The Waters of Mikvah and Baptism: the Connection between Immersion, Conversion and Being Born Again/Le Acque di Mikveh e il Battesimo: la connessione tra immersione, conversione e essere nato di nuovo
Village of Hope & Justice Ministry  - Cod. Fisc. 95117280636
My Blog

The Waters of Mikvah and Baptism: the Connection between Immersion, Conversion and Being Born Again/Le Acque di Mikveh e il Battesimo: la connessione tra immersione, conversione e essere nato di nuovo

Shalom,

The Waters of Mikvah and Baptism: the Connection between Immersion, Conversion and Being Born Again
 
“John baptized with water, but in a few days you will be baptized with the Holy Spirit.” (Acts 1:5)
 
Many Christians think that baptism originated with Yeshua’s (Jesus’) cousin Yochanan (John), who is known in the Bible as “John the Baptist.”
 
But baptism is a Biblical ritual that has been practiced regularly by all of Israel since the days of Moses.
The word baptism comes from the Greek work baptizó, which primarily means a thorough change of condition accomplished through immersion. It is written in Bibles to take the place of the Hebrew word Tevilah (to totally immerse).

This ritual immersion in water is carried out in a mikvah, which is a Hebrew word meaning gathering of waters.

A modern outdoor mikvah in Israel


















For the observant Jew, the mikvah personifies both the womb and the grave and consequently, rebirth. It is regarded as a pure, unadulterated avenue of connection with God; and for that reason, it is a place where hope is reawakened and strengthened.
 
The mikvah, therefore, plays an important role from preparation for marriage and Yom Kippur to the purification of menstruant women.
 
Tevilah (full-body immersion) marks a change of status from being tamay to tahor, rituallyunclean (impure or unfit for the presence of God) to ritually clean. This is necessary because anytime a person is to come into the presence of God, they must come tahor (pure).
 
Entering a mikvah, therefore, is commanded in Scripture for a number of common life events.
 
For example, it was forbidden to come into the presence of God in the Temple without first passing through a mikvah (today, Chassidic men, or ultra-Orthodox Jews, enter the mikvah before Shabbat, and some even go every day of the week before morning prayers).

Scripture instructs that anyone who becomes ritually unclean through contact with a dead or diseased person needs to be immersed in water before re-entering the Temple.


Before entering the Temple, Jewish men immersed themselves in a mikvah, such as this one from the Second Temple period.














A mikvah was also to take place after a leper had been declared healed by the priest.
 
“The Lord said to Moses, ‘These are the regulations for the diseased person at the time of his ceremonial cleansing… He must wash his clothes and bathe himself with water and he will be clean.’” (Leviticus 14: 1–4, 7, 9)
 
As well, a woman who completes her menstrual cycle needs to be immersed before resuming sexual relations with her husband. (Leviticus 15:19–24)
 
This commandment is still observed today. The rabbis explain that this period of abstinence, called the niddah, teaches husbands and wives the need for discipline, respect, and moderation.
 
In the most traditional Jewish mikvah, a woman must thoroughly wash her entire body, even down to her finger and toenails before entering the mikvah.

Today one of the most widely practiced uses of the mikvah is in the pre-wedding preparation of the bride and groom. It’s a way of becoming ritually pure before the marriage.
 
There is no better way to enter a marriage than to start off being pure!
 
The bride is immersed as close to the wedding as possible, even on the afternoon before the ceremony. 

It’s customary for Chassidic men to go to the mikvah before their wedding as well, and today many observant Jews have also taken on this custom.


This illustration of a modern mikvah shows how naturally-produced water is mixed with city water, which is a requirement for a mikvah.
















The Significance of a Mikvah
 
Obviously, the primary significance of the mikvah isn’t for physical cleansing, but to symbolize a spiritual cleansing.
 
The apostle Peter tells us that “the waters of immersion is not the removal of dirt from the body, but one’s pledge to keep a good conscience toward God, through the resurrection of Yeshua the Messiah.” (1 Peter 3:21)
 
The Prophet Ezekiel also speaks of gaining a spiritual renewal through cleansing waters:
 
“I will sprinkle clean water on you, and you will be clean; I will cleanse you from all your impurities and from all your idols.” (Ezekiel 36:25)

Mikvot Uncovered in Israel
 
A mikvah was often a body of natural water such as a river, lake, spring, or any naturally fed gathering of water.
 
Over time, however, it became common to construct special pools.
 
Archaeological digs in Israel have revealed several of these man-made mikvot (plural) in the second temple compound, as well as in the Judean desert, built by the Qumran community (the Essenes).
 
Modern-day visitors to Jerusalem can see the remains of these ritual baths near the Southern Wall excavations. Immersion baths have also been uncovered at Masada, at the Herodian, and all over the land of Israel.


This mikvah was discovered in Qumran, the home of the Essenes and the Dead Sea scrolls.




























Born Again—a Jewish Term
 
A man who wants to become Jewish must undergo two main requirements: circumcision and immersion. A woman, however, must only be immersed.
 
When Gentile converts go down into the waters of the mikvah, they leave behind their pagan ways, symbolically dying to their old life, and come up out of the water as a newborn child with an entirely new identity. They are in essence reborn.
 
The Talmud (oral law) states, “When he comes up after his immersion, he is deemed an Israelite in all respects.” (Yevamot 47b)
 
Rabbi Yose says in the Talmud, “One who has become a proselyte is like a child newly born.” (Yevamot 48b)
 
So, we see that the term “born again” originated in Judaism.

Understanding that the term “born again” referred to a conversion to Judaism sheds light on the conversation between Yeshua and the sage Nicodemus in the Book of Yochanan (John).
 
Nicodemus wondered, “How can a man be born when he is old? He cannot enter a second time into his mother’s womb and be born, can he?” (John 3:4)
 
From his Jewish perspective, Nicodemus essentially asked, “How can I convert to Judaism if I am already a Jew?”
 
Yeshua answered, “A man must be born of water and spirit.” (John 3:5)
 
He was explaining to Nicodemus that we cannot rely on our “Jewishness” (or any other heritage) to enter the kingdom of heaven. A conversion of our spiritual condition is necessary for salvation.

Judaism regards the mikvah as a symbolic expression of rebirth.
 
The mikvah represents the mother’s womb, which is called in Hebrew rechem. This comes from the same root as the Hebrew word for mercy (rahamah).
 
Immersing fully into the waters of the mikvah is like re-entering the womb, the place of mercy; of God’s creative power. Emerging from the mikvah is like being born again.
 
Immersion in a mikvah also represents death and resurrection. A person under water enters a death-like state, like a person descending into a grave. When he comes back out of the water, he comes back to life as a new creation.
 
When we are immersed into Yeshua ha’Mashiach (the Messiah), we also become a new creation:
“Therefore, if anyone is in Messiah, he is a new creation; old things have passed away; behold, all things have become new.” (2 Corinthians 5:17)
 
Paul understood this death and rebirth imagery of the immersion and compared it to the death and resurrection of Yeshua:
 
“Don’t you know that all of us who were immersed into Messiah Yeshua were immersed into His death? We were therefore buried with Him through baptism [immersion] into death in order that, just as Messiah was raised from the dead through the glory of the Father, we too may live a new life.” (Romans 6:3-4)


A Philadelphia Anabaptist Immersion during a Storm (1812), by Pavel Svinyin.  Anabaptism began as a 16th century offshoot of the Protestant reformation.  They shared the belief with other reformers that baptism in Scripture requires someone to confess his or her faith in Yeshua and be fully immersed.









Yeshua, the Mikvah (Hope) of Israel
 
In Hebrew, the word mikvah has the same root letters as the word hope!
 
The great Prophet Jeremiah used the word mikvah in the sense of hope:
 
“O Hashem, the Hope [mikvah] of Israel, all who forsake you will be ashamed ... because they have forsaken Hashem, the fountain of living water.” (Jeremiah 17:13)
 
When believers are immersed in the waters of the mikvah, as a declaration of faith in Yeshua, they have the hope of a new life, a new beginning in Him.
 
“For I know the plans I have for you, says the Lord, plans to prosper you and not to harm you, plans to give you a hope [mikvah] and a future.” (Jeremiah 29:11)


Some consider this ancient mikvah site in Betania at the Jordan River in Jordania as the place where Yeshua was immersed by Yochanan (John). 















Immersion and Repentance
 
In the Brit Chadashah (New Testament), Yochanan (John) arrived in the desert and began proclaiming the message that Yeshua would also proclaim after His own immersion:
 
“Turn from your sins to God, for the Kingdom of Heaven is near! … confessing their sins, they were immersed by him in the Yarden [Jordan] River.” (Matthew 3:1–6)
 
His message of turn and repent is the message of Teshuvah!
 
Teshuvah is a familiar message during the High Holy Days of Rosh Hashanah (New Year) and Yom Kippur (Day of Atonement). During these Feasts of the Lord, Israel is to assess her spiritual condition and turn back to God.
 
The chronology in the Gospels reveals that Yochanan’s arrival took place in the fall, which is the time for these feasts.
 
The mikvah would have been a sign of inward cleansing in spiritual preparation for the Holy Days. Yeshua Himself entered the waters of mikvah at this time.
 
It is evident from Yeshua’s final instructions below that tevilah or mikvah would play a part in making all the Gentile nations into Talmidim (disciples) of the Jewish Messiah. He said,
 
“Go therefore and make disciples of all the nations, immersing them in the name of the Father and of the Son [Yeshua] and of Ruach HaKodesh [Holy Spirit].” (Matthew 28:19)
 
May you experience great joy as you are cleansed and transformed by the power of His Holy Spirit through tevilah (immersion) in the mikvah.
 
“I will bless those who bless Israel.” (Genesis 12: 3)


Shalom,
 
Le Acque della Mikveh (detta erroneamente Mikvah) e il Battesimo: la connessione tra immersione, conversione e essere nato di nuovo

“Perché Giovanni battezzò con acqua, ma voi sarete battezzati con lo Spirito Santo, fra non molti giorni.” (Atti 1: 5)
 
Molti cristiani pensano che il battesimo abbia avuto origine con la venuta di Yeshua (Gesù) cugino di Yochanan (Giovanni), che è conosciuto nella Bibbia come ‘Giovanni il Battista’.
 
Ma il battesimo è un rituale biblico che è stato praticato regolarmente da tutto il popolo di Israele sin dai giorni di Mosè.

La parola battesimo deriva dalla parola greca baptizó, che significa una profonda modifica delle condizioni realizzata attraverso l’immersione. È scritto nella Bibbia per sostituire la parola ebraica Tevilah (immergersi totalmente).

Questa immersione rituale in acqua viene eseguita in un mikvah, che è una parola ebraica che significa raccolta delle acque.
 
Per l’ebreo osservante, il mikveh personifica sia il grembo materno che la tomba e di conseguenza la rinascita. È considerato un passaggio verso la purezza sconfinata di Dio; E per questo motivo, è un luogo dove la speranza viene risvegliata e rafforzata.
 
Il mikveh, dunque, svolge un ruolo importante nella preparazione al matrimonio e nello Yom Kippur oltre alla purificazione delle donne mestruanti.

Tevilah (immersione del corpo intero) segna un cambiamento di stato dall’essere Tamar a Tahor, ritualmente impuri (impuri o non più idonei ad essere alla presenza di Dio) per divenire ritualmente puri. Ciò è necessario perché ogni volta che una persona deve entrare nella presenza di Dio, deve divenire pura.
 
L’entrata di un mikveh, quindi, è riportata nella Scrittura e riguarda un certo numero di eventi comuni della vita. Per esempio, è stato proibito di entrare in presenza di Dio nel Tempio senza prima passare attraverso un mikveh (oggi gli uomini Chassidici o gli ebrei ultraortodossi entrano nel mikveh prima di Shabbat e alcuni persino la praticano ogni giorno della settimana prima delle preghiere del mattino).
 
La Scrittura insegna che chiunque diventi ritualmente impuro attraverso il contatto con una persona morta o malata deve essere immerso nell’acqua prima di rientrare nel Tempio. Una mikveh deva avvenire anche dopo che un lebbroso sia stato dichiarato guarito dal sacerdote.

“Questa è la legge relativa al lebbroso per il giorno della sua purificazione. Egli sarà portato dal sacerdote. Il sacerdote uscirà dal campo e lo esaminerà e se la piaga della lebbra è guarita nel lebbroso, Il sacerdote ordinerà di prendere per colui che dev’essere purificato due uccelli vivi e puri, del legno di cedro, dello scarlatto e dell’issopo”…. Lo spruzzerà quindi sette volte su colui che deve essere purificato dalla lebbra; lo dichiarerà puro e lascerà andar libero per i campi l’uccello vivo… Il settimo giorno raderà tutti i peli del suo capo, della sua barba e delle sue ciglia; raderà insomma tutti i suoi peli. Laverà le sue vesti e laverà il suo corpo nell’acqua e sarà puro.” (Levitico 14: 1-4, 7, 9)   
 
Inoltre, una donna che completa il suo ciclo mestruale deve essere immersa prima di riprendere le relazioni sessuali con il marito. (Levitico 15: 19-24)

Questo comandamento è ancora osservato oggi. I rabbini spiegano che questo periodo di astinenza, chiamato Niddah, insegna ai mariti e le mogli la necessità di una disciplina, rispetto e moderazione.
 
Nella più tradizionale ebraica mikveh, una donna deve lavare accuratamente tutto il corpo, anche fino al dito e alle punte dei piedi, prima di entrare nel mikveh.

Oggi uno dei più diffusi usi della mikveh è nella preparazione pre-matrimoniale della sposa e dello sposo. È un modo per diventare ritualmente puri prima del matrimonio. Non esiste un modo migliore per entrare in un matrimonio che iniziare ad essere puri! La sposa è immersa in data quanto più vicina al matrimonio possibile, anche nel pomeriggio stesso della cerimonia. È consuetudine per gli uomini Chassidici andare al mikveh prima del loro matrimonio, e anche oggi molti ebrei osservanti hanno anche assunto questa consuetudine.

Il significato di un Mikveh (erroneamente detta mikvah)
 
Ovviamente, il significato primario della mikveh non è la pulizia fisica, ma simboleggia una purificazione spirituale. L’apostolo Pietro ci dice che “a quale è figura del battesimo (non la rimozione di sporcizia della carne, ma la richiesta di buona coscienza presso Dio), che ora salva anche noi mediante la risurrezione di Gesú Cristo.” (1 Pietro 3:21)
 
Il profeta Ezechiele parla anche di ottenere un rinnovamento spirituale attraverso l’immersione nelle acque di purificazione:
 
“Spanderò quindi su di voi acqua pura e sarete puri; vi purificherò da tutte le vostre impurità e da tutti i vostri idoli.” (Ezechiele 36:25)

Mikvot scoperto in Israele
 
Un mikveh era spesso una raccolta di acqua naturale come un fiume, un lago, una sorgente o un raccolto naturalmente alimentato d’acqua. Nel tempo, però, è diventato uso comune costruire piscine di raccolta.
 
Gli scavi archeologici in Israele hanno rivelato molti di questi mikvot artificiali (plurale) nel secondo complesso del tempio, nonché nel deserto giudeo, costruito dalla comunità di qumran (gli esseni).
 
I visitatori, oggi a Gerusalemme, possono vedere i resti di questi bagni rituali nei pressi degli scavi del Muro Meridionale. Bagni di immersione sono stati scoperti a Masada, all’ Erodiano, e in tutta la terra di Israele.

Nato di nuovo - un termine ebraico
 
Un uomo che vuole diventare ebreo deve subire due requisiti principali: la circoncisione e l’immersione mikveh). Una donna deve solo essere immersa.
 
Quando un Gentile si converte scende nelle acque del mikveh, e lascia alle spalle i suoi modi pagani, simbolicamente morendo alla sua vecchia vita, e viene fuori dall'acqua come un bambino appena nato con una nuova identità. Si è essenzialmente nati di nuovo.
 
Il Talmud (legge orale) afferma: “Quando passa attraverso la sua immersione, egli è considerato un israelita in tutti gli aspetti”. (Yevamot 47b)

Rabbi Yose dice nel Talmud: “Uno che è diventato un proselita è simile ad un bambino appena nato.” (Yevamot 48b)
 
Quindi, vediamo che il termine “nato di nuovo” ha avuto origine nel giudaismo.

Capiamo il significato del termine “nato di nuovo” nel giudaismo attraverso una conversione tra Gesù e il saggio Nicodemo nel libro di Yochanan (Giovanni).
 
Nicodemo chiede, “Nicodemo gli disse: ‘Come può un uomo nascere quando è vecchio? Può egli entrare una seconda volta nel grembo di sua madre e nascere?’” (Giovanni 3: 4)
 
Dalla sua prospettiva ebraica, Nicodemo sostanzialmente chiede: “Come posso convertirmi all’ebraismo se sono già un ebreo?”

Yeshua rispose: “Un uomo deve nascere dall’acqua e lo spirito.” (Giovanni 3: 5)
 
Yeshua (Gesù) ha spiegato a Nicodemo che non possiamo contare sulla nostra “ebraicità” (o qualsiasi altro patrimonio ereditario) per entrare nel regno dei cieli. Una conversione della nostra condizione spirituale è necessaria per la salvezza. L’ebraismo considera la mikveh come espressione simbolica della rinascita.
 
Il mikveh rappresenta il grembo materno, che si chiama in ebraico Rechem. Questo viene dalla stessa radice della parola ebraica misericordia (Rahamah).

Immerso completamente nelle acque del mikveh è simile al rientrare nell’utero, il luogo di misericordia; questo prova il potere creativo di Dio. Emergendo dal mikveh è come essere nati di nuovo.

Anche l’immersione in un mikveh rappresenta la morte e risurrezione. Una persona immersa nell’ acqua entra in uno stato di morte, come una persona che scende in una tomba. Quando torna fuori dall'acqua, torna in vita come una nuova creazione.
 
Quando siamo immersi in Yeshua ha’ Mashiach (il Messia), diventiamo anche una nuova creazione:

“Quindi, se qualcuno è in Messia, è una nuova creazione; Vecchie cose sono passate; Ecco, tutte le cose sono diventate nuove”. (2 Corinzi 5:17)

Paolo ha compreso questa immagine della morte e della rinascita dall'immersione e la ha confrontata con la morte e la risurrezione di Yeshua:
 
“Non sapete che tutti noi che sono stati immersi nel Messia Yeshua sono stati immersi nella sua morte? Eravamo quindi sepolti con lui attraverso il battesimo [immersione] nella morte affinché, come il Messia è stato risuscitato dai morti per la gloria del Padre, anche noi possiamo vivere una nuova vita.” (Romani 6: 3-4)

Yeshua, il Mikveh (speranza) di Israele
 
In ebraico, la parola mikveh Ha le stesse radici della parola speranza!
 
Il grande profeta Geremia ha usato la parola mikveh nel senso di speranza:
 
“O Hashem, la speranza [mikvah] d’Israele, chiunque ti abbandonerà sarà vergognato ... perché hanno abbandonato Hashem, la fonte d’acqua viva.” (Geremia 17:13)
 
Quando i credenti sono immersi nelle acque del mikveh, stanno facendo una dichiarazione di fede in Yeshua, hanno la speranza di una nuova vita, un nuovo inizio in Lui.
 
“Perché conosco i piani che ho per te, dice il Signore, ha intenzione di prosperarti e di non danneggiarti, ha intenzione di darti una speranza [mikvah] e un futuro.” (Geremia 29:11)

Immersione e pentimento
 
Nel Brit Chadashah (Nuovo Testamento), Yochanan (Giovanni) è arrivato nel deserto e ha cominciato a proclamare il messaggio che Yeshua avrebbe proclamato anche dopo la sua immersione:
 
“uscite dai vostri peccati a Dio, per il Regno dei cieli è vicino! ... confessando i loro peccati, furono immersi nel fiume Yarden [Jordan].” (Matteo 3: 1-6)
 
Il suo messaggio di tornare indietro e pentirsi è il messaggio di Teshuvah!
 
Teshuvah è un messaggio familiare durante gli Alti Giorni di Rosh Hashanah (Capodanno Ebraico) e Yom Kippur (Giorno dell’ Espiazione). Durante queste feste del Signore, Israele deve valutare la sua condizione spirituale e tornare a Dio. La cronologia dei vangeli rivela che l’arrivo di Yochanan è avvenuto in autunno, che è il tempo in cui si celebrano queste feste. Il mikveh sarebbe stato un segno di purificazione interna in preparazione spirituale ai giorni santi. Yeshua stesso è entrato nelle acque di mikveh in questo tempo. È evidente dalle istruzioni finali di Yeshua che la tevilah o mikveh avrebbero giocato un ruolo fondamentale nel rendere tutte le nazioni gentili in Talmidim (discepoli) del Messia ebraico. Lui disse,
 
“Andate dunque e fai discepoli di tutte le nazioni, immerse nel nome del Padre e del Figlio [Yeshua] e di Ruach HaKodesh [Spirito Santo].” (Matteo 28:19)
 
Potrai provare una grande gioia nella purificazione e trasformazione grazie al potere del suo Spirito Santo attraverso la tevilah (immersione) nel mikveh. 

“Io benedirò quelli che benedicono Israele.” (Genesi 12: 3)

0 Comments to The Waters of Mikvah and Baptism: the Connection between Immersion, Conversion and Being Born Again/Le Acque di Mikveh e il Battesimo: la connessione tra immersione, conversione e essere nato di nuovo:

Comments RSS

Add a Comment

Your Name:
Email Address: (Required)
Website:
Comment:
Make your text bigger, bold, italic and more with HTML tags. We'll show you how.
Post Comment
RSS Follow Become a Fan

Delivered by FeedBurner


Recent Posts

Torah Portion Va’etchanan /Porzione Torah Va’etchanan
Torah Portion Devarim /Porzione Torah Devarim
The Waters of Mikvah and Baptism: the Connection between Immersion, Conversion and Being Born Again/Le Acque di Mikveh e il Battesimo: la connessione tra immersione, conversione e essere nato di nuovo
Torah Portion Matot-Masei /Porzione Torah Matot-Masei
Torah Portion Pinchas (Phinehas)/Porzione Torah Pinchas (Phinehas)

Most Popular Posts

ASILO NIDO FAMIGLIA BILINGUE A DOMICILIO
Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
SUMMER CAMP 2013 UPDATES
SUMMER CAMP 2013

Categories

"Messianic Bible Studies Series" Registration
A MOBILE COLLEGE
BACK TO SCHOOL 2013
BAMBINI DALLA SCUOLA DI STRADA ALLA SCUOLA IN CASA
Baxk To School 2014
Believe
BIBBIA PROFETICA MESSIANICA ANNO 5775 PRIMA PORZIONE DI TORAH DELL'ANNO
Casa di Preghiera & Accoglienza Place of Shalom Pozzuoli, Napoli
Casa di preghiera di Gerusalemme
Cio' in cui crediamo
Come l'Apostolo Paolo
Con i miei occhi la biblioteca per i nonni e i disabili visivi
CORSI AUTUNNALI SETTIMANALI
CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI
CORSO DI CUCITO
CORSO DI DECOUPAGE
CORSO DI EBRAICO BIBLICO A POZZUOLI IN SEDE E ONLINE SONO APERTE LE ISCRIZIONI
Daily Drop
Daily Mitzvah (Maimonides)
Daily Prayer Points
Daily Tehillim
Daily Wisdom
Daily Word
EMPLOYMENT AVAILABLE Welcome to Your Family Home: Start Up Imma: The Mommy’s Start Up
English Courses for You
EVENTO TRE PER DUE
Facilitating and enhancing social inclusion of people with special needs
Generate a list of Yahrzeit dates, Hebrew Birthdays, or Hebrew Anniversaries for the next 20 years
Healing
Holocaust Memorial Day
II Porzione di Torah dell'anno 5775
IO SONO LA VITE, VOI SIETE I TRALCI
Israel Updates
Italian House of Prayer Jerusalem/Casa di Preghiera Italiana a Gerusalemme
Kehila News Israel
La Stanza di Elia/Elijah Room
LEADERSHIP COURSE
Messianic Bible
Missione la pupilla del suo occhio 2015
MISSSION 3721
Monthly Newsletter
My Dream
ORFANI E VEDOVE
Our Tithes to Israel - Le Nostre Decime a Israele
Prayer Points
Raccolta Fondi Asilo Nido Bilingue Gratuito de L'Aquila
Raccolta Fondi per Emergenza Terremoto Amatrice, Italia - Fundraising Earthquake Emergency for Italy
RECUPERO MATERIA SCOLASTICA INGLESE
Scriptural References and daily Prayer Points
SERVIZI DI GUIDA TURISTICA E ACCOMPAGNATORI TURISTICI (CORRIERI)
SHINE PROJECT - FREE WORKSHOP
SMALL THINGS MAKE BIG CHANGES IN PEOPLE LIVES
START-UP IMMA (in ebraico mamma)
Start-Up Imma al Social Lab - Il Forum Regionale sulle Politiche Sociali - 13 Febbraio 2015 Pescara,
SUMMER CAMP 2013
TEA Parties
Teacher's Hunt!
Tempi di Gloria
The Children of Zion, His Holy People.
The Day of Prayer for the Persecuted Church
The Marriage Service
THE PATH OF THE GODS & THE CALL OF GOD 13 APRIL 2013
This is Christmas - (Questo e' Natale) - Evento Gratuito per bambini - Domenica 14, 21, 28 Dicem
This is Revival 2013 (Questo e' Risveglio 2013)
Time of Judgement/Tempi di Giudizio
Times of Glory Isaiah 66:18
TRAVEL TO ISRAEL 2013
TRAVEL TO UK 2013
Village of Hope & Justice Ministry (Onlus) Israele
Village of Hope & Justice MInistry Bible Studies
VILLAGE OF HOPE & JUSTICE MINISTRY MOBILE COLLEGE
Village of Hope & Justice Ministry Onlus Offerta Formativa Estate 2014
WAILING WALL: PRAYER REQUESTS AND ANSWERS TO PRAYER
Weekly Stories from Israel
Weekly Torah Portion
Welocome Home - Your room in Jerusalem - Italian House of Prayer Jerusalem
What we believe
Yad HaShoah Holocaust Memorial Day
Yamim Nora’im Anno 5775
Yom Kippur 5777 Appeal

Archives

August 2017
July 2017
June 2017
May 2017
April 2017
March 2017
February 2017
January 2017
December 2016
November 2016
October 2016
September 2016
August 2016
July 2016
June 2016
May 2016
April 2016
March 2016
February 2016
January 2016
December 2015
November 2015
July 2015
March 2015
February 2015
January 2015
December 2014
November 2014
October 2014
September 2014
April 2014
January 2014
December 2013
September 2013
August 2013
July 2013
June 2013
May 2013
April 2013
March 2013
February 2013

powered by

Website Builder provided by  Vistaprint