Eterno, sei in mezzo a questo popolo, che ti mostri loro faccia a faccia, che la tua nuvola sta sopra di loro e che cammini davanti a loro di giorno in una colonna di nuvola e di notte in una colonna di fuoco. 15 Ora se fai perire questo popolo come un sol uomo, le nazioni che hanno udito la tua fama parleranno, dicendo: 16 “Poiché l'Eterno non è stato capace di fare entrare questo popolo nel paese che aveva giurato di dargli, li ha uccisi nel deserto”. (Numeri 14: 14-16)
 
Grazie alla intercessione di Mosè ed al ricorso alla reputazione di Dio e la Sua natura misericordiosa, Dio si pentì di distruggere completamente l'intera nazione di Israele; Tuttavia, decretò il giudizio su coloro che si rifiutarono di credere in Dio, mentre Giosuè e Caleb si fidavano di Dio.
 
“20 Allora l'Eterno disse: ‘Io perdono, come tu hai chiesto; 21 ma, come è vero che io vivo, tutta la terra sarà ripiena della gloria dell'Eterno, 22 e tutti questi uomini che hanno visto la mia gloria e i prodigi che ho fatto in Egitto e nel deserto, e mi hanno già tentato dieci volte e non hanno ubbidito alla mia voce, 23 certo non vedranno il paese che ho giurato di dare ai loro padri. Nessuno di quelli che mi hanno disprezzato lo vedrà; 24 ma il mio servo Caleb, poiché è stato animato da un altro spirito e mi ha seguito pienamente, io lo introdurrò nel paese nel quale è andato; e la sua progenie lo possederà’.” (Numeri 14: 20-24)
 
L’intera generazione (dall’età dei 20 anni in su) che era appena stata contata nel censimento non sarebbe  entrata nella terra promessa. Invece, essi sarebbero morti nel deserto; vale a dire, tutti, tranne la generazione di Giosuè e Caleb che sarebbero arrivati ad entrare nella terra promessa.
 
Le lezioni per noi oggi
 
Quali lezioni possiamo imparare da questo racconto di Israele nel deserto? In primo luogo, abbiamo bisogno di essere persone di fede, vedere noi stessi come figli e figlie del Re dei Re e Signore dei Signori, e non minuscole cavallette schiacciate sotto i piedi di qualche gigante. Dobbiamo credere che, non importa quale sfida oggi affrontiamo, siamo “in grado di superarla” con l’aiuto di Dio.
 
Questo è il tipo di fede che piace a Dio. Senza di essa, è impossibile accontentarlo (Ebrei 11: 6).In secondo luogo, come persone di fede, dobbiamo controllare le nostre conversazioni e proferire parole piene di fede. Perché tutta la comunità di Israele muore nel deserto? 
Essi hanno ricavato il frutto delle loro parole senza la fede e con la paura. La gente ha detto molte volte: “Sicuramente morremo in questo deserto”, e Dio ha permesso loro di portare queste parole nel loro futuro in esistenza.
 
“28 Di’ loro: Come è vero che io vivo, dice l'Eterno, io vi farò quello che ho sentito dire da voi. 29 I vostri cadaveri cadranno in questo deserto; voi tutti che siete stati recensiti, dall'età di vent'anni in su, e che avete mormorato contro di me,”(Numeri 14: 28-29)
 
Per ciascuno dei 40 giorni in cui gli Israeliti hanno esplorato il paese di Canaan, gli Israeliti hanno vagato nel deserto per un anno fino a quando quella generazione punita dal Signore è morta, dopo 40 anni. Solo Giosuè e Caleb, che avevano uno spirito diverso ed una totalmente fiducia nel Signore sarebbero entrati nella terra promessa e insieme alla prossima generazione.
 
“34 In base al numero dei giorni che avete impiegato ad esplorare il paese, cioè quaranta giorni, per ogni giorno porterete la vostra colpa un anno, per un totale di quarant'anni; e voi conoscerete cosa sia l’essermi ritirato da voi. 35 Io, l'Eterno, ho parlato; certo, così farò a tutta questa malvagia assemblea che si è riunita contro di me; in questo deserto saranno consumati e qui moriranno’.” (Numeri 14: 34-35).
 
In terzo luogo, dobbiamo pentirci della nostra incredulità e cominciare a fidarci di Dio. Altrimenti non possiamo andare avanti. A volte, la nostra mancanza di fede può impedirci di andare avanti in una determinata area anche dopo che ci pentiamo.
 
Gli israeliti erano improvvisamente pieni di rimorso per il loro comportamento, raccolsero il coraggio di salire e prendere la terra promessa, ma era troppo tardi.
 
Mosè li avvertì:“Non salite, perché il Signore non è in mezzo a voi, per non essere colpiti dai vostri nemici”. Ma essi si ribellarono di nuovo, salirono con presunzione e furono perciò sconfitti dagli amalechiti e dai cananei.
 
Inoltre, le dieci spie che avevano portato un cattivo rapporto della terra promessa furono colpite dal Signore con una piaga; 
Ma Giosuè e Caleb furono lasciati vivi. Dio aveva preso la sua decisione finale; Ora erano “non capaci”, proprio come avevano parlato di se stessi. Quarto, dovremmo essere un umile popolo dato all'intercessione per gli altri, dai membri della famiglia a completare con gli sconosciuti. Possiamo essere tutti come Mosè, che ha invocato la misericordia per il Suo popolo.
 
La nostra fede importa a Dio!
 
La Parola di Dio dice che il potere della vita e della morte è nelle nostre lingue e noi, in un certo senso, mangiamo le nostre parole. (Proverbi 18:21)
 
Yeshua ha detto che è dalle nostre parole che saremo assolti e dalle nostre parole saremo condannati.  (Matteo 12:37)
 
Possiamo essere attenti e deliberati nelle parole che proferiamo su noi stessi e sugli altri, poiché la fede viene dall’ascolto.
 
Che le nostre parole e le nostre azioni siano una testimonianza della bontà e della grandezza del Dio d’Israele e possiamo prendere le Sue promesse per fede.
 
“Siano gradite davanti a te le parole della mia bocca e la meditazione del mio cuore, o Eterno, mia rocca e mio redentore.” (Salmo 19:14)
 
Haftarah (lettura profetica): la fede ci porta nelle Sue promesse
 
Nella Haftarah di Shelah Lecha (Giosuè 2: 1-24), vediamo che  Giosuè, l’assistente di Mosè che era una delle due spie che si fidavano di Dio, è stato nominato dal Signore per condurre la prossima generazione di israeliti nella terra promessa.
 
Come la fede di Abramo lo ha portato ad essere patriarca del popolo prescelto e il destinatario del patto, così ha fatto la fede di Giosuè, essa lo ha portato al suo ruolo di leader (capo) che, con l’aiuto di Dio, è stato “ben in grado di superare” tutti gli ostacoli davanti a lui e a prendere possesso della terra promessa:
 
In questa Haftarah, Giosuè invia due delle sue spie a Gerico, in preparazione alla battaglia.  
 
Anche se Gerico è una città ben fortificata con un esercito ben attrezzato e grandi mura che lo circondano, le spie dicono a Giosuè, “E dissero a Giosuè: ‘Certamente l’Eterno ha dato in nostra mano tutto il paese; e già tutti gli abitanti del paese vengono meno dalla paura davanti a noi’.” (Giosuè 2:24)
 
Ora nella terra che i loro genitori temevano così tanto, la prossima generazione di israeliti testimonia che Dio si muove e che ha grande fede, essendo “pienamente convinto che ciò che egli aveva promesso era anche potente da farlo.” (Romani 4:21)
 
Possiamo anche noi essere pienamente convinti di questa verità.

Shabbat Shalom dal Village of Hope & Justice Ministry! Lasciate che la vostra luce brilli sempre più luminosa fino a quel giorno perfetto!





Shabbat morning service / Culto Sabatto mattina:
To listen, please click on the link below / Per ascoltare, per favore, cliccare sul link sottostante





0 Comments to Parasha Shelach Lecha (Send Forth)/Parasha Shelach Lecha (manda o invia per te):

Comments RSS

Add a Comment

Your Name:
Email Address: (Required)
Website:
Comment:
Make your text bigger, bold, italic and more with HTML tags. We'll show you how.
Post Comment
RSS Follow Become a Fan

Delivered by FeedBurner


Recent Posts

Torah Portion Va’etchanan /Porzione Torah Va’etchanan
Torah Portion Devarim /Porzione Torah Devarim
The Waters of Mikvah and Baptism: the Connection between Immersion, Conversion and Being Born Again/Le Acque di Mikveh e il Battesimo: la connessione tra immersione, conversione e essere nato di nuovo
Torah Portion Matot-Masei /Porzione Torah Matot-Masei
Torah Portion Pinchas (Phinehas)/Porzione Torah Pinchas (Phinehas)

Most Popular Posts

ASILO NIDO FAMIGLIA BILINGUE A DOMICILIO
Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
SUMMER CAMP 2013 UPDATES
SUMMER CAMP 2013

Categories

"Messianic Bible Studies Series" Registration
A MOBILE COLLEGE
BACK TO SCHOOL 2013
BAMBINI DALLA SCUOLA DI STRADA ALLA SCUOLA IN CASA
Baxk To School 2014
Believe
BIBBIA PROFETICA MESSIANICA ANNO 5775 PRIMA PORZIONE DI TORAH DELL'ANNO
Casa di Preghiera & Accoglienza Place of Shalom Pozzuoli, Napoli
Casa di preghiera di Gerusalemme
Cio' in cui crediamo
Come l'Apostolo Paolo
Con i miei occhi la biblioteca per i nonni e i disabili visivi
CORSI AUTUNNALI SETTIMANALI
CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI
CORSO DI CUCITO
CORSO DI DECOUPAGE
CORSO DI EBRAICO BIBLICO A POZZUOLI IN SEDE E ONLINE SONO APERTE LE ISCRIZIONI
Daily Drop
Daily Mitzvah (Maimonides)
Daily Prayer Points
Daily Tehillim
Daily Wisdom
Daily Word
EMPLOYMENT AVAILABLE Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
English Courses for You
EVENTO TRE PER DUE
Facilitating and enhancing social inclusion of people with special needs
Generate a list of Yahrzeit dates, Hebrew Birthdays, or Hebrew Anniversaries for the next 20 years
Healing
Holocaust Memorial Day
II Porzione di Torah dell'anno 5775
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
Israel Updates
Italian House of Prayer Jerusalem/Casa di Preghiera Italiana a Gerusalemme
Kehila News Israel
La Stanza di Elia/Elijah Room
LEADERSHIP COURSE
Messianic Bible
Missione la pupilla del suo occhio 2015
MISSSION 3721
Monthly Newsletter
My Dream
ORFANI E VEDOVE
Our Tithes to Israel - Le Nostre Decime a Israele
Prayer Points
Raccolta Fondi Asilo Nido Bilingue Gratuito de L'Aquila
Raccolta Fondi per Emergenza Terremoto Amatrice, Italia - Fundraising Earthquake Emergency for Italy
RECUPERO MATERIA SCOLASTICA INGLESE
Scriptural References and daily Prayer Points
SERVIZI DI GUIDA TURISTICA E ACCOMPAGNATORI TURISTICI (CORRIERI)
SHINE PROJECT - FREE WORKSHOP
SMALL THINGS MAKE BIG CHANGES IN PEOPLE LIVES
START-UP IMMA (in ebraico mamma)
Start-Up Imma al Social Lab - Il Forum Regionale sulle Politiche Sociali - 13 Febbraio 2015 Pescara,
SUMMER CAMP 2013
TEA Parties
Teacher's Hunt!
Tempi di Gloria
The Children of Zion, His Holy People.
The Day of Prayer for the Persecuted Church
The Marriage Service
THE PATH OF THE GODS & THE CALL OF GOD 13 APRIL 2013
This is Christmas - (Questo e' Natale) - Evento Gratuito per bambini - Domenica 14, 21, 28 Dicem
This is Revival 2013 (Questo e' Risveglio 2013)
Time of Judgement/Tempi di Giudizio
Times of Glory Isaiah 66:18
TRAVEL TO ISRAEL 2013
TRAVEL TO UK 2013
Village of Hope & Justice Ministry (Onlus) Israele
Village of Hope & Justice MInistry Bible Studies
VILLAGE OF HOPE & JUSTICE MINISTRY MOBILE COLLEGE
Village of Hope & Justice Ministry Onlus Offerta Formativa Estate 2014
WAILING WALL: PRAYER REQUESTS AND ANSWERS TO PRAYER
Weekly Stories from Israel
Weekly Torah Portion
Welocome Home - Your room in Jerusalem - Italian House of Prayer Jerusalem
What we believe
Yad HaShoah Holocaust Memorial Day
Yamim Nora’im Anno 5775
Yom Kippur 5777 Appeal

Archives

August 2017
July 2017
June 2017
May 2017
April 2017
March 2017
February 2017
January 2017
December 2016
November 2016
October 2016
September 2016
August 2016
July 2016
June 2016
May 2016
April 2016
March 2016
February 2016
January 2016
December 2015
November 2015
July 2015
March 2015
February 2015
January 2015
December 2014
November 2014
October 2014
September 2014
April 2014
January 2014
December 2013
September 2013
August 2013
July 2013
June 2013
May 2013
April 2013
March 2013
February 2013

powered by

Website Builder provided by  Vistaprint