Parasha Korach
Village of Hope & Justice Ministry  - Cod. Fisc. 95117280636
My Blog

Parasha Korach

Shabbat Shalom,













 
Welcome to this week’s Torah portion, which is called Korach (Korah).
 
This is the portion of Scripture that will be read in synagogues around the world this Saturday (Shabbat) morning. We are certain you will be blessed as you follow along in our study of this week’s portion! 
 
Parasha Korach (Korah)
Numbers 16:1–18:32; 1 Samuel 11:14–12:22; Acts 5:1–11
 
“Korach son of Izhar, the son of Kohath, the son of Levi, and certain Reubenites — Dathan and Abiram, sons of Eliab, and On son of Peleth — became insolent and rose up against Moses.” (Numbers 16:1–2)
 
In last week’s Parasha (Torah portion), Shelach Lecha, the seeds of rebellion were sown as the Israelites threatened to replace Moses as their leader. 
 
So great was their fear of the giants in the promised land, and so great was their unbelief that they would be able to overcome those giants, that they wanted to forsake the promises of God and return to Egypt.
 
In this week’s Torah study, the rebellion continues with the mutiny against Moses’ leadership by a man named Korach (קֹרַח), which means baldness, ice, hail, or frost.

The Abomination of Strife and Division
 
God loves peace and the Ruach HaKodesh (Holy Spirit) dwells in peace (shalom).
 
God hates strife, discord, and division between brothers, calling the one who sows them an abomination:
 
“These six things the Lord hates, yes, seven are an abomination to Him: … one who sows discord among brethren.” (Proverbs 6:16, 19)
 
To highlight this sin, the Scripture portion this week is also called the Parasha of Machloket (Strife), since Korach created division, strife, and disaster within the community through his rebellion, discontent, and dirty politics.
 
In fact, the name Korach is derived from Korcha, which means split.

With an utter lack of humility, Korach, who was a Levite, rose up against Moses, joining forces with Dathan and Aviram, who were from the tribe of Reuben, along with On, son of Pelet, and 250 respected chieftains from the Israelite community.
 
But what charge did the rebels have against Moses? 
 
They accused him of exalting himself over the community:
 
“They gathered together against Moses and Aaron, and said to them, ‘You take too much upon yourselves, for all the congregation is holy, every one of them, and the Lord is among them. Why then do you exalt yourselves above the assembly of the Lord?’” (Numbers 16:3)
 
In fact, this sin that they accused Moses of was, in reality, their own sin. Sadly, many are guilty of such self-deception and projection.
 
It is vital to realize that people often unknowingly judge others for the very sins that they themselves are committing.
 
“You, therefore, have no excuse, you who pass judgment on someone else, for at whatever point you judge another, you are condemning yourself, because you who pass judgment do the same things.” (Romans 2:1)
 
Moreover, wicked people don’t necessarily realize that their deeds are evil, having internally justified themselves that their way is the right way. This in no way negates the seriousness of that sin, however.

The Genesis of Discord and Strife
 
Wisdom calls for discerning the underlying motivation of a brother creating strife before making judgments and issuing condemnations. And this is just what Moses did.
 
Moses knew the reason for Korach’s discord, the dark desire that lurked in his heart to exalt himself and the Levitical priesthood to the position God had expressly granted to the Aaronic priesthood.
 
Since God Himself had made the priesthood and outlined the duties of the Levites, they acted in rebellion against the authority of God.
 
Moses pinpointed the problem when he said, “Hear now, you sons of Levi: Is it a small thing to you that the God of Israel has separated you from the congregation of Israel, to bring you near to Himself, to do the work of the tabernacle of the LORD, and to stand before the congregation to serve them; and that He has brought you near to Himself, you and all your brethren, the sons of Levi, with you?” (Numbers 16:8–10)
 
Not too long before their rebellion, God chose the Levites to be caretakers of the Holy Tabernacle, the structure and its vessels, as servants to the Aaronic priesthood.
 
While all Levites serve God, Aaron and his descendants held the special appointment of being able to approach the altar to perform sacrifices. The Kohen HaGadol (High Priest) could even enter the Holy of Holies where the Ark of the Covenant stood, a status that would certainly stir some hearts to great envy.
 
Moses pointedly asked the group, “Are you seeking the priesthood also?”
 
The Word of God warns us against this sort of self-aggrandizing ambition as it brings with it great evil.
 
“For where you have envy and selfish ambition, there you find disorder and every evil practice.” (James 3:16)
 
Envy and selfish ambition cause all kinds of trouble in our personal lives, not only at home or at work, but also in congregations and fellowships as those who are neither qualified nor anointed try for positions God never intended them to occupy.
















Death and Separation: The Consequence of Strife
 
“Moses sent a summons to Dathan and Abiram, the sons of Eliab; but they said, ‘We will not come up.’” (Numbers 16:12)
 
Korach sinned by coveting the more prestigious role of the Aaronic priesthood, rather than that of Levitical servanthood. Unlike Dathan and Aviram, he had the courage to confront Moses directly, face to face.
 
During this confrontation, Dathan and Aviram seemed to remain in their tents. They sinned by rebelling against Moses’ authority over them as God’s divinely appointed leader. When Moses called for them, they replied, Loh na’aleh (we won’t go up).”
 
Ironically, those who refused to “go up” to negotiate peace with Moses ended up “going down” to their deaths. The earth swallowed them up (as well as their families and Korach’s family) alive.
 
“So they and all those with them went down alive into the pit; the earth closed over them, and they perished from among the assembly.” (Numbers 16:33)
 
The other 250 in the group, who were offering incense to God and, therefore, elevating themselves to the position of the Aaronic priesthood, were consumed by fire. (Numbers 16:35)
 
The firepans on which they were offering incense were pounded into copper plating for the altar, a visible warning for the Levites to stop encroaching on the Tabernacle and assuming the responsibilities of the Aaronic priesthood.
 
It also served as a reminder to the community of Israelites that sowing strife, questioning God’s leadership, and exalting themselves to positions of leadership ultimately lead to their own destruction.
 
“A worthless person, a wicked man ... he sows discord. Therefore his calamity shall come suddenly; Suddenly he shall be broken without remedy.” (Proverbs 6:12–15)

Wisdom and Godly Company: Avoiding the Korachs of Today
 
The rabbis consider this rebellion of Korach the most perilous moment for Israel during its wilderness journey, remembering Korach as the “Torah’s professional troublemaker and the most famous rabble-rousing Jew of all time.” (Torah with a Twist of Humor)
 
Pointing to the negative example of Korach as a “peddler of hatred,” the rabbis caution that we should not befriend evil people (al titchaber im rashah). Indeed, Proverbs 13:20 counsels that “a companion of fools will suffer harm.”
 
This is one of the main lessons that we may learn from this Torah portion.
 
King Solomon (Melek Shlomo), whose very name comes from the Hebrew word for peace (shalom), advises us to find wisdom, which prevents us from following wicked, devious people:
 
“Wisdom will save you from the ways of wicked men, from men whose words are perverse, who have left the straight paths to walk in dark ways, who delight in doing wrong and rejoice in the perverseness of evil, whose paths are crooked and who are devious in their ways.” (Proverbs 2:12–15)
 
In fact, in this Torah reading, Moses warned the people of Israel to move away from the tents of Korach, Dathan, and Aviram lest they be destroyed by God’s judgment of their sin, as well:
 
“Depart, please, from the tents of these wicked men, and touch nothing of theirs, lest you be swept away with all their sins.” (Numbers 16:26)







Dathan, Aviram and Korach are swallowed by the the earth with their families and belongings 












Paul confirms this sage advice of King Solomon and the rabbis: “Do not be misled. Bad company corrupts good character.” (1 Corinthians 15:33)
 
That is not to say that we should not minister to those who are caught in sin.
 
Yeshua (Jesus) ate with and talked to sinners and social outcasts, tax collectors, prostitutes, adulterers, beggars, and lepers. He loved them enough to share the Kingdom of God with them and called them to repentance and holiness. 
 
He did not, however, allow their sinful desires and behavior to influence or deter His holy purpose. And He did not allow any outside influence to taint the holiness of His calling.
 
Likewise, we should not allow strife, jealousy, self-aggrandizement, or any other sin to taint our calling as royal children of the Most High King.
 
And rather than being jealous of the power, prestige, position, or possessions of others, let us be content with what God has given us.
 
“Godliness with contentment is great gain.” (1 Timothy 6:6)
 
Moreover, Yeshua said, “Keep your lives free from the love of money and be content with what you have, because God has said, ‘Never will I leave you; never will I forsake you.’” (Hebrews 13:5)
 
With God as our Father and Friend, we can trust Him to meet our social, physical, emotional, and spiritual needs.





















The Strife Among God’s People Today
 
“When you saw that Nahash the king of the Ammonites came against you, you said to me, ‘No, but a king shall reign over us,’ when the LORD your God was your king.” (1 Samuel 12:12)
 
Sadly, strife and questioning God’s appointed leadership did not end with this incident in the wilderness.
 
In the promised land, God gave the Israelites judges and prophets, but they continuously rebelled against them.
 
For instance, in Haftarah Korach, we find that God answered the Israelite’s request for a king by appointing Saul, and yet the people questioned Saul’s fitness for the job. (1 Samuel 11:14–12:22)
 
In doing so, they also questioned the authority of the prophet Samuel, who at their request went to God with their demand for a king. Samuel defended his authority by saying, Here I stand. Testify against me in the presence of the LORD and His anointed. Whose ox have I taken? Whose donkey have I taken? Whom have I cheated? Whom have I oppressed? From whose hand have I accepted a bribe to make me shut my eyes?” (1 Samuel 12:3)
 
Likewise, Moses defended his conduct as an honorable leader, saying to God in the presence of his accusers, “I have not taken so much as a donkey from them, nor have I wronged any of them.” (Numbers 16:15)

When the people admit that Samuel had never defrauded them, Samuel outlines how God had faithfully delivered them from their enemies without the aid of a king.
 
Samuel then provides a sign of his authority, confirming that the choice of Saul as king is ordained by God. That sign is unseasonable rain during the dry season:
 
“Is it not wheat harvest today? I will call upon the LORD, that He may send thunder and rain. And you shall know and see that your wickedness is great, which you have done in the sight of the LORD, in asking for yourselves a king.” (1 Samuel 12:17)
 
So the Lord confirmed His displeasure with the people by sending thunder and rain on what should have been a joyous feast day.
 
When the people repent and ask Samuel to pray, he tells them how to avoid God’s wrath:
 
“Fear the LORD and serve Him faithfully with all your heart. For consider what great things He has done for you. But if you still do wickedly, you shall be swept away, both you and your king.” 
(1 Samuel 12:24–25)


Samuel anointing Saul















Still, strife did not end with this incident. The Jewish historian, Josephus, recorded that the Jews of his time “fought with each other, doing everything their besiegers could have desired.”
 
At the time of the invasion of Jerusalem in AD 70, Titus and his Roman warriors found no less than 24 different factions fighting amongst themselves, each convinced that only they had the right way to ensure the salvation of the Jewish people.
 
In fact, the destruction of the Second Temple is linked to sinat chinam (baseless hatred) between opposing factions.
 
Today, the Jewish people still struggle with division and strife. In Israel, animosity and contention rise up between various movements of Judaism: Ultra-Orthodox, Conservative, Reform, secular, and even Messianic.
 
All this discord and friction in the Jewish community exists despite being a people who share a common history and heritage and who worship the same God.
 
This problem of strife and division among brethren is not unique to Israel and the Jewish people. The Christian Church is also plagued with many thousands of splits and denominational divisions, each one convinced that they have the truth while all others are in error.
 
Strife and division result in splits. A quarrel-ridden congregation or home is doomed to destruction. How can it be otherwise since a house divided upon itself will not stand? (Mark 3:25; Matthew 12:25)

Choose Humility: A Solution to Strife
 
The truth of the matter is that Moses did not exalt himself over Korach and the others; it is God who raised him up into the position of leading Israel out of Egypt.
 
It was not his own desire to be the leader of Israel; rather, he was a leader of Israel as an act of obedience to the Lord. He was not in that position due to self-aggrandizing ambition or a desire to rule over others.
 
Even in that exalted position, Moses was called the most humble man on earth (Numbers 12:3), and we are told to humble ourselves as well.
 
Walking in humility is being willing to walk in obedience to our calling, whether God is requiring us to wash dishes or serve in a position of leadership or wash dishes while in a position of leadership.
 
It also means allowing God to exalt us in His perfect way and time, not to exalt ourselves out of jealousy or discontentment, but to be content in our status today.  (1 Peter 5:6)

Choose Gentleness: Another Solution to Strife
 
In addition to contentment and humility, we are not to seek a showdown or create a power-struggle; we are to seek harmony and peace, allowing God to judge between people.
 
The Bible tells us that “a soft answer turns away wrath, but a harsh word stirs up anger.” (Proverbs 15:1)
 
We must remember also that we all see through the glass of God’s mysteries dimly (1 Corinthians 13:12). One day, though, when all truth is revealed at the second coming of the Messiah, it may be effortless to live in a world without strife or division while our Messiah reigns from Jerusalem.
 
Until then, we must make a concerted effort to walk in holiness and unity because this is where the anointing is.
 
May we all learn to walk in greater humility, contentment, and gentleness towards all people; and may God bring unity and peace between brothers, as it is written, “Hinei mah tov umah na’yim; shevet achim gam yachad — Behold how good and pleasant it is when brothers dwell together in unity.” (Psalm 133:1)

You can shine Yeshua’s light in the Holy Land and among the Jewish people worldwide by helping our ministry spreading the world of the Lord in Israel.






Shabbat morning service:
To listen, please click on the link below







Shabbat Shalom,
 
Benvenuti nella porzione di Torah di questa settimana, che viene chiamata Korach (Core). Korach o Korah – ebraico: קֹרַח — nome traslitterato: “Core”, che tradotto in italiano significa “calvizie, ghiaccio, grandine, o gelo”, (seconda parola e incipit di questa Parasha), è la 38ª porzione settimanale della Torah (ebr. פָּרָשָׁה – parashah o anche parsha/parscià) nel ciclo annuale ebraico di letture bibliche .
 
Questa è la porzione della Scrittura che verrà letta nelle sinagoghe di tutto il mondo questo Sabato (Shabbat) mattina. Siamo sicuri che sarete benedetti mentre ci seguirete nel nostro studio della porzione di questa settimana!
 
Parasha Korach (Korah)
Numeri 16: 1-18: 32; 1 Samuele 11: 14-12: 1-22; Atti 5: 1-11
 
“Korach figlio di Izhar, figlio di Keat, figlio di Levi, e di alcuni Rubeniti - Datan e Abiram, figli di Eliab, e On figlio di Pelet - divenne sottopiede NT e si levò contro Mosè.” (Numeri 16: 1- 2)
 
Nell’ultima settimana la Parasha (parte Torah), Shelach Lecha, descriveva i semi della ribellione che sono stati seminati mentre gli israeliti minacciavano di sostituire Mosè come loro leader.  
 
Così grande era la loro paura dei giganti nella terra promessa, e tanta era la loro incredulità che sarebbero stati in grado di superare quei giganti, che volevano abbandonare le promesse di Dio e tornare in Egitto.

Nello studio della Torah di questa settimana, la rivolta continua con l’ammutinamento di Mosè da parte di un uomo chiamato Korach (קֹרַח), il che significa Calvizie, ghiaccio, grandine, o gelo.

L’abominazione delle lotte e della divisione
 
Dio ama la pace che c’è nel Ruach HaKodesh (Spirito Santo) e in Lui abita la pace (shalom).
 
Dio odia le liti, le discordie e le divisioni tra i fratelli, chiamando colui che ne emana un abominio:
 
“16 L’Eterno odia queste sei cose, anzi sette sono per lui un abominio: il falso testimone che proferisce menzogne e chi semina discordie tra fratelli.” (Proverbi 6:16, 19)
 
Per evidenziare questo peccato, la porzione della Scrittura questa settimana è anche chiamata Parasha di Machloket (conflitto). Poiché Korach ha creato divisioni, conflitti e disastri all’interno della comunità attraverso la sua ribellione, il malcontento e la politica sporca.
 
Infatti,  il nome Korach deriva da Korcha, il che significa diviso.

Con una totale mancanza di umiltà, Korach, levitico, si alzò contro Mosè, unendo le forze con Datan e Aviram, che provenivano dalla tribù di Ruben, insieme a On, figlio di Pelet e 250 capi rispettati della comunità israelita. Ma quale accusa hanno i ribelli contro Mosè? Lo hanno accusato di esaltare la comunità:
 
Essi si radunarono contro Mosè e contro Aaronne, e dissero loro: “Avete oltrepassato i limiti, perché tutta l’assemblea è santa, ciascuno di essi, e l’Eterno è in mezzo a loro; perché dunque vi innalzate sopra l’assemblea dell’Eterno?” (Numeri 16: 3)
 
Infatti, questo peccato di cui accusarono Mosè era, in realtà, il proprio peccato. Purtroppo, molti sono colpevoli di tale auto-inganno e proiezione. È fondamentale capire che spesso le persone non conoscono e giudicano gli altri per i peccati che essi stessi commettono.

“Perciò, o uomo, chiunque tu sia che, giudichi, sei inescusabile perché in quel che giudichi l’altro, condanni te stesso, poiché tu che giudichi fai le medesime cose.” (Romani 2: 1)
 
Inoltre, le persone malvagie non si rendono necessariamente conto che le loro azioni sono maligne, avendo giustificato internamente che il loro cammino è il modo giusto di proseguire. Questo non nega in alcun modo la serietà di quel peccato.

La Genesi della Discordia e dei Conflitti
 
La saggezza richiede di discernere la motivazione che nasce in un fratello che crea conflitti facendo giudizi e  condannando altri fratelli. E questo è proprio quello che Mosè ha fatto. Mosè sapeva il motivo di discordia di Korach, il desiderio oscuro che si celava nel suo cuore di esaltare se stesso e il sacerdozio levitico alla posizione di Dio che aveva espressamente concesso al sacerdozio di Aaronne. Poiché Dio stesso aveva creato il sacerdozio e delineato i doveri dei leviti, essi hanno agito in ribellione contro l’autorità di Dio. 

Mosè evidenziava il problema quando disse: Mosè disse poi a Kore: Ora ascoltate, o figli di Levi! E forse poca cosa per voi che il DIO d’Israele vi abbia appartati dall’assemblea d’Israele e vi abbia fatto avvicinare a sé per compiere il servizio del tabernacolo dell’Eterno e per stare davanti all'assemblea e servire loro? Egli ha fatto avvicinare a sé te e tutti i tuoi fratelli, figli di Levi con te. Ma ora vorreste avere anche il sacerdozio?” (Numeri 16: 8-10) 

Non troppo tempo prima della loro ribellione, Dio scelse i leviti ad essere custodi del Santo Tabernacolo, la struttura e i suoi vasi e tesori, come servi al sacerdozio di Aaronne.
 
Mentre tutti i Leviti servono Dio, Aaronne e i suoi discendenti hanno tenuto la speciale nomina di essere in grado di avvicinarsi all’altare per compiere sacrifici. Il Kohen HaGadol (Sommo Sacerdote) poteva addirittura entrare nel Sacro Cuore dove si trovava l’Arca dell’Alleanza, uno stato che certamente avrebbe spinto alcuni cuori ad una grande invidia.
 
Mosè puntualmente chiese al gruppo, “State anche cercando il sacerdozio?”
 
La Parola di Dio ci avvisa contro questo tipo di ambizione auto-soddisfacente, in quanto porta con sé un grande male.
 
“Dove infatti c’è invidia e contesa, lì c’è turbamento ed ogni sorta di opere malvagie.” (Giacomo 3:16)
 
L’invidia e l’ambizione egoistica causano ogni tipo di difficoltà nella nostra vita personale, non solo a casa o al lavoro, ma anche nelle congregazioni e nello studio e coloro che non sono né qualificati né unti, si rivolgono alle posizioni che Dio non ha mai inteso essere da loro coperte.

Morte e Separazione: La conseguenza dei Conflitti
 
“Allora Mosè mandò a chiamare Datan e Abiram, figli di Eliab; ma essi dissero: Noi non saliremo.” (Numeri 16:12)
 
Korach peccò nel desiderare il ruolo più prestigioso del sacerdozio di Aaronne, piuttosto che quello della servitù levitica. A differenza di Datan e Aviram, aveva il coraggio di affrontare direttamente Mosè, faccia a faccia. Durante questo scontro, Datan e Aviram sembravano rimanere nelle loro tende. Peccarono  ribellandosi alla autorità di Mosè su di loro come capo da parte di Dio divinamente nominato. Quando Mosè li chiamò, loro risposero, “Loh na’aleh (Non saliremo).
 
Ironia della sorte, coloro che si rifiutavano di “salire” per negoziare la pace con Mosè finirono per “andare giù” per la loro morte. La terra li inghiottì vivi (come le loro famiglie e la famiglia di Korach).

“Così scesero vivi nello Sceol; la terra si richiuse su loro ed essi scomparvero di mezzo all’assemblea.” (Numeri 16:33)
 
Gli altri 250 del gruppo, che stavano offrendo incenso a Dio e, quindi, elevandosi alla posizione del sacerdozio di Aaronne, furono consumati dal fuoco. (Numeri 16:35)
 
I focolari su cui offrivano l’incenso furono battuti in rame per l’altare, un avvertimento visibile per i leviti di smettere di penetrare nel Tabernacolo assumendo le responsabilità del sacerdozio di Aaronne. Serviva anche come un promemoria alla comunità degli Israeliti che coltivavano la disputa, mettevano in discussione la direzione di Dio esaltandosi nelle posizioni di direzione, portando alla fine la propria distruzione.

“La persona da nulla, l’uomo malvagio, cammina con una bocca perversa; ammicca con gli occhi, parla con i piedi fa cenni con le dita; ha la perversità nel cuore, macchina del male continuamente, e semina discordie. Perciò la sua rovina verrà improvvisamente, in un attimo sarà distrutto senza rimedio.” (Proverbi 6: 12-15)

Saggezza e società divina: Evitando i Korach di oggi
 
“I rabbini considerano questa ribellione di Korach il momento più pericoloso per Israele durante il suo viaggio nel deserto, ricordando Korach come il “guastafeste professionale della Torah e il più famoso demagoga Ebreo di tutti i tempi.” (Torah con un tocco di umorismo)
 
Indicare l’esempio negativo di Korach come “venditore di odio”, è secondo la precauzione del rabbino segno che dovremmo non fare amicizia con persone malvagie (al titchaber im rashah). Infatti, Proverbi 13:20 consiglia che “Chi va con i saggi diventa saggio, ma il compagno degli stolti diventerà malvagio”.
 
Questa è una delle principali lezioni che possiamo imparare da questa porzione di Torah.
 
Re Salomone (Melek Shelomo), il cui nome deriva molto dalla parola ebraica pace (shalom), ci consiglia di trovare la saggezza, che ci impedisce di seguire malvagi, persone subdole:

“per liberarti dalla via malvagia, dalla gente che parla di cose perverse, da quelli che lasciano i sentieri della rettitudine per camminare nelle vie delle tenebre, che godono a fare il male e provano piacere nelle perversità del malvagio, i cui sentieri sono storti e le cui vie sono tortuose.” (Proverbi 2: 12-15)

Infatti, in questa lettura della Torah, Mosè mise in guardia il popolo di Israele dicendo di allontanarsi dalle tende di Korach, Datan, e Avira per non essere distrutti dal giudizio di Dio del loro peccato, così:
 
“Egli quindi parlò all’assemblea, dicendo: Allontanatevi dalle tende di questi uomini malvagi e non toccate nulla di ciò che loro appartiene per non essere consumati in tutti i loro peccati.” (Numeri 16:26)
 
Paolo conferma questo consiglio saggio di re Salomone e dei rabbini: “Non vi ingannate; le cattive compagnie corrompono i buoni costumi.” (1 Corinzi 15:33)

Questo non significa che non dobbiamo servire coloro che sono catturati nel peccato. Yeshua (Gesù) ha mangiato e ha parlato con i peccatori e reietti sociali, pubblicani, prostitute, adulteri, mendicanti e lebbrosi. Li amava abbastanza per condividere con loro il Regno di Dio e li chiamò al pentimento e alla santità. Non ha tuttavia consentito ai loro desideri e comportamenti peccaminosi di influenzare o di dissuadere il Suo sacro scopo. E non ha permesso a nessuna influenza esterna di infrangere la santità della Sua chiamata.

Allo stesso modo, non dovremmo permettere la lotta, la gelosia, l’auto-soddisfazione o qualsiasi altro peccato di infastidire la nostra chiamata come figli reali del re dei re. E piuttosto che essere gelosi del potere, del prestigio, della posizione o dei beni degli altri, dobbiamo essere contenti di ciò che Dio ci ha dato.
 
“Ora la pietà è un mezzo di grande guadagno, quando uno è contento del proprio stato.” 
(1 Timoteo 6: 6)
 
Inoltre, Yeshua disse: “Nel vostro comportamento non siate amanti del denaro e accontentatevi di quello che avete, perché Dio stesso ha detto: “Io non ti lascerò e non ti abbandonerò.”(Ebrei 13: 5).
 
Con Dio come nostro Padre e Amico possiamo fidarci di lui per soddisfare le nostre esigenze sociali, fisiche, emozionali e spirituali.

La lotta tra il popolo di Dio Oggi
 
“12 Ma quando vedeste che Nahash, re dei figli di Ammon, muoveva contro di voi, mi diceste: “No, un re deve regnare su di noi”, mentre l’Eterno il vostro DIO, era il vostro re.” (1 Samuele 12:12)
 
Purtroppo, i conflitti alla direzione che Dio aveva dato non finì con questo incidente nel deserto. Nella terra promessa, Dio diede dei giudici israeliti e dei profeti, ma il popolo continuamente si ribellò contro di loro.
 
Per esempio, nella Haftarah di Korach, Dio rispose alla richiesta di un re con la nomina di Saul, e tuttavia la gente mise in discussione Saul l’israelita e la sua idoneità al lavoro da svolgere. (1 Samuel 11: 14-12: 1-22)
 
In tal modo, misero in dubbio l’autorità del profeta Samuele, che su loro richiesta era andato a chiedere a Dio un re. Samuele difese la sua autorità dicendo:  
 
“3 Eccomi, testimoniate contro di me davanti all’Eterno e davanti al suo unto: A chi ho preso il bue? A chi ho preso l’asino? Chi ho defraudato? Chi ho oppresso? Dalle mani di chi ho accettato alcun regalo che mi abbia accecato gli occhi? Io ve lo restituirò” (1 Samuele 12: 3)
 
Allo stesso modo, Mosè difese il suo comportamento come un capo onorato, dicendo a Dio alla presenza dei suoi accusatori, “15 Allora Mosè si adirò forte e disse all'Eterno: Non accettare la loro oblazione; io non ho preso da costoro neppure un asino e non ho fatto torto ad alcuno di loro.” (Numeri 16:15)

Quando la gente ammette che Samuele non li aveva mai presi in giro, Samuele descrisse come Dio li aveva fedelmente liberati dai loro nemici senza l’aiuto di un re. Samuele fornì quindi un segno della sua autorità, a conferma che la scelta di Saul come re era ordinata da Dio. Quel segno fu la pioggia irragionevole durante la stagione secca:
 
“Non è forse il tempo della mietitura del grano? Io invocherò l’Eterno ed egli manderà tuoni e pioggia; così comprenderete e vedrete che il male che avete fatto chiedendo per voi un re è grande agli occhi dell’Eterno.” (1 Samuele 12:17)
 
Così il Signore confermò il suo dispiacere contro la gente inviando tuoni e piogge su quello che avrebbe dovuto essere un festoso giorno di festa. Quando il popolo si pentì e chiese a Samuele di pregare, disse loro come evitare l’ira di Dio:

“Solo temete l’Eterno e servitelo fedelmente con tutto il cuore vostro; considerate infatti le grandi cose che ha fatto per voi. Ma se continuate a fare il male, tanto voi che il vostro re sarete spazzati via.”(1 Samuele 12: 24-25)

Tuttavia, la contesa non finì con questo incidente. Lo storico ebraico, Josephus, registrò che gli ebrei del suo tempo “ combattevano tra loro, facendo tutto ciò che i loro assediatori avrebbero potuto desiderare”. Al tempo dell’invasione di Gerusalemme nel 70 dc, Tito e i suoi guerrieri romani trovarono non meno di 24 diverse fazioni in lotta tra loro, ognuna convinta che solo loro aveva il modo giusto per assicurare la salvezza del persone ebraiche. Infatti, la distruzione del secondo tempio è collegata al Sinat chinam (Odio senza fondamento) tra le fazioni opposte.
 
Oggi, la persone ebraiche sono ancora in lotta con la divisione e la discordia. In Israele, l’animosità e la contesa si alzano tra diversi movimenti dell’ebraismo: ultra-ortodosso, conservatore, riformato, secolare e perfino messianico. Tutta questa discordia e attrito nella comunità ebraica esiste pur essendo un popolo che condivide una storia e un patrimonio comuni e che adorano lo stesso Dio.
 
Questo problema di conflitto e divisione tra i fratelli non è riservato solo a Israele e al popolo ebraico. La Chiesa Cristiana è anche afflitta da molte migliaia di spaccature s e le divisioni confessionali, ognuno convinto di avere la verità, mentre tutti gli altri sono in errore. Conflitto e divisione risultato spaccature. Una congregazione o una casa colpita dalla denuncia è destinata alla distruzione. 
 
E se una casa è divisa in parti contrarie, quella casa non può durare.” (Marco 03:25; Matteo 12,25)

Scegli l’umiltà: una soluzione al conflitto
 
La verità della questione è che Mosè non esaltò se stesso nei confronti di Korach e gli altri; È Dio che lo ha elevato nella posizione di capo e guida di Israele fuori dall’Egitto. Non era il suo desiderio essere il capo di Israele; Piuttosto, era un leader di Israele per atto di obbedienza al Signore. Non era in quella posizione a causa di ambizioni di auto-innalzamento o di desiderio di governare gli altri. Anche in quella posizione esaltata, Mosè fu chiamato l’uomo più umile sulla terra (Numeri 12: 3), e ci viene detto di umiliarci pure.

Camminando in umiltà, in obbedienza alla nostra chiamata, se Dio ci sta richiedendo di lavare i piatti o di fare servizio in una posizione di capo e lavare piatti, mentre siamo in una posizione di comando non deve smuoverci. Questo significa anche permettere a Dio di esaltare noi nel suo modo nel tempo perfetto, non per esaltare noi stessi per gelosia o insoddisfazione, ma per essere contenuti nel nostro stato di oggi. 
(1 Pietro 5: 6)

Scegli la dolcezza: un'altra soluzione al conflitto
 
Oltre al soddisfare e all’umiltà, non dobbiamo cercare di mostrare noi stessi o creare una lotta di potere; dobbiamo cercare l’armonia e la pace, permettendo a Dio di giudicare le persone.
 
La Bibbia ci dice questo “La risposta dolce calma la collera, ma la parola pungente eccita l’ira.” (Proverbi 15: 1)
 
Dobbiamo anche ricordare che tutti vedono i misteri di Dio vagamente come attraverso un vetro (1 Cor 13,12). Un giorno, però, quando tutta la verità sarà rivelata alla seconda venuta del Messia, sarà  facile vivere in un mondo senza conflitti o divisione, mentre il nostro Messia regnerà da Gerusalemme.

Fino ad allora dobbiamo fare uno sforzo concertato per camminare nella santità e nell’unità, perché è da qui che viene l’unzione.

Possiamo tutti imparare a camminare con maggiore umiltà, soddisfazione e gentilezza verso tutte le persone; e che Dio porta l’unità e la pace tra i fratelli, come è scritto, “Hinei mah tov Umah na’yim; Shevet achim gam yachad - “Ecco, quanto è buono e quanto è piacevole, che i fratelli dimorino assieme nell’Unità!” (Salmo 133: 1)

Shabbat Shalom dal Village of Hope & Justice Ministry! Lasciate che la vostra luce brilli sempre più luminosa fino a quel giorno perfetto!






Culto di Sabatto mattina:
Per ascoltare, per favore, cliccare sul link sottostante


0 Comments to Parasha Korach:

Comments RSS

Add a Comment

Your Name:
Email Address: (Required)
Website:
Comment:
Make your text bigger, bold, italic and more with HTML tags. We'll show you how.
Post Comment
RSS Follow Become a Fan

Delivered by FeedBurner


Recent Posts

The Waters of Mikvah and Baptism: the Connection between Immersion, Conversion and Being Born Again/Le Acque di Mikveh e il Battesimo: la connessione tra immersione, conversione e essere nato di nuovo
Torah Portion Matot-Masei /Porzione Torah Matot-Masei
Torah Portion Pinchas (Phinehas)/Porzione Torah Pinchas (Phinehas)
Serie di Studi Biblici Messianici: Yeshua Ha Mashiach (Gesu' Cristo il Messia) nel Vecchio Testamento (in Italiano)
Torah Portion Balak/Porzione Torah Balak

Most Popular Posts

ASILO NIDO FAMIGLIA BILINGUE A DOMICILIO
Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
SUMMER CAMP 2013 UPDATES
SUMMER CAMP 2013

Categories

"Messianic Bible Studies Series" Registration
A MOBILE COLLEGE
BACK TO SCHOOL 2013
BAMBINI DALLA SCUOLA DI STRADA ALLA SCUOLA IN CASA
Baxk To School 2014
Believe
BIBBIA PROFETICA MESSIANICA ANNO 5775 PRIMA PORZIONE DI TORAH DELL'ANNO
Casa di Preghiera & Accoglienza Place of Shalom Pozzuoli, Napoli
Casa di preghiera di Gerusalemme
Cio' in cui crediamo
Come l'Apostolo Paolo
Con i miei occhi la biblioteca per i nonni e i disabili visivi
CORSI AUTUNNALI SETTIMANALI
CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI
CORSO DI CUCITO
CORSO DI DECOUPAGE
CORSO DI EBRAICO BIBLICO A POZZUOLI IN SEDE E ONLINE SONO APERTE LE ISCRIZIONI
Daily Drop
Daily Mitzvah (Maimonides)
Daily Prayer Points
Daily Tehillim
Daily Wisdom
Daily Word
EMPLOYMENT AVAILABLE Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
English Courses for You
EVENTO TRE PER DUE
Facilitating and enhancing social inclusion of people with special needs
Generate a list of Yahrzeit dates, Hebrew Birthdays, or Hebrew Anniversaries for the next 20 years
Healing
Holocaust Memorial Day
II Porzione di Torah dell'anno 5775
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
Israel Updates
Italian House of Prayer Jerusalem/Casa di Preghiera Italiana a Gerusalemme
Kehila News Israel
La Stanza di Elia/Elijah Room
LEADERSHIP COURSE
Messianic Bible
Missione la pupilla del suo occhio 2015
MISSSION 3721
Monthly Newsletter
My Dream
ORFANI E VEDOVE
Our Tithes to Israel - Le Nostre Decime a Israele
Prayer Points
Raccolta Fondi Asilo Nido Bilingue Gratuito de L'Aquila
Raccolta Fondi per Emergenza Terremoto Amatrice, Italia - Fundraising Earthquake Emergency for Italy
RECUPERO MATERIA SCOLASTICA INGLESE
Scriptural References and daily Prayer Points
SERVIZI DI GUIDA TURISTICA E ACCOMPAGNATORI TURISTICI (CORRIERI)
SHINE PROJECT - FREE WORKSHOP
SMALL THINGS MAKE BIG CHANGES IN PEOPLE LIVES
START-UP IMMA (in ebraico mamma)
Start-Up Imma al Social Lab - Il Forum Regionale sulle Politiche Sociali - 13 Febbraio 2015 Pescara,
SUMMER CAMP 2013
TEA Parties
Teacher's Hunt!
Tempi di Gloria
The Children of Zion, His Holy People.
The Day of Prayer for the Persecuted Church
The Marriage Service
THE PATH OF THE GODS & THE CALL OF GOD 13 APRIL 2013
This is Christmas - (Questo e' Natale) - Evento Gratuito per bambini - Domenica 14, 21, 28 Dicem
This is Revival 2013 (Questo e' Risveglio 2013)
Time of Judgement/Tempi di Giudizio
Times of Glory Isaiah 66:18
TRAVEL TO ISRAEL 2013
TRAVEL TO UK 2013
Village of Hope & Justice Ministry (Onlus) Israele
Village of Hope & Justice MInistry Bible Studies
VILLAGE OF HOPE & JUSTICE MINISTRY MOBILE COLLEGE
Village of Hope & Justice Ministry Onlus Offerta Formativa Estate 2014
WAILING WALL: PRAYER REQUESTS AND ANSWERS TO PRAYER
Weekly Stories from Israel
Weekly Torah Portion
Welocome Home - Your room in Jerusalem - Italian House of Prayer Jerusalem
What we believe
Yad HaShoah Holocaust Memorial Day
Yamim Nora’im Anno 5775
Yom Kippur 5777 Appeal

Archives

July 2017
June 2017
May 2017
April 2017
March 2017
February 2017
January 2017
December 2016
November 2016
October 2016
September 2016
August 2016
July 2016
June 2016
May 2016
April 2016
March 2016
February 2016
January 2016
December 2015
November 2015
July 2015
March 2015
February 2015
January 2015
December 2014
November 2014
October 2014
September 2014
April 2014
January 2014
December 2013
September 2013
August 2013
July 2013
June 2013
May 2013
April 2013
March 2013
February 2013

powered by

Website Builder provided by  Vistaprint